Settimana Laudato Si – 2020: in solidarietà con il mondo ferito

0
84

Al giorno d’oggi, il focus del ragionamento politico e dei media sembra essere solo sulla pandemia che continua ad affliggere il mondo, relegando le questioni ecologiche in secondo piano. Mentre è vero che il Coronavirus è qui per restare, è anche vero che sta già avendo un effetto ecologico sul mondo e sta attirando la nostra attenzione sulle questioni ambientali.

Le osservazioni satellitari in molte città segnalano una forte riduzione della concentrazione di biossido di azoto, prodotta dal traffico automobilistico e da altri processi di combustione fossile. Il rallentamento dell’attività economica ha, allo stesso tempo, portato a una drastica riduzione dei gas a effetto serra. A Venezia, il Canal Grande, che quasi mai aveva visto acque così trasparenti, ora rivela alcune specie di pesci e meduse raramente viste prima. In altre città del mondo, specie animali sono state viste camminare per le strade grazie alla bassa presenza umana. Stiamo assistendo a un cambiamento che nessun accordo politico ha ancora raggiunto su questioni ambientali.

In questo scenario, non è difficile stabilire connessioni tra l’attuale pandemia e la crisi ambientale. Precisamente, uno dei principi che articolano il messaggio dell’Enciclica Laudato Si è “l’interconnettività”, che ci consente di vedere come l’attività umana crea nuove interfacce che, a loro volta, trovano la loro risonanza in tutti gli aspetti della vita degli individui, della società e la nostra casa comune.

La settimana della Laudato Si celebra il quinto anniversario di questa Lettera Enciclica dal 16 al 24 maggio 2020, nel mezzo di questa pandemia, diventando un’occasione propizia per percepire i gradi di connessione tra realtà sociale, salute umana, sviluppo socio-economico, e la nostra fede cristiana. Nel nostro contesto più concreto, come Redentoristi, questa settimana può aiutarci a scoprire la nostra vocazione ambientale in modo da poterla integrare meglio nella nostra spiritualità e nella nostra vita apostolica. Papa Francesco, nel suo invito a questa celebrazione, rinnova la chiamata a rispondere alla crisi ecologica: “Il grido della terra e il grido dei poveri ci chiamano a una risposta alla crisi ecologica. Prendiamoci cura della creazione, del dono di Dio, il nostro Creatore. “

Nella prefazione ai documenti finali del 25 ° Capitolo Generale, p. Michael Brehl ha chiesto solidarietà: “Le nostre riflessioni sul mondo in cui viviamo ci hanno portato ad un apprezzamento più profondo della nostra chiamata alla solidarietà: solidarietà con Dio, tra di noi, con i poveri. Questa chiamata alla solidarietà non è un movimento politico o di protesta. Piuttosto, è un appello alla conversione fondamentale in modo tale che ogni confratello, ogni comunità, ogni Unità e l’intera Congregazione si trasformino in modo da formare veramente “un solo corpo missionario” (Cons. 2) “. (XXV Capitolo Generale, Prefazione ai documenti finali, P. Michael Brehl).

È così che la celebrazione della Settimana della Laudato Si, proprio quando stiamo sognando un mondo post-pandemico, dovrebbe portarci a pensare e ad avvicinarci alla possibilità di un modello sociale radicalmente diverso. Non possiamo semplicemente dimenticare l’aspetto ambientale una volta tornati alle attività sociali e commerciali, ecc. In questo frangente, il messaggio della Laudato Si può aiutarci a costruire il mondo migliore che desideriamo per tutti. In questo modo, la chiamata alla solidarietà con il mondo ferito può essere intesa come una chiamata alla solidarietà con la nostra Casa Comune, che sta gridando a causa delle sue ferite. “L’interdipendenza ci obbliga a pensare a un mondo con un piano comune” (LS 164), e noi Redentoristi non siamo assenti da questa realtà.

Pertanto, invitiamo tutti i Redentoristi, laici e consacrati, nei loro contesti particolari e nella loro situazione concreta, nel mezzo di questa pandemia, a partecipare, promuovere e celebrare la Settimana della Laudate Si. In questo modo, continuiamo a portare speranza a così tanti bisognosi e a testimoniare il Redentore nel nostro mondo ferito. Più risorse virtuali sono facilmente accessibili e le proposte di attività sono varie. Il 24 maggio possiamo unirci ai cattolici di tutto il mondo pregando a mezzogiorno, a seconda dell’ora locale; possiamo seguire la preghiera allegata in questo o in qualsiasi altro momento della giornata, in base alla disponibilità.

Altre possibili attività che potrebbero essere promosse sono:

A livello personale o nel programma della comunità:

– Incoraggiare uno stile di vita sostenibile
– Alla ricerca di modi per ridurre la nostra impronta di carbonio
– Elimina la plastica monouso
– Pianta un albero

Iniziative a livello spirituale

– Conduzione di ritiri spirituali basati sul messaggio della Laudato Si
– Incorporazione di valori ecologici nella preghiera personale e comunitaria
– Integrazione dei valori della Laudato Si nella nostra spiritualità
– Giorni di preghiera con i laici
– Considera di includere nella nostra preghiera personale e comunitaria le celebrazioni annuali proposte dal Papa, come la Giornata mondiale dei poveri, la settimana della Laudato Sì, la Giornata mondiale di preghiera per la creazione (1 settembre), ecc.

Iniziative pastorali

– Incorporando valori ecologici nella nostra predicazione
– Promozione di campagne che trasmettono il messaggio della Laudato Si
– Partecipa a campagne globali per chiedere azioni urgenti sul cambiamento climatico
– Elaborazione di risorse stampate che offrono formazione cristiana alla luce del messaggio della Laudate Si

A livello sociale

– Promuovere campagne per ripulire laghi, fiumi, spiagge, quartieri
– Combattere l’uso insostenibile di risorse come legname, palma, anche l’abuso e l’esaurimento della fauna selvatica, ecc.
– Promozione di attività, colloqui, ecc. a livello locale con le autorità e i sindacati per riflettere sul messaggio della Laudato Si

Alcuni virtual links

https://laudatosiweek.org/

http://www.humandevelopment.va/es/sviluppo-umano-integrale/cura-del-creato.html

https://laudatosigeneration.org/

https://catholicclimatemovement.global/

16 maggio – Webinar sul tema “Promuovere l’ecologia integrale nell’era digitale”, 9: 00-12: 00 (ora di Roma). Stanno presentando p. Martin Carbajo Nunez, OFM, dell’Università Antonianum e autore di Integral Ecology & Communication in the Digital Era. Ulteriori esplorazioni sull’argomento includono suor Bernadette Reis, FSP, membro del Dicastero per la comunicazione sociale e Vatican News con un focus speciale su “Comunicazione dei mass media e promozione dell’ecologia integrale”. Padre Amado Picardal, CSsR, segretario co-esecutivo della Commissione GPIC di USG-UISG e autore di numerosi libri su ecclesiologia, ambiente e trasformazione sociale, discuterà dell’argomento “I social media come mezzo di promozione dell’ecologia integrale”, disponibile in Inglese e spagnolo. La Commissione GPIC di USG-UISG sponsorizza questo evento.

Print Friendly, PDF & Email