La Provincia di Rio ha un nuovo Santuario

0
127
www.igrejasaojose.org.br

Un capitolo speciale è stato scritto nella storia della Chiesa di San José. La chiesa fondata dai Redentoristi della provincia di Rio più di 120 anni fa, una delle più antiche della capitale dello stato di Minas Gerais, Belo Horizonte, è diventata il Santuario Arcidiocesano di San José. La celebrazione che ha segnato la creazione del nuovo Santuario si è svolta il 19 marzo, Festa di San José, presieduta dall’Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Belo Horizonte, Monsignor Walmor Oliveira de Azevedo, e concelebrata dai Missionari Redentoristi e dai sacerdoti dell’Arcidiocesi.

Il 29 giugno si svolgerà la solenne cerimonia di elevazione al santuario di San José, insieme alla commemorazione del 70 ° anniversario di fondazione della Provincia di Rio de Janeiro.

Chiesa di San José, Belo Horizonte, fonte: Akikolá, aprile 2021

In questa intervista, P. José Cláudio Teixeira, C.Ss.R., ora Rettore del Santuario, parla di come i Missionari Redentoristi hanno accolto l’annuncio, specialmente in questo Anno dedicato a San Giuseppe.

In che modo la Comunità Redentorista ha ricevuto la notizia dell’elevazione della Chiesa a Santuario?

La Comunità Redentorista ha accolto questa notizia con grande affetto. Sappiamo tutti che la Iglesia San José, situata nel cuore di Belo Horizonte, è una Chiesa abbracciata dalla gente e, in modo speciale, dalle persone più semplici. Pertanto, la gioia di rendersi conto e sentire che ai nostri parrocchiani è piaciuto molto questo titolo: Santuario Arcidiocesano di San José.

Cosa si tiene in considerazione perché una parrocchia venga elevata a Santuario?

Prima di tutto, il servizio fornito lì. Un modo di evangelizzare che piace alla nostra gente. Secondo, dove le persone si sentono attratte e fanno di questa Chiesa il loro luogo di devozione e pellegrinaggio. Penso che al terzo posto ci sia la spiritualità del nostro patrono San Giuseppe. Un uomo accogliente e coraggioso che ha saputo ascoltare la voce di Dio nei sogni. E come la nostra gente ha bisogno di sognare!

Ci parli del tempio dedicato a San José nel cuore di Belo Horizonte, che si distingue non solo per la sua bellezza ma anche per la sua accoglienza.

Sì, la Chiesa di San José, ora Santuario, parla da sé. È stato un regalo che i sacerdoti olandesi hanno lasciato per noi e per la città di Belo Horizonte. Qui le persone si sentono benvenute. La chiesa, con la sua architettura e pittura, ci invita alla preghiera. È un luogo di incontro con Dio e con se stessi.

In 120 anni di fondazione, qual è stato l’apprendimento e l’evoluzione del lavoro svolto dai Redentoristi nella capitale di Minas Gerais?

Penso che quello che abbiamo imparato sia passare da una Chiesa che offre sacramenti a una Chiesa che vive i sacramenti. Abbiamo diversi pastorali e movimenti; tutti sono pieni di grande vivacità. Chi arriva qui sa che sarà benvenuto; l’architettura stessa accoglie i fedeli. Un’altra lezione è il sacramento della confessione. I fedeli sanno che la misericordia abbonda qui. Il Missionario Redentorista deve inserirsi nella realtà per offrire al nostro popolo parole sagge e sollievo per il cuore. Posso dire che ogni giorno impariamo ad essere più accoglienti e utili a tutti.

In questo Anno di San Giuseppe, cosa propone Papa Francesco e cosa ci insegna lo sposo di Maria in questi tempi difficili?

Nella sua bellissima lettera “Con il cuore di padre”, Papa Francesco ci insegna a “vedere” san Giuseppe, a percepirne le qualità. Un uomo che ha vissuto tanta angoscia ma che ha sempre ascoltato la voce di Dio e ha avuto coraggio. Credo che il miglior insegnamento sia la speranza e la fiducia. In questi tempi di pandemia, abbiamo bisogno di queste qualità. San Giuseppe è un santo di incredibile lucidità.

Come vivrà il Santuario l’anno giubilare di San Giuseppe?

Stiamo preparando un opuscolo sulla storia della Chiesa di San José, un video che racconta le bellezze del nostro Santuario, una presentazione di diversi canti su San José, un documentario sulla Chiesa e le storie dei nostri fedeli. Credo che nel corso dell’anno si creeranno e si apprezzeranno altre bellissime situazioni. Siamo anche chiamati a vivere il tripode che costituisce un Santuario: evangelizzazione (spiritualità), cultura spirituale e religiosa e dinamiche di servizio (accoglienza).

Brenda melo

per gentile concessione: Akikolá, aprile 2021

Print Friendly, PDF & Email