Costruire e rafforzare la solidarietà redentorista

0
323

(Provincia di Denver, Stati Uniti) Più di 20 confratelli e Partner in Missione (PIM) si sono riuniti per un incontro ZOOM all’inizio di questa settimana per offrire intuizioni e suggerimenti sulla costruzione della solidarietà redentorista in preparazione al prossimo Capitolo Generale di Roma.

I partecipanti hanno concordato all’unanimità che l’uso della tecnologia durante la pandemia globale ha aiutato a costruire e rafforzare la solidarietà tra confratelli e con il PIM. È stato espresso grande apprezzamento per la collaborazione e il sostegno dei confratelli e dei laici impegnati a servire la missione in modi diversi in tutto il mondo.
È stata sottolineata l’importanza della riunione. “Connettersi con gli altri facilita l’insegnamento e l’apprendimento, così come uno scambio aperto di informazioni e idee. Il brainstorming di gruppo è molto utile per risolvere i problemi”, ha spiegato Lucy McNamara, che serve come rappresentante della Provincia di Baltimora al Segretariato Nordamericano di Partners in Mission. “I documenti del governo generale parlano della famiglia redentorista, il che implica un’intimità. Da questa intimità riceviamo la spinta dello Spirito Santo”.

John Davenport ha condiviso un esempio ispiratore che è scaturito dalla formazione iniziale del Circolo degli Associati a Tucson. P. Paul Coury, che ha condotto la formazione iniziale degli Associati Redentoristi, ha semplicemente chiesto se qualcuno aveva qualche idea su cosa si poteva fare per aiutare la Border Patrol e l’ICE con i problemi al confine messicano. Questo semplice atto ha spinto il Circolo a collaborare con la città di Tucson e i Catholic Community Services della diocesi di Tucson. Lo sforzo collaborativo ha aiutato più di 13.000 persone in un solo anno a ottenere screening e assistenza medica, cibo, vestiti e qualsiasi altra cosa di cui avevano bisogno per andare avanti con i loro sponsor in tutti gli Stati Uniti. Con l’apertura del confine, il lavoro continua per il Circolo degli associati a Tucson.

Secondo P. Steve Benden a St. Louis, l’entusiasmo del Circolo di Tucson è un’ispirazione per altre parrocchie redentoriste in tutta la Provincia di Denver. “Spesso pensiamo solo a livello locale. Attraverso l’uso della tecnologia, possiamo conoscerci l’un l’altro, incoraggiarci a vicenda ed essere sostenitori l’uno dell’altro”, ha detto.
Julie Worch, una laica missionaria del Santissimo Redentore che ha lavorato in vari ministeri per anni, ha sottolineato quanto sia potente riunirsi concentrati sulla missione. P. Byron Miller è stato d’accordo, notando che concentrarsi sulla missione ha permesso alla missione redentorista in Mozambico di crescere e attrarre molte vocazioni. Ha anche menzionato che le Piccole Sorelle dei Poveri di Madre Teresa sono molto concentrate sulla loro missione, e sembrano attirare più vocazioni e solidarietà con la loro missione negli Stati Uniti.

Dalla discussione sono emersi diversi suggerimenti per costruire la solidarietà redentorista:
Avviare un Circolo di Associati in ogni luogo di ministero redentorista, e promuovere la partecipazione ai Circoli stabiliti come un modo pratico per costruire la solidarietà e diffondere la spiritualità e il carisma redentorista.
Condividere ciò che sta accadendo in tutto il mondo redentorista in ogni luogo di ministero.
Mantenere i cuori aperti per nuove possibilità che possono condurci in nuove direzioni, perché non sappiamo dove lo Spirito ci porterà. Siamo tutti collegati e dobbiamo mantenere la nostra connessione.

Kristine Stremel
Denverlink, aggiornamento 28 maggio 2021

Print Friendly, PDF & Email