Un sacerdote redentorista aiuta le vittime dell’incendio dei bassifondi in Thailandia

0
170
Klong Toey slum. (Bangkok Post file photo)

Un sacerdote redentorista che lavora in una missione cattolica sta raccogliendo fondi per aiutare a ricostruire le case distrutte da un incendio all’interno di una delle comunità più disagiate di Bangkok.

Venticinque case dei bassifondi sono state rase al suolo e altre sei sono state parzialmente distrutte, rendendo i poveri residenti senza casa e sconvolti.

“Faremo del nostro meglio [per aiutare]”, ha detto padre Joseph Maier, un sacerdote redentorista che gestisce il Centro della Misericordia nella tentacolare baraccopoli di Klong Toey, nella capitale della Thailandia. Tuttavia, un blocco di Covid-19 in tutta la città e la necessità di misure di allontanamento sociale stanno ostacolando gli sforzi.

Padre Joseph Maier benedice un anziana residente negli slum durante i festeggiamenti del capodanno thailandese nel suo Centro di Misericordia a Klong Toey, Bangkok. (Foto di Tibor Krausz)

Ha detto che l’incendio è iniziato la notte del 5 agosto quando un uomo alcolista violento che viveva in una delle baracche si è infuriato dopo che sua moglie non gli ha dato i soldi per comprare alcolici.

Fortunatamente, tutti i residenti sono riusciti a mettersi in salvo poiché le loro case sono state avvolte dalle fiamme e non ci sono state vittime.

“Hanno graffi e lividi, ma nessuno ha avuto bisogno di cure ospedaliere. Grazie al cielo, a causa del Covid-19 non ci sono letti d’ospedale disponibili”, ha detto padre Maier, comunemente noto come padre Joe a Bangkok.

Il sacerdote redentorista gestisce asili nido e scuole materne per bambini oltre ad aiutare donne maltrattate, anziani e altre persone povere da circa mezzo secolo.

“Sei dei nostri bambini in età da asilo che vivevano in due baracche con le loro nonne hanno perso tutto”, ha detto padre Maier. “La buona notizia è che i nostri ragazzi dei bassifondi stanno bene. [Erano] spaventati – hanno dovuto scappare terrorizzati dalle loro baracche in fiamme nel cuore della notte”.

Molti residenti nel distretto vivono in baracche fitte di legno e blocchi di cemento che possono facilmente diventare pericolose trappole antincendio nella comunità sovraffollata.

“I bambini hanno afferrato i loro orsacchiotti preferiti e trascinato in salvo le loro vecchie nonnine inciampate. Tante lacrime e abbracci, ma i nostri bambini dell’asilo ora stanno bene”, ha detto il sacerdote.

(ucanews.com)

Print Friendly, PDF & Email