“Verso un noi sempre più grande”

0
78
Credits: Catholic Relief Services / migrants-refugees.va

L’ultima domenica di settembre, il 26 settembre, si celebra la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Come titolo del suo messaggio annuale, il Santo Padre ha scelto Verso un “noi” sempre più grande.

Papa Francesco scrive:

Per i membri della Chiesa Cattolica tale appello si traduce in un impegno ad essere sempre più fedeli al loro essere cattolici, realizzando quanto San Paolo raccomandava alla comunità di Efeso: «Un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo» (Ef 4,4-5). 

Infatti la cattolicità della Chiesa, la sua universalità è una realtà che chiede di essere accolta e vissuta in ogni epoca, secondo la volontà e la grazia del Signore che ci ha promesso di essere con noi sempre, fino alla fine dei tempi (cfr Mt 28,20). Il suo Spirito ci rende capaci di abbracciare tutti per fare comunione nella diversità, armonizzando le differenze senza mai imporre una uniformità che spersonalizza. Nell’incontro con la diversità degli stranieri, dei migranti, dei rifugiati, e nel dialogo interculturale che ne può scaturire ci è data l’opportunità di crescere come Chiesa, di arricchirci mutuamente. In effetti, dovunque si trovi, ogni battezzato è a pieno diritto membro della comunità ecclesiale locale, membro dell’unica Chiesa, abitante nell’unica casa, componente dell’unica famiglia. […]

A tutti gli uomini e le donne del mondo va il mio appello a camminare insieme verso un noi sempre più grande, a ricomporre la famiglia umana, per costruire assieme il nostro futuro di giustizia e di pace, assicurando che nessuno rimanga escluso. […]

[…] Ma perché alla nostra Casa comune sia assicurata la giusta cura, dobbiamo costituirci in un noi sempre più grande, sempre più corresponsabile, nella forte convinzione che ogni bene fatto al mondo è fatto alle generazioni presenti e a quelle future. Si tratta di un impegno personale e collettivo, che si fa carico di tutti i fratelli e le sorelle che continueranno a soffrire mentre cerchiamo di realizzare uno sviluppo più sostenibile, equilibrato e inclusivo. Un impegno che non fa distinzione tra autoctoni e stranieri, tra residenti e ospiti, perché si tratta di un tesoro comune, dalla cui cura come pure dai cui benefici nessuno dev’essere escluso.

La Chiesa celebra la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato (GMMR) dal 1914. È sempre un’occasione per esprimere preoccupazione per diverse persone vulnerabili in movimento; per pregare per loro mentre affrontano molte sfide; e per aumentare la consapevolezza delle opportunità che la migrazione offre. Ogni anno la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato è l’ultima domenica di settembre.

Leggi il Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2021

Print Friendly, PDF & Email