Sinodo: camminare insieme come Chiesa

0
380

Madrid, al Sinodo è dedicato il servizio sulla copertina del numero di questo mese della nostra rivista Icono. Il 9 ottobre la Chiesa ha avviato un processo partecipativo e plurale che culminerà nell’ottobre 2023: il Sinodo. La parola Sinodo significa cammino comune o insieme. Nel corso della storia ci sono stati molti Sinodi, ma dopo il Concilio Vaticano II la Chiesa si è ripresa con forza per diventare strumento al servizio della comunione ecclesiale e della collegialità episcopale.

Gli ultimi sinodi hanno affrontato la nuova evangelizzazione (2012), le sfide pastorali della famiglia (2014-2015), i giovani, la fede e il discernimento vocazionale (2018) e l’Amazzonia (2019). Questo Sinodo è peculiare perché è chiamato a riflettere sullo stesso Sinodo come valore e obiettivo ecclesiale. “La sinodalità è uno stile e un modo di essere con cui la Chiesa vive la sua missione nel mondo. La missione della Chiesa esige che tutto il Popolo di Dio sia in cammino, con ogni membro che svolge il suo ruolo cruciale, unito l’uno all’altro”. Lo afferma il “Vademecum”, uno degli strumenti che la Santa Sede mette a disposizione delle diocesi e di tutti i credenti sul sito dell’attuale Sinodo.

Il Sinodo vuole ascoltare lo Spirito Santo che guida la Chiesa, ma anche le persone, ogni credente, specialmente quelli che non sono mai stati ascoltati e hanno qualcosa da dire. Ascoltare e coinvolgere tutti, ascoltare per capire, capire per poter prendere decisioni sagge e realistiche.

“Voglio concludere con un’immagine. L’immagine utilizzata per il logo sinodale sembra molto appropriata”, assicura l’autore dell’articolo, Víctor Chacón, CSsR. “Rappresenta il Popolo di Dio: anziani e bambini, donne e uomini, clero, religiosi e laici, sposati e celibi, anche disabili. Una Chiesa plurale, diversificata, attuale. Una tavolozza di colori ampia, non monocromatica”. E aggiunge: “Camminano, l’atteggiamento è di movimento e camminano insieme”.

(redentoristas.org)

Print Friendly, PDF & Email