Il Cardinale Tobin: Rifiutarsi di affrontare la complessità nella Chiesa è una forma di eresia

0
325

“I critici che respingono lo sforzo vaticano in corso per consultare i cattolici di tutto il mondo, come parte degli sforzi del papa per rinvigorire la vita della chiesa, non riescono a capire come Francesco sta cercando di rimodellare la chiesa”, è quanto ha detto uno dei suoi cardinali consiglieri martedì 11 gennaio 2022.

“La sinodalità è un modo di essere chiesa, basata sull’idea, l’ideale, che tutti i battezzati camminano insieme con un’attenzione condivisa allo Spirito Santo”, ha detto il cardinale Joseph Tobin, l’arcivescovo di Newark, in un discorso chiave alla Cathedral Ministry Conference, che si è svolta settimana scorsa a Chicago.

Negli ultimi giorni, alcuni critici del prossimo sinodo, che ha relativamente ricevuto poca attenzione negli Stati Uniti, si sono lamentati sui social media che alcune parole chiave associate al processo di pianificazione del sinodo, condivise in un tweet dalla Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, sembravano troppo corporative o gergali. Almeno un vescovo ha fatto sentire la sua voce, postando sul suo account Twitter: “Se il processo sinodale deve portare frutti, deve concentrarsi sulla persona di Gesù Cristo, sui valori del Vangelo e su una visione spirituale; ed eliminare strutture complesse, istruzioni strabilianti e un linguaggio secolare e corporativo”.

Senza affrontare direttamente la controversia online, il cardinale Tobin ha detto che è comune che certi temi emergano durante i periodi di preparazione che precedono una riunione del Sinodo dei vescovi.

In vista del sinodo del 2012, convocato da Papa Benedetto XVI per discutere dell’evangelizzazione, il cardinale ha detto di aver notato che il “discernimento” è un tema chiave, usato due dozzine di volte nel documento preparatorio.

“Ho pensato che è interessante che a questo livello della Chiesa, la gente riconosca che non ci sono soluzioni patetiche per le sfide che oggi la Chiesa affronta”, ha detto il cardinale Tobin, “e che il sinodo non è semplicemente lì per approvare qualcosa , ma per [chiedere], cosa sta dicendo Dio alle chiese oggi?

Il sinodo dei vescovi del 2023 sarà dedicato all’idea della sinodalità, che le diocesi hanno iniziato a preparare lo scorso anno.

Il cardinale Tobin, che serve nella Congregazione vaticana per i vescovi, ha detto che Papa Francesco ha continuato a cercare risposte alla questione della sinodalità, e che ha sottolineato temi simili.

“Più a lungo e più lontano camminiamo insieme, più ci incontriamo, più tutto diventa più chiaro”, ha detto. “In questo momento, accompagnati da Francesco, le parole sono le stesse: misericordia, gioia, discernimento, dialogo. E tra tutte, la più incompresa, secondo la mia esperienza, è la sinodalità”.

Nel suo discorso, il Cardinale Tobin ha ricordato un incontro nel 1960 tra lo storico francese ebreo Jules Isaac e Papa Giovanni XXIII. Il signor Issac sollecitò il papa a considerare come la Chiesa avesse contribuito agli atti antisemiti in Europa e il suo ruolo nel creare le condizioni che portarono all’Olocausto. Quella conversazione aiutò a portare alla promulgazione di ”Nostra Aetate” e all’inizio di un periodo di riconciliazione tra la Chiesa e il popolo ebraico.

“Quello che Papa Giovanni è stato in grado di fare è stato possibile solo perché ha ascoltato”, ha detto il Cardinale Tobin. “Ha ascoltato una voce che non avrebbe sentito in tutto il Vaticano o probabilmente da qualsiasi persona nella chiesa cattolica in quel momento. Ha ascoltato qualcuno che era stato profondamente ferito”.

Il Cardinale Tobin ha detto che ascoltare profondamente come parte del processo sinodale è “essenziale per la nostra crescita condivisa nel corpo di Cristo”. Questa posizione è “ciò che Papa Francesco vede chiaramente e sostiene apertamente come il modello di chiesa che il Signore si aspetta da noi in questo millennio”.

Ha citato l’insistenza del Papa sulla necessità della Chiesa di essere nelle periferie letterali e figurative e ha chiesto: “Mi chiedo quali voci possono parlare alla Chiesa oggi?”

Ha citato l’impegno della sua diocesi verso i giovani, gli individui nelle carceri e i cattolici L.G.B.T. – un gesto, ha detto, “che ci è costato molto”. “Ma è un costo che dobbiamo pagare, e raccoglie enormi benefici”, ha detto.

I cattolici a disagio con un modello sinodale della Chiesa, ha detto, possono essere scoraggiati dalla confusione che il dialogo spesso porta alla luce. Ma, ha detto, il rifiuto di vivere con la tensione può essere una forma di eresia.

“La mia definizione preferita di eresia è il rifiuto di affrontare la complessità”, ha detto. “Se si guarda alle eresie della Chiesa, le grandi eresie, non potevano accettare una cosa o l’altra, e non volevano vivere con la tensione. C’è una tensione essenziale e una tensione necessaria in tanta parte della nostra vita”.

Se si distrugge questa tensione”, ha continuato, “allora la chiesa, i sacramenti, la Parola di Dio diventano qualcos’altro. Non è più la Parola di Dio”.

Il Cardinale ha detto di essere fiducioso che le chiese possano aprire le loro porte e ascoltare profondamente, ma è anche consapevole che il processo potrebbe non essere facile.

“Abbiamo una lunga strada da percorrere per codificare nel nostro DNA ecclesiale, questo modo di essere chiesa”, ha detto.

(per Michael J. O’Loughlin; americamagazine.org, 12/01/2022)

Print Friendly, PDF & Email