Una Chiesa povera per i poveri

0
223
Chiesa San Raimundo Nonato, Fortaleza, Brasile

Il redentorista padre Eamon Gowing della contea di Laois, in Irlanda, ha trascorso quasi 50 anni vivendo tra i poveri del Brasile. – È stato, dice, un privilegio incredibile.

Intervista: Anne Staunton e Pat O’Sullivan

All’inizio degli anni ’70, nella parrocchia di Sao Raimundo a Fortaleza, un’équipe di laiche e laici ha lavorato con voi nella parrocchia. Raccontaci del loro lavoro.

Il mio primo incarico in Brasile è stato nella parrocchia di San Raimundo a Fortaleza. Fui incaricato di Bela Vista, la zona più povera della parrocchia. A quel tempo, Bela Vista era una baraccopoli di strade non asfaltate, baracche improvvisate e senza servizi igienici. Oltre al mio lavoro sacerdotale (le mie prime messe sono state celebrate sotto un albero di mango), ho iniziato a organizzare le persone per cercare modi per migliorare le loro condizioni di vita e lottare per i loro diritti.

Uno dei miei primi ricordi è di aver invitato il sindaco a visitare la comunità. Era la stagione delle piogge e le strade erano un mare di fango. Ho avuto una grande soddisfazione nell’incontrarlo all’ingresso del quartiere e dirgli che avrebbe dovuto lasciare lì la sua macchina e camminare per il resto della strada, cosa che ha fatto, arrancando nel fango quasi fino alle ginocchia.

Un problema emerso nella maggior parte degli incontri della comunità era il numero di bambini che non andavano a scuola. Abbiamo deciso di creare una piccola scuola con i giovani della comunità come insegnanti volontari. Il progetto è andato bene e un rappresentante Oxfam in visita è rimasto debitamente colpito. Ha suggerito di creare un gruppo di giovani per lavorare a tempo pieno nello sviluppo della comunità. Sono stati selezionati due degli insegnanti volontari e in seguito si sono aggiunti due giovani coinvolti nelle attività comunitarie.

Il team ha intervistato la comunità e ha scoperto che l’alloggio inadeguato e la mancanza di servizi sanitari erano i bisogni più urgenti.

Abitazioni: cercando in giro per trovare dei modi per aiutare, abbiamo scoperto che un fratello Redentorista in uno stato vicino aveva inventato un sistema per fabbricare blocchi di cemento che erano molto più economici dei normali blocchi sul mercato. In sostanza, ha usato meno cemento e ha fatto vibrare l’impasto, il che ha prodotto un blocco leggermente più debole del blocco di regolazione ma adeguato per case semplici a un piano. Il team ha ricevuto una sovvenzione da Oxfam e ha installato il sistema nella comunità. Le famiglie povere potevano venire a qualsiasi ora del giorno e della notte per fare i blocchi. Per ogni 1.000 blocchi realizzati, 800 erano loro e 200 sono stati trattenuti dal progetto e venduti per rifornire cemento e sabbia. In questo modo un numero considerevole di famiglie migliorava le proprie case, che progressivamente cambiavano l’aspetto del quartiere.

Servizi medici di base: un incontro casuale con un professore presso il dipartimento di medicina dell’università locale l’ha portata a prendere ed invitare studenti di medicina sotto la sua supervisione a frequentare la comunità. Così ora. i poveri avevano accesso alle cure mediche di base. Uno sviluppo successivo è stata la creazione di un centro nutrizionale. Il professore è rimasto colpito dal gran numero di bambini malnutriti nella comunità. Con l’aiuto del team e una sovvenzione di Oxfam, ha istituito un centro nutrizionale per aiutare a recuperare i bambini più gravemente malnutriti. Questo centro ha indubbiamente salvato la vita a molti bambini e ha dato a molti di più la possibilità di un futuro sano.

Durante un periodo di cinque anni, il team ha sviluppato molte altre attività, come corsi di alfabetizzazione per adulti, campagne di vaccinazione, corsi di formazione per elettricisti, idraulici e così via. Quando il progetto Oxfam è terminato, tutti e quattro i membri del team hanno continuato volontariamente il loro coinvolgimento nelle attività della comunità.

Ricordi ancora la notte del 1976 quando hai celebrato una veglia di preghiera per le famiglie dei prigionieri politici nella chiesa di San Raimundo mentre la polizia federale girava per la chiesa con tutte le sirene accese? Puoi dipingere un’immagine di com’era e perché stavi sostenendo Women for Amnesty in una dittatura?

Nella tarda notte di settembre del 1976, un gruppo di donne apparve sulla soglia della casa parrocchiale di Fortaleza. Erano membri di un’organizzazione di recente formazione, Women for Amnesty, e chiedevano il permesso di tenere una veglia di preghiera nella nostra chiesa. Questo non sarebbe stato problematico in circostanze normali, ma ovviamente le circostanze erano tutt’altro che normali. La dittatura militare (1964-85) era in pieno svolgimento e ogni segno di opposizione veniva brutalmente represso, con arresti arbitrari, torture, omicidi e “sparizioni”.

Women for Amnesty è stato uno dei primi segnali di opposizione civile organizzata a Fortaleza. Il loro capo, Nildes Alencar, era un’insegnante e sorella di Frei Tito OP. che era in carcere per aver organizzato una via di fuga clandestina per attivisti politici in fuga. Trattandosi di un’organizzazione femminile, c’era una garanzia di un po’ più di tolleranza da parte del regime. Ma l’unico modo per organizzare un incontro pubblico era sotto la protezione della chiesa. Da qui la proposta di una veglia di preghiera.

Questa proposta ha rappresentato una vera sfida per la nostra comunità redentorista (Padri James Duggan, Pat O’Sullivan e me stesso). Le donne ci hanno detto che molte delle chiese più centrali della città le avevano rifiutate per paura di rappresaglie. E noi, come stranieri, saremmo particolarmente vulnerabili. Ci siamo ritirati per pensarci e pregare e abbiamo deciso di darle il nostro sostegno.

L’atmosfera durante la veglia è stata molto tesa. Passavano le auto della polizia con le sirene accese a tutto volume. Ad un certo punto, due uomini si sono uniti alla veglia – ovviamente molto fuori luogo – e sono stati trasmessi avvisi sussurrati chiedendoci di stare attenti a ciò che veniva detto poiché si credeva che gli uomini stessero registrando il procedimento. Ma, fortunatamente, la veglia si è conclusa senza incidenti.

Per qualche tempo abbiamo camminato e vissuto nel timore di rappresaglie, ma per fortuna non ci sono state gravi conseguenze. Women for Amnesty è cresciuto di importanza a livello nazionale ed è stato un fattore importante nella sconfitta finale della dittatura.

Ricordo quando tu e padre James Duggan vi siete trasferiti in una baraccopoli nel 1978. Fu un cambiamento monumentale nella visione pastorale per i Redentoristi a quel tempo, e so che era qualcosa che avevi sempre voluto fare. Cosa ti ha spinto a vivere l’opzione per i poveri in quegli anni? Perché è stata una mossa così significativa?

Nel 1978, il capitolo della Vice-Provincia di Fortaleza ha preso una decisione che ha comportato un cambiamento significativo nella visione pastorale dei missionari Redentoristi irlandesi in Brasile. È stata approvata una risoluzione secondo cui due confratelli sarebbero stati designati per aprire una nuova comunità in una baraccopoli per un periodo di cinque anni. Fino ad allora, i missionari vivevano in comunità considerevoli (tre membri o più) e si occupavano principalmente della gestione delle parrocchie secondo le linee del tradizionale ministero parrocchiale. Questa mossa prevedeva che i religiosi vivessero uno stile di vita povero tra i poveri e lavorassero esclusivamente per i poveri sulla falsariga delle comunità cristiane di base.

Con mia sorpresa e gioia, fui uno dei due prescelti. L’altro era padre James Duggan, RIP, di Blarney. Ci siamo stabiliti in una casa di fango abbandonata a Palmeiras, una delle comunità più povere alla periferia di Fortaleza. James era il cuoco e io il lavapiatti!

Palmeiras consisteva in circa 1.000 capanne di fango, senza servizi igienici, strade non asfaltate, senza mezzi pubblici, elettricità precaria e senza approvvigionamento idrico pubblico. Abbiamo iniziato il nostro ministero con le messe agli angoli delle strade e una serie di incontri domestici iniziati con una lettura e una discussione della Bibbia, seguiti da un’analisi dei problemi della comunità e di come affrontarli.

Sul fronte religioso c’era una grande richiesta di Prime Comunioni e Cresime, per questo si sono costituiti una serie di classi di catechismo e un gruppo giovanile. Sul fronte sociale sono stati organizzati gruppi di volontari per scavare pozzi e costruire primitivi servizi igienici all’aperto. I materiali sono stati forniti da una sovvenzione di un gruppo di volontari a Brasilia. I trasporti erano un grosso problema, soprattutto per le emergenze sanitarie durante la notte. Questa domanda è stata parzialmente risolta dall’arcivescovo che ha donato una vecchia auto alla comunità, ma ha creato un altro problema per i padri poiché erano gli unici autisti disponibili. Venivamo costantemente chiamati a fare corse di emergenza agli ospedali e alla maternità (in macchina sono nati tre bambini!)

Alla fine dei cinque anni, i Redentoristi si ritirarono da Palmeiras, ma il progetto originario continuò su due fronti. In primo luogo, per un colpo di fortuna, due preti italiani presero Palmeiras e continuarono il lavoro più o meno sulla stessa linea. In secondo luogo, i Redentoristi hanno aperto nuove comunità nelle baraccopoli alla periferia di Fortaleza e Teresina, e questo stile di vita e di lavoro religioso è continuato fino ad oggi.

Fui assegnato alla nostra parrocchia Redentorista di Teresina e incaricato di trovare nella città una zona povera in cui fondare una comunità tra i poveri. Subito dopo, a Fortaleza, furono aperte altre due comunità nei quartieri poveri di São Miguel e Serviluz. Nel 1996 è stata fondata l’attuale comunità di Luxou, dove don Martin Murray ed io abbiamo lavorato negli ultimi 25 anni. A livello personale, sono grato ai superiori e ai confratelli per avermi concesso il privilegio di potermi dedicare ai poveri praticamente per tutti i miei 50 anni di missione in Brasile.

(Da Reality Magazine)

Print Friendly, PDF & Email