I seminaristi redentoristi lavorano con i volontari della Caritas al confine ucraino.

0
817

Da oltre una settimana, i seminaristi del Seminario Maggiore Redentorista di Tuchow si sono offerti volontari al confine polacco-ucraino a Zosin. Hanno temporaneamente abbandonato gli studi per aiutare i rifugiati ad attraversare il confine ucraino-polacco e fornire loro un sostegno iniziale.

Come p. Maciej Sadowski, C.Ss.R. informa che quattro seminaristi stanno aiutando i rifugiati provenienti dall’Ucraina. Lavorano alla stazione Caritas sotto la supervisione di p. Maciej Ziębiec, C.Ss.R., un membro della comunità redentorista di Varsavia, che si è anche offerto volontario per lavorare al valico di frontiera.

Dal momento che più seminaristi hanno dichiarato la loro disponibilità ad aiutare i rifugiati, c’è un piano per piccoli gruppi di andare per diversi giorni e lavorare a turno, senza rinunciare alle classi più a lungo.

Il seminario e il monastero del Seminario Maggiore Redentorista di Tuchow, insieme a una parrocchia santuario locale, sono anche coinvolti nel coordinamento degli aiuti alle parrocchie in Ucraina dove prestano servizio i Redentoristi della Provincia di Lviv. – Quelle parrocchie nell’Ucraina occidentale sono ora centri di aiuti umanitari.

Molte comunità redentoriste di tutto il mondo hanno risposto ai bisogni del popolo ucraino che soffre per la guerra. I confratelli, rimasti sul posto, continuano ad assistere la popolazione e a fornire loro gli aiuti umanitari ricevuti dall’estero.

(www.tarnow.gosc.pl)