P. Taras Kchik, CSsR “Facciamo del nostro meglio per aiutare chi ha fiducia in noi”

0
406

Intervista sulla rivista Icono (Spagna), a padre Taras Kchik, un redentorista ucraino di 36 anni. Negli ultimi anni è stato formatore per studenti ucraini a Leopoli e attualmente vive nella comunità redentorista di Ivano-Frankivsk, nel sud-est del paese.

“Ogni giorno inizia con lo stress di scoprire quale città è stata colpita durante la notte”, P. Taras Kchik, CSsR

Come è cambiata la tua situazione quotidiana da quando è iniziato questo assedio?

Questo conflitto ha avuto un grande impatto sulla nostra vita quotidiana. La maggior parte delle nostre case ha dovuto cambiare completamente il metodo di lavoro, creando tante strutture sociali e servizi che falliscono o le portano oltre i propri limiti. Facciamo del nostro meglio per aiutare coloro che si fidano di noi.

Come si concilia la vocazione al servizio della riconciliazione con il dolore di un popolo assediato?

La nostra vocazione è stata molto presente attraverso il sacramento della riconciliazione. Soprattutto con l’arrivo dei profughi, così come con quelli che si arruolano nell’esercito. Concretamente, in questo tempo di Quaresima, molte persone si fanno avanti per ricevere il sacramento della riconciliazione. Ci sono alcuni che non si sono avvicinati tutto l’anno e alcuni che hanno finalmente deciso di fare il passo avanti per riconciliarsi con Dio. Soprattutto quelli che si arruolano nell’esercito spesso vengono da noi prima di presentarsi in servizio, chiedendo riconciliazione, preghiera, qualche guida, conversazione spirituale o semplicemente quel supporto spirituale prima di iniziare il servizio militare.

Le diverse confessioni cristiane sono unite nel servizio della pace?

In realtà, non abbiamo alcuna celebrazione formale per la pace nella nostra chiesa; abbiamo celebrazioni normali e durante il giorno ci sono molti moleben (preghiere diurne) e rosari pregati per la pace. Tuttavia, non siamo una chiesa centrale e quindi non ci sono celebrazioni “ufficiali” per la pace con le diverse denominazioni.

Come valuta gli aiuti internazionali? Senti fortemente la fraternità della Congregazione universale?

Abbiamo sentito quel forte desiderio internazionale di aiutarci e sostenerci. Lo abbiamo sentito nella vostra rapida azione di procurarci rifornimenti, di aiutarci con gli aiuti umanitari; Lo abbiamo sentito più fortemente attraverso il sostegno della Congregazione, attraverso altre province Redentoriste, dandoci l’aiuto che possono, rendendoci tutto più facile per servire le persone che sono con noi, fornendoci le forniture di cui abbiamo bisogno per continuare il nostro servizio. Nel nostro monastero abbiamo una panetteria e abbiamo scommesso sul pane, non solo per la gente del quartiere, ma anche per le persone che hanno cercato rifugio nelle scuole locali. Anche per i profughi che non hanno nessun altro a cui rivolgersi e a volte non hanno cibo eppure per poco tempo abbiamo avuto molta farina. E’ stato perfino un momento che non avevamo abbastanza per la prossima spedizione alle scuole, ma poi, grazie alla provincia Redentorista spagnola, abbiamo ricevuto la quantità di farina di cui avevamo bisogno per continuare questo servizio.

Intervista completa e traduzione di Carlos A. Diego Gutiérrez CSsR in questo link

La Provincia Redentorista dell’Ucraina ha poco meno di 100 confratelli in 13 case sul territorio ucraino; due di loro si trovano attualmente in aree occupate e uno in una città assediata. La maggior parte delle nostre comunità si trova nell’Ucraina occidentale, con il loro centro a Leopoli.