Abbiamo aperto le nostre porte ai rifugiati dall’Ucraina

0
119
Padre Kazimierz Piotrowski (sinistra) intervistato dal fratello Krystian Grabowski

Un’intervista a p. Kazimierz Piotrowski, CSsR

Dall’inizio della guerra in Ucraina sono arrivati ​​in Polonia oltre 3,5 milioni di profughi. Questo numero aumenta di diverse migliaia di nuovi arrivi ogni giorno. Sono spesso senzatetto e persone abbandonate che hanno bisogno del nostro aiuto e delle nostre cure. Come Redentoristi, inviati principalmente ai poveri e agli abbandonati, cerchiamo di rispondere ai segni dei tempi. Per questo, in molti luoghi, apriamo le nostre porte a coloro che fuggono dalla guerra e ci occupiamo dei loro bisogni. Questo è successo a Tuchow, dove si trovano la nostra casa religiosa Redentorista e il Seminario Maggiore. Abbiamo ospitato i profughi nella casa del pellegrino. Uno dei coordinatori di questa iniziativa è padre Kazimierz Piotrowski, CSsR, che ne parla in un’intervista.

Fratello Krystian Grabowski, CSsR: Padre Kazimierz, per favore ci può dire qualche parola su di te.

Padre Kazimierz Piotrowski, CSsR: All’inizio della mia vita sacerdotale, sono andato in Ucraina, dove ho servito per 6 anni e mezzo. Lì ho imparato la lingua e la cultura. Dopo essere tornato in Polonia, ho lavorato come missionario e per più di due decenni sono stato responsabile dell’economia della Provincia Redentorista di Varsavia. Dopo aver terminato questo ministero, sono tornato al mio lavoro missionario e agli studi scientifici.

K.G.: Durante il ministero in una parrocchia in Ucraina, hai stretto amicizia e hai conosciuto meglio il Paese. Qual è stata la tua reazione alla notizia dell’inizio della guerra?

K.P.: Conosco bene la storia e vedo la logica dietro la guerra. Queste sono alcune cose che si possono prevedere. Guerra significa profughi e problemi sociali, economici e militari. Dopo la seconda guerra mondiale, è la prima volta che ci trovavamo di fronte a un conflitto armato su larga scala. La Russia sembra aver frainteso una cosa fondamentale: un uomo non può essere il sovrano dell’Europa e ricattare gli altri. Conoscendo la storia (soprattutto il 20° secolo), non sono sorpreso di vedere cosa sta succedendo ora.

K.G.: Quali sono state le tue prime idee e progetti per aiutare i rifugiati?

K.P.: La più semplice! Ho telefonato ai miei amici per raccogliere fondi per acquistare medicine e cercare alcune forniture come aiuto umanitario il più rapidamente possibile. Era chiaro che un così grande sfollamento di milioni di persone avrebbe richiesto molti soldi per aiutarli. La società deve unirsi perché nessuno può sostenere da solo il costo di un’impresa del genere, ed è quello che è successo. Poi, prepariamo tutto per accogliere i profughi a Tuchów. Abbiamo ricevuto quarantacinque persone dall’Ucraina. Quasi tutti provenivano dalle parti orientali dove attualmente sono in corso pesanti combattimenti; Donbas, Kharkiv, Mariupol, Irpin, ecc. Sono principalmente madri con bambini. Abbiamo anche organizzato corsi di lingua in polacco: uno nella nostra casa religiosa a Tuchów e il secondo nella scuola elementare nella vicina città di Ciężkowice. L’acquisizione di almeno competenze linguistiche di base aiuterà i rifugiati a trovare e accettare un lavoro.

K.G.: Chi sono le persone che hai preso sotto il tuo tetto?

K.P.: È un gruppo abbastanza ampio di persone in continuo cambiamento: alcuni trovano lavoro e cambiano luogo di residenza. Oggi, 29 aprile, sono arrivate a casa quattro nuove persone. Sono persone di età diverse con vari problemi e condizioni di salute. Abbiamo una donna cieca; c’è anche una signora che ha una paralisi cerebrale. La maggior parte di loro ha lasciato le proprie case nell’area del Donbas. Quando sono arrivati ​​sembravano molto persi, ma col tempo hanno cominciato a sentirsi a proprio agio con noi. Fin dall’inizio ho insistito perché si ricordassero che insieme formiamo un’unica famiglia. L’atmosfera è perfetta. I rifugiati collaborano; Si prendono cura della casa e si prendono cura l’uno dell’altro.

K.G.: Quali sono le loro esigenze più significative? Cosa aspetti si possa fare?

K.P.: La gamma di problemi e bisogni è ampia. Il primo e più importante è il bisogno di sicurezza e accoglienza, come in una famiglia. Un sorriso, una buona parola e mostrare interesse sono essenziali. La migliore cura per una persona è un’altra persona. Dobbiamo organizzare la medicina per alcune persone perché, come ho detto prima, sono persone malate, quindi collaboriamo con i servizi sanitari. Aiutiamo i rifugiati con problemi legali (ad esempio, ottenere un documento valido in Polonia). C’è molto da fare e cerchiamo di affrontare i problemi di ciascuno individualmente.

K.G.: Ci sono tante cose da fare, tante mani sono necessarie per lavorare. Le persone sono disposte a farsi coinvolgere in questo tipo di supporto? Quante persone aiutano?

K.P.: L’aiuto e disponibilità è eccellente. Molti vogliono aiutare anche con un piccolo gesto. Quanto alla nostra casa religiosa, l’offerta di sostegno è considerevole. Padre Ludwik Łabuda CSsR, cresciuto in Ucraina, è molto attivo in questo lavoro grazie alle sue capacità linguistiche. Il parroco aiuta, fratello Kamil, altri padri e fratelli aiutano in vari modi. Inoltre, le Suore Giuseppine, le Serve ei laici stanno mostrando la loro gentilezza in ogni modo possibile. Occorre anche ricordare l’azione organizzata prima dell’arrivo dei profughi: si raccoglieva cibo in scatola da inviare in Ucraina. Poiché gestiamo gli aiuti, non ci concentriamo solo sul gruppo di coloro che hanno ricevuto. Insieme alla Provincia Redentorista di Varsavia e a ‘Radio Maryja’, stiamo organizzando l’azione di inviare un’altra partita di cibo in Ucraina. La risposta è ottima. Tutti i gesti di gentilezza sono semplicemente belli!

K.G.: Ti interessano anche i bisogni spirituali di queste persone?

K.P.: Le persone che riceviamo provengono principalmente dalla Chiesa ortodossa. Ci assicuriamo che abbiano accesso al ministero spirituale. Abbiamo spiegato loro la possibilità di ricevere i sacramenti nella Chiesa cattolica. Abbiamo contattato la Cattedrale Ortodossa di Gorlice e organizzato il viaggio in autobus per chi volesse partecipare alla liturgia della Veglia Pasquale, che si celebra secondo il calendario giuliano. Invitiamo anche monsignor Roman Dubec a venire a benedire il cibo e ad incontrare i credenti ortodossi nella nostra zona della chiesa. Sapendo quanto siano forti i bisogni spirituali, facciamo del nostro meglio per soddisfarli.

K.G.: Nel Vangelo, Gesù dice: “Beati gli operatori di pace…” – come possiamo portare la pace alle persone?

K.P.: È fondamentale trattare le persone con gentilezza: non solo in tempo di guerra, ma sempre! Man mano che mostriamo compassione e preoccupazione, iniziamo a conoscere il nostro prossimo. Poi scopriamo le vostre esigenze e si aprono le possibilità per realizzarle.

K.G.: Questa dimensione è presente nel carisma redentorista?

K.P.: I rifugiati sono persone che si sono trovate in una situazione di abbandono dal punto di vista spirituale e materiale, quindi non c’è dubbio che sono loro a cui dobbiamo rivolgerci. Sono persone aperte e meravigliose; le differenze religiose non sono un problema. Dio è venuto dall’uomo per capirlo e mostrargli la sua cura. Seguendo il Redentore, agiamo secondo il suo esempio.

K.G.: La situazione attuale è in continua evoluzione. Quali sono le prospettive per il futuro?

K.P.: Nessuno di noi conosce il futuro, solo il Signore Dio. Ho detto ai nostri ospiti: “Si noti che la situazione attuale è difficile, ma è anche un’opportunità”.

K.G.: Molte persone si chiedono in quale altro modo possono aiutare i profughi di guerra. Qual è il tuo consiglio per loro?

K.P.: Tutto indica che questa guerra durerà a lungo. La solidarietà è fondamentale. Quando compriamo al mercato il necessario per una famiglia, compriamo un po’ di più e lo portiamo nei punti dove viene raccolto. Interessiamoci alle persone che incontriamo per strada; forse possiamo mostrarti la strada o dirti a che ora parte l’autobus. Cominciamo con le cose semplici e una buona parola gentile.

Per gentile concessione di “Rodzina Odkupiciela” [La Famiglia Redentorista], Bollettino del Seminario Maggiore Redentorista di Tuchów, Polonia, n. 2/2022

Print Friendly, PDF & Email