Redentoristi: eredi della comunicazione alfonsiana

0
135

Domenica 29 maggio la Chiesa ha celebrato la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Il tema del messaggio scelto da papa Francesco è “Ascoltare con l’orecchio del cuore”, invitando il mondo della comunicazione ad imparare ad ascoltare.

“Gesù stesso ci chiede di prestare attenzione a come ascoltiamo. Per ascoltare davvero ci vuole coraggio, ci vuole un cuore libero e aperto, senza pregiudizi.

Ad Aparecida (SP), l’universo della comunicazione dialoga direttamente con l’esperienza della fede e della spiritualità cristiana. I Missionari Redentoristi, giunti in questa città nel 1894, seguono le orme di Sant’Alfonso Maria de Liguori, il primo e uno dei più grandi comunicatori della Congregazione del Santissimo Redentore.

I Redentoristi bavaresi, venuti dalla Germania, aprirono subito un laboratorio grafico, che sarebbe poi diventato l’Editoriale Santuario, con lo scopo di evangelizzare il popolo attraverso una solida catechesi. Negli anni ’50, i Redentoristi brasiliani inaugurarono Radio Aparecida, che raggiunse rapidamente gli ascoltatori di tutto il Brasile, con una programmazione di alta qualità, con i dovuti valori missionari. Allo stesso modo e con lo stesso obiettivo di portare l’annuncio della Copioso Redenzione, la TV Aparecida e il Portale web A12 sono apparsi rispettivamente nel 2005 e nel 2010.

Questo ruolo evangelizzatore dei Missionari Redentoristi si consolidò con la Famiglia dei Devoti, unendo famiglie di tutto il Brasile in una sola, ai piedi della Madre Aparecida, con mezzi di diffusione della fede, come la Rivista Aparecida, la Rivista dei Giovani di Maria e la Rivista dedicata ai bambini.

Per ricordare questo obiettivo comune della Congregazione nei media di Aparecida, è stato preparato un video in cui si visitano la casa Editrice Santuario, Radio Aparecida, TV Aparecida, Portal A12 e Familia dos Devotos, presentando i missionari che coordinano e collaborano in questi mezzi , e che seguono le orme dei Redentoristi come Sant’Alfonso Maria de Liguori, Padre Valentim Mooser e Padre Vitor Coelho de Almeida.

(a12.com)

Print Friendly, PDF & Email