Le prime missioni redentoriste in Lituania

0
145
Il team che ha partecipato alle missioni a Kaunas, in Lituania.

Nel 2018, i Redentoristi in Slovacchia hanno preso una decisione significativa e coraggiosa. Hanno risposto all’invito dei vescovi della Lituania e hanno inviato due dei loro padri a servire in questo paese baltico. A settembre saranno quattro anni che P. Rastislav Dluhý CSsR e P. Peter Hertel CSsR hanno deciso di dedicarsi completamente al ministero pastorale in Lituania.

Uno dei principali ministeri dei Redentoristi in Slovacchia è quello delle missioni popolari. Non sorprende quindi che una coppia di padri religiosi abbia cercato di organizzare missioni anche in Lituania. Hanno dovuto aspettare quasi quattro anni per le prime missioni a causa della difficile lingua lituana e di altre circostanze.

“I due anni sono stati limitati dalla pandemia legata al Covid-19”, spiega p. Rastislav, il motivo del cambiamento di data. Alla fine, le missioni sono state riprogrammate non solo in termini di date, ma anche geograficamente. A causa del conflitto in Ucraina, la popolazione ucraina ha dovuto cercare rifugio in diverse parti d’Europa. I rifugiati sono stati aiutati anche dalla sede originaria delle missioni, Elektrėnai. “Ci siamo detti che probabilmente questa è la missione di questa parrocchia per questo periodo”, racconta p. Rastislav. Quando l’arcivescovo locale è venuto a conoscenza della situazione, ha offerto Kaunas come luogo di missione.

La storia delle prime missioni popolari è iniziata nel 2018 e si è conclusa il 28 maggio 2022, con la prima giornata missionaria. Il programma della missione è stato curato dai Redentoristi che lavorano in Lituania, P. Rastislav Dluhý CSsR e P. Peter Hertel CSsR, assistiti dai padri Václav Hypius CSsR, Michal Zamkovský CSsR, Patrik Grotkovský CSsR e Ján Andrejov CSsR. I partner della missione sono state la comunità laica di Rieka Života (Il fiume della vita) e la comunità dei cristiani di Kaunas.

Durante il programma, i partecipanti in Lituania hanno potuto ascoltare catechesi per uomini, donne e giovani, hanno avuto l’opportunità di ricevere il sacramento della riconciliazione e di rinnovare le loro promesse battesimali e matrimoniali. In cinque scuole, i Redentoristi hanno ricevuto la mano di laici che hanno proclamato la verità su Dio sotto forma di testimonianze. A causa della barriera linguistica, le pantomime e altre forme di drammatizzazione senza parole sono state un ponte speciale per le persone. “Considero le missioni molto buone, anche se c’è una grande differenza di lingua. Tuttavia, l’interazione è sorprendente”, riassume Sara, il membro più giovane del team di missione. Gli incoraggiamenti delle missioni sono stati ascoltati anche nella prigione e nel centro per i senzatetto.

L’arcivescovo di Kaunas, Lituania, mons. Kestutis Kėvalas, ha parlato all’intera équipe durante le missioni, usando le parole di Papa Francesco secondo cui siamo chiamati a entrare nelle periferie. Ha anche espresso l’idea che per i missionari slovacchi la lontana Lituania, con la sua lingua e cultura diversa, è certamente una forma di periferia.

Le prime missioni redentoriste in Lituania sono state un momento di costruzione di ponti tra Lituania e Slovacchia, tra religiosi e laici, tra comunità e generazioni. Le missioni sono state un momento speciale di grazia e di gioia nel poter fare le cose insieme perché siamo uniti da Lui. La conclusione delle missioni, il 5 giugno 2022, è stata accompagnata dalla tradizionale benedizione della croce missionaria.

Patrik Bendík, missionario laico, Slovacchia

Print Friendly, PDF & Email