Madrid: Triduo al Perpetuo Soccorso

0
388

Il mese di giugno, per i Redentoristi, è segnato dalla festa di Santa Maria del Perpetuo Soccorso. Quest’anno, la parrocchia del Santissimo Redentore di Madrid l’ha celebrata con un leggero approccio allo spirito di sinodalità che la Chiesa ci chiede. 

Abbiamo cercato di contemplare Maria come LA DONNA CHE VUOLE AIUTARE. Il vescovo ausiliare di Madrid, Mons. José Cobo, che ha aperto il Triduo, ha chiesto nella sua omelia come Maria ci aiuta. La sua risposta: donandoci a Gesù Cristo, costruendo la Chiesa come alle origini del cristianesimo insieme agli apostoli e camminando al nostro fianco per illuminare i nuovi tempi.

Nei due giorni successivi la predicazione è stata fatta da due donne. La professoressa Guadalupe Seijas e il dottor Prado Pérez di Madrid. Entrambe madri di famiglia. Le loro meditazioni sono state due testimonianze di fede attuale e due prove della maturità delle donne ad assumere il servizio della predicazione nelle nostre celebrazioni.

Durante la celebrazione eucaristica, quattro adulti hanno deposto ai piedi dell’Icona la bandiera ucraina, dono fatto alla parrocchia per l’invio di un camion di cibo non deperibile, giorni prima del triduo, per gli ucraini ospitati nelle comunità redentoriste in Polonia.

La processione con l’icona all’interno della chiesa è stata silenziosa, con il solo suono delle maracas haitiane suonate dai bambini davanti all’icona. Ad Haiti, Nostra Signora del Perpetuo Soccorso è chiamata Notre Dame d’Haiti, patrona del Paese. Quel giorno, il ricordo e la preghiera sono stati segnati dall’assassinio a Port-au-Prince, pochi giorni prima, della Piccola Sorella del Vangelo italiana (Charles de Foucauld) Louise Dell Otto, che da 20 anni serviva i più poveri di Port-au-Prince.  

Per dare visibilità alla parrocchia nella vita del quartiere, abbiamo decorato la facciata della parrocchia con striscioni per suggerire lo spirito della festa e per allestire la scena della festa di un paio d’ore con tutti i vicini del quartiere, al termine della liturgia.  

La musica ha avuto un ruolo importante in tutti e tre i giorni. Il primo giorno ha cantato il coro della Schola Gregoriana di Madrid, il giorno successivo il coro parrocchiale e la medaglia della Vergine è stata consegnata ai bambini, il giorno della Vergine il coro “Brisas del Guadiana” per l’Eucaristia e per la festa di strada il trio musicale “Aura Acústico”. 

All’Eucaristia di domenica e lunedì il maestro armeno di duduk Hovhannes Karakhanyan ha suonato diverse partiture.

Per tutta la settimana nelle vetrine della sala Liguori è stata allestita una mostra di foto del quartiere prima degli edifici che lo caratterizzano oggi. È stato un successo perché molti adulti sono venuti con i loro figli o nipoti per spiegare l’evoluzione e la creazione delle strade, compresa la costruzione della chiesa parrocchiale. 

Il secondo evento culturale è stata la presentazione del nuovo libro del professor Marciano Vidal. Affrontare la guerra: la costruzione di un ordine mondiale giusto. Vidal ha offerto una riflessione teologico-morale sull’invasione bellica dell’Ucraina.

Il terzo e ultimo evento culturale è stata la lettura orante del libro di poesie “INESPERADA LUZ”, di Mari Sol Pérez Guevara. La presentazione e la lettura sono state tenute dall’autore e da Ana García Castellano. L’accompagnamento musicale è stato curato dall’insegnante di pianoforte María Fernández Dobao. Così, pregando e assaporando la bellezza del Vangelo, abbiamo compiuto questo atto conclusivo del Triduo e del corso pastorale.

P. José Miguel de Haro, C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email