Padre Mike: il mio cinquantesimo anno di sacerdozio

0
316

Era il 21 giugno 1973 quando nove dei miei compagni di classe ed io fummo ordinati per i Redentoristi della Provincia di St. Louis. I miei più grandi ricordi dell’ordinazione e dieci giorni dopo aver celebrato la mia Messa di ringraziamento sono le risposte di così tante persone che mi hanno incoraggiato quando ho iniziato la mia vita da sacerdote. Una delle mie sorelle ha chiesto se doveva chiamarmi p. Mike d’ora in poi. Per mia madre, mio padre e fratelli e sorelle, hanno imparato a chiamarmi semplicemente Mike come sempre. Non era lo stesso con i miei nonni.

Il giorno dopo abbiamo guidato dal Wisconsin a Omaha, c’erano più di 100º e la nostra macchina non aveva l’aria condizionata. Quando sono arrivato a Omaha, papà mi ha detto di farmi una doccia e di indossare il mio completo e la camicia clericale per andare a trovare la nonna e il nonno. Quando ci siamo fermati a casa loro, il nonno era in giacca e cravatta, in piedi sulla porta. Quando sono arrivato alla porta, si è inginocchiato e ha detto: “Padre, dammi la tua benedizione”. Sia lui che io avevamo le lacrime agli occhi mentre lo benedicevo. Quando si è alzato, ha detto alla nonna: “Mamma, tocca a te”. Disse: “Oh, vecchio sciocco. Lascialo entrare in casa. Fa troppo caldo là fuori”.

Poiché anche uno dei miei compagni di classe era di Omaha, la sua messa di ringraziamento era la domenica dopo la nostra ordinazione. Ho aspettato un’altra settimana. Dopo la Messa e dando la prima benedizione alla famiglia, agli amici e ai parrocchiani, abbiamo festeggiato con una cena all’aperto per tutti coloro che potevano venire nel nostro cortile. Abbiamo servito oltre 700 cene. Mio zio Marty disse: “Mike, non avrei mai pensato che ce l’avresti fatta”. Nonno McAndrew afferrò lo zio Marty per il bavero e disse: “È padre Mike”. Nonno McAndrew mi chiamava sempre “padre”.

La mia insegnante di terza elementare mi ha bocciato in classe di religione, ma quando ha chiesto la mia benedizione, ha detto: “Ho sempre saputo che saresti diventato un sacerdote”.

La maggior parte dei miei amici e della mia famiglia si sentiva sempre più a suo agio nel ricordarmi come Mike e mi mantenevano umile se diventavo troppo predicatore con loro. Non mi permettevano di essere messo su un piedistallo come sacerdote, ma sapevo anche che rispettavano il sacerdozio che Dio mi aveva conferito. Ringrazierò molti che hanno benedetto il mio cammino di sacerdote. Innanzitutto, ringrazio la mia famiglia, il mio quartiere ei compagni di scuola per aver onorato il sacerdozio redentorista di cui ho la fortuna di far parte.

(padremigrante.org)

Intervista a p. Mike (redemptoristsdenver.org)
Il 9 novembre 2022, Giorno della Fondazione Redentorista, Mission Matters dell’Arcidiocesi di Chicago ha intervistato il Redentorista della Provincia di Denver p. Michael McAndrew, C.Ss.R.

Padre Mike è impegnato nel ministero per le comunità ispaniche da oltre 30 anni ed è un sostenitore schietto del ministero per le comunità di migranti. Scrive anche il blog web Padre Migrante, ed è autore del libro Migrant Faith. Padre Mike viaggia negli Stati Uniti e in parte del Messico per offrire assistenza pastorale e spirituale ai lavoratori migranti e alle loro famiglie.

Megan Mio, conduttrice del podcast Mission Matters, ha caratterizzato l’intervista come un’opportunità per riflettere sia sulla fede dei migranti sia, anche, sulla nostra stessa fede di fronte alla crisi dei migranti. Oltre alle informazioni sui Redentoristi, l’ampia discussione ha riguardato i molti anni di ministero di p. Mike per le comunità ispaniche e migranti e informazioni sulla natura mutevole dell’immigrazione e sulla crisi al confine tra Stati Uniti e Messico e su ciò che noi cattolici possiamo fare per aiutare.

Puoi ascoltare l’intera intervista (in inglese) qui.