Giornata Mondiale della Vita Consacrata, messaggio del Padre Generale

0
297

MESSAGGIO ALLA VITA CONSACRATA REDENTORISTA

Riunione online

Cari Confratelli e Formandi,

1. È con gioia che ci riuniamo qui, online, per questo breve incontro redentorista. Perché questo incontro? In questo giorno in cui la Chiesa celebra la festa della Presentazione del Signore al Tempio, anche noi ci riuniamo per pregare insieme e rendere grazie a Dio per la nostra vita consacrata redentorista, allo stesso tempo per ringraziare ciascuno di voi che spendete la vostra vita per la copiosa apud eum redemptio, per incoraggiarvi nella vostra missione e per ricordare coloro che ci hanno preceduto e hanno perseverato nel loro ministero fino alla fine.

2. Il Governo Generale è il primo animatore dei confratelli. “.[..] deve essere l’ispiratore e l’animatore del rinnovamento in atto nelle (vice)province con la sua presenza efficiente, periodica e direttiva” (Cost 113). Conosciamo le difficoltà che la vita consacrata sta attraversando in mezzo alla complessità del mondo di oggi. Pertanto, questo semplice incontro ha lo scopo di ricordare il volto di ogni confratello nelle sue diverse opere apostoliche, accompagnati da gioie, dolori e sfide. La vita consacrata redentorista ha un cuore che batte, ha un volto, ha un corpo! Formiamo tutti un corpo missionario (cfr. Cost. 2), camminiamo insieme come Chiesa e Congregazione.

3. Attualmente siamo 4616 confratelli: 56 vescovi, 3492 sacerdoti, 09 diaconi permanenti, 71 diaconi temporanei, 661 chierici non ordinati: 100 in professione perpetua e 561 in professione temporanea; 327 fratelli: 278 in professione perpetua e 49 in professione temporanea. L’età media della Congregazione è di 54,02 anni. Siamo presenti in oltre 80 Paesi. Siamo una presenza evangelizzatrice significativa. Ci sono molti confratelli che spendono la loro vita per l’abbondante redenzione in realtà di frontiera come la guerra, il terrorismo, il fondamentalismo religioso, affrontando persecuzioni ed esperienze di morte. Sono testimoni del Signore che ci incoraggiano. Esiste una pluralità di opere che realizziamo nei santuari, nelle parrocchie, nelle missioni popolari, nei ritiri, nella formazione, nell’insegnamento, nelle scuole, nella comunicazione e in molte altre. Ci sforziamo di rispondere alle esigenze del nostro tempo, di esprimere con la nostra vita lo zelo apostolico del Fondatore e di sentirci con la Chiesa come il criterio valido della nostra missione (cfr. Cost. 33). La Congregazione è viva, ma abbiamo bisogno di più zelo missionario. Il Redentorista ha sempre il cuore inquieto proprio di chi annuncia il Vangelo.

4. Nel giorno in cui celebriamo la presentazione di Gesù al tempio, la domanda fondamentale per noi Redentoristi è: cosa presentiamo al tempio del Signore in questo giorno? Come Simeone e Anna, riconosciamo il Redentore con gli occhi della nostra fede, con la semplicità della vita, della preghiera e dell’adesione alla volontà del Padre? Qual è la vita consacrata redentorista che si presenta nel tempio del Signore: quella che porta colombe e tortore e riconosce il Signore nei più abbandonati o quella dei sacrifici rituali delle apparenze, che tiene il cuore vuoto e non coltiva le memorie della redenzione?

5. Se siamo qui, è perché qualcuno è stato chiamato dal Padre, ha aderito profondamente al suo progetto e ha dato la vita per i più poveri e abbandonati. Rendiamo grazie al Redentore! Così, la radice della vita consacrata è nel mistero pasquale di Cristo con tutto ciò che comporta: farsi carne, sperimentare la passione, la sofferenza, la morte e la risurrezione, credere nella Parola del Padre e nella forza energizzante dello Spirito. Non abbiamo visto il Signore, come Simeone e Anna, ma abbiamo creduto nella sua parola fedele, la stessa che ci ha portato qui. Hanno visto e creduto. Lo abbiamo toccato attraverso l’esperienza di fede dei nostri antenati e il nostro incontro personale con il Redentore. Insieme a Simeone, Anna, Maria, Giuseppe e ai nostri Santi, Beati e Martiri possiamo dire che i nostri occhi vedono la salvezza e, poiché crediamo in essa, la annunciamo come luce per tutti i popoli. La nostra consacrazione ha nella sua storia ricordi pasquali e ricordi di redenzione.

6. Possiamo paragonare Simeone e Anna alla nostra vita consacrata (cfr. Lc 2, 25-38). Simeone rappresenta la giustizia, la pietà, l’apertura allo Spirito Santo, la saggezza e la perseveranza nella fede. È il servitore del tempio che accoglie tutti senza distinzione, come ha fatto con Maria e Giuseppe. È colui che accoglie le offerte dei poveri e non li sfrutta o li esclude in base alle leggi della purezza. Anna, la pagana, l’eretica, rappresenta la minoranza, esclusa dal tempio, che attende la liberazione e riconosce il Signore nell’immagine dell’abbandonato, cosa che i religiosi del tempio non erano in grado di fare. Anna è la rappresentazione della vita consacrata come minoranza nel mondo, ma che ha trovato il Signore, lo serve instancabilmente giorno e notte e lo loda sinceramente.

7. In questi quasi 300 anni di esistenza della Congregazione, davanti al Signore ci siamo uniti, attraverso i nostri ricordi di redenzione, a coloro che hanno creduto e sperimentato la salvezza e con cuore ardente hanno comunicato ciò che hanno vissuto. Oggi, ciò che ci unisce in questo incontro sono i nostri ricordi pasquali e la redenzione che ci ha fatto perseverare e arrivare fino a qui. Oggi siamo di fronte al Signore, a ogni confratello, al mondo. Una vita consacrata che non sperimenta la presentazione quotidiana di se stessa nel tempio del Signore non ha l’autorità di dire che ha visto la salvezza e di presentarsi come luce alle nazioni. Come è la nostra presentazione al Signore come consacrati redentoristi nel tempio del mondo in cui viviamo? Come sono i nostri ricordi della redenzione e della conversione quotidiana? Se la Congregazione è come Simeone e Anna, longeva, pia, fedele alle promesse divine, perseverante, sensibile allo Spirito Santo, che riconosce il Redentore nei più abbandonati, come realtà escatologica può cantare il canto di Simeone: Ora il tuo servo può andare in pace, perché secondo la sua parola i suoi occhi hanno visto la salvezza preparata per tutti i popoli, una luce per tutte le nazioni. Altrimenti intoneremo un canto di lamento e tristezza.

8. Quale vita consacrata redentorista vogliamo per noi e per la Chiesa? Quella che fugge dal mondo? Quella che si nasconde nei suoi castelli, nei suoi bei templi, nelle sue sacrestie e nei suoi paramenti? Quella che è frammentata da progetti personali o da lotte interne per il potere? Quella che si trova in zone di comfort? O quella che riconosce il mondo, ne percepisce le bellezze e le ambivalenze, che corre il rischio di camminare con il Redentore e di ferirlo e di fargli sanguinare i piedi? Quale vita consacrata redentorista vogliamo per noi e per la Chiesa? Una vita consacrata redentorista che riconosce il Redentore con gli occhi, che si identifica con lui, è veramente un corpo missionario e valorizza ogni confratello e i laici? O una frammentata che ascolta la voce degli idoli, che viene abbagliata e poi abbandonata lungo il cammino? Il Signore è fedele. Gli idoli ci incantano, ci fanno innamorare e poi ci abbandonano. Che tipo di vita consacrata redentorista vogliamo per noi e per la Chiesa? Non la vita consacrata pura, intoccabile, senza peccato, lontana dalla realtà, ma la vita consacrata umana, con le sue contraddizioni, con le sue ferite, senza paure, che ogni giorno dà il meglio di sé, si converte e si rinnova, sta nel mondo come una luce che danza, resiste al vento e si consuma con un cuore semplice, fedele al Signore e ai più abbandonati.

9. Queste domande ci aiutano a discernere personalmente e come comunità su quale stile di vita consacrata vogliamo per il futuro. Le sfide che dobbiamo affrontare sono numerose e diverse. Tuttavia, non dobbiamo scoraggiarci. Siamo missionari della speranza che camminano sulle orme del Redentore. Se questo è vero, non possiamo decretare la nostra morte prematura. Dobbiamo tenere gli occhi aperti sulla realtà e fare la nostra autocritica istituzionale e personale, ma non possiamo arrenderci di fronte a ciò che ci spaventa, ai problemi derivanti dalle nostre infedeltà e alle sfide del mondo di oggi. Una parte della Chiesa sta attraversando un momento complesso, con tante dispute interne, perdita di credibilità e allontanamento dal Vangelo. Nel corso della storia, nei momenti controversi della vita ecclesiale, la vita consacrata è sempre stata un segno. Così, in un contesto di tante divisioni, siamo chiamati a essere un segno di unità e ad annunciare la redenzione con coraggio ed entusiasmo. Il nostro carisma è vivo e ci rafforza nella missione e, per questo, siamo chiamati a essere una luce per le nazioni.

10. Un carisma nasce da una profonda esperienza di Dio, della centralità di Cristo, e si concretizza nella storia umana a favore della comunità e dei bisognosi. È una fonte di acqua pulita e vivificante. È sempre fondata sullo Spirito che la dona e la rinvigorisce attraverso l’esperienza del Vangelo, l’ascolto dei segni dei tempi e del tempo dei segni, la vicinanza dialogica con il Popolo di Dio. Senza questi elementi un carisma non sopravvive, non può essere discernito e reinterpretato nel corso della storia, e diventa acqua non potabile e tende a seccarsi. Per il Redentorista, il carisma si traduce nel dinamismo dell’annuncio del Vangelo e nella gioia di avere la persona di Cristo al centro della propria vita e di continuare la sua presenza e missione di redenzione nel mondo (cfr. Cost. 23). Il carisma, in quanto frutto dello Spirito, è dinamico, si estende nella storia e si rinnova nella misura in cui i suoi membri professi sono in grado di dialogare con il Signore, che chiede loro sempre di bere (cfr. Gio 4,7). La morte di un carisma inizia quando l’individualismo si infiltra nel sangue del corpo missionario. A poco a poco corrode gli organi vitali della nostra vita apostolica e perdiamo il senso della nostra consacrazione e missione. L’individualismo è la porta della nostra morte agonizzante.

11. Siamo vivi e vogliamo continuare ad essere una memoria vivente del Redentore in questo mondo, una luce ovunque ci troviamo. E come possiamo essere luce se la nostra fiamma interiore si sta spegnendo? Forse il nostro io interiore è come una brace ricoperta di cenere. È necessario il soffio dello Spirito per risvegliare quella fiamma dentro di noi, come è accaduto ai discepoli sulla strada di Emmaus (cfr. Lc. 24,32). Forse questo oscuramento della nostra fiamma interiore può spiegare tanti che abbandonano la Congregazione. Perché tanti confratelli ci lasciano per andare alle diocesi? Perché alcuni ci lasciano nei primi anni di professione e di sacerdozio? La nostra formazione aiuta i giovani a incorporare il carisma redentorista nella loro vita e a vedere in esso un valore per la loro vita missionaria per tutta la vita? La nostra vita comunitaria offre ai confratelli qualità nella loro vita affettiva, spirituale e missionaria? Queste domande non vogliono colpevolizzare nessuno, perché si tratta di un fenomeno che riguarda la vita consacrata, ma servono ad aiutarci ad essere autocritici sotto tutti i punti di vista: nella vita comunitaria, spirituale e missionaria. Questa è una delle grandi sfide del nostro tempo. Non abbiamo paura di affrontare questa realtà alla luce dello Spirito e del discernimento personale e comunitario. Il Redentore cammina con noi. È importante recuperare il nostro primo amore (cfr. Ap 2, 4).

12. Il XXVI Capitolo generale ha affrontato 5 temi importanti: identità, missione, vita consacrata, formazione e leadership. Essi permeano tutta la nostra consacrazione e vita apostolica. Per aiutarci nella riflessione quotidiana, ogni anno, a partire dalla festa di San Clemente, il Governo Generale approfondirà un tema secondo i capitoli delle nostre Costituzioni: comunità, formazione, missione, spiritualità, leadership e revisione della vita. Così, durante il sessennio, ripercorreremo tutti i nuclei fondamentali della nostra vita apostolica, tenendo conto delle decisioni delle nostre Costituzioni e Statuti, dei Capitoli generali e di altri documenti della Congregazione. Che ogni anno ci ispiri a riaccendere la fiamma della nostra vocazione e del nostro zelo missionario (cfr. Cost. 20,33,37,80).

13. Infine, una parola sulla ristrutturazione. In questi 30 anni, ci sono stati diversi approcci per illuminarci: a livello teologico, spirituale e strutturale. Tutti sono stati molto importanti e ci hanno aiutato a raggiungere questo punto. È fondamentale ricordare la kenosi di Gesù, il distacco alfonsiano per aiutarci a riflettere. Non possiamo dimenticare l’ispirazione che viene dai più abbandonati. Loro devono ristrutturarsi ogni giorno per sopravvivere. L’esperienza dei migranti che lasciano la loro patria solo con la certezza dei loro sogni e dei poveri che devono reinventarsi ogni giorno, ci fa riflettere. La precarietà dell’abbandono ci fa riflettere sulla nostra disponibilità. Ovunque andiamo, la Congregazione ci sostiene negli oltre 80 Paesi in cui siamo presenti. Abbiamo una struttura che ci protegge. Con la ristrutturazione, nessuno rimarrà senza protezione. Se in questi 30 anni continuiamo ad avere difficoltà, è perché forse non abbiamo imparato dai più abbandonati, e forse siamo troppo lontani dalla loro vita. L’invito per noi: “vino nuovo in otri nuovi” (cfr. Mc 2,22). La ristrutturazione è una chiamata dello Spirito Santo a tutta la Congregazione a rimanere fedele al carisma e a rispondere ai segni dei tempi con un nuovo zelo missionario e un rinnovamento della nostra vita apostolica.

14. Signore della messe e Pastore del gregge. Aiutaci a essere fedeli alla missione e a non dimenticare mai gli abbandonati. Ispiraci sempre ad essere buoni samaritani, incoraggiaci a mettere in pratica le tue parole nella sinagoga di Galilea (cfr. Lc 4,18-19). Maria, Madre del Perpetuo Soccorso, nostra Madre Generale, insieme ai Santi, ai Martiri, ai Beati e ai Venerabili, ci aiutino a camminare sulle vie del Redentore come Missionari della Speranza ovunque ci troviamo. Aiutaci a perseverare, soprattutto nei momenti di croce. Amen.

15. Con la protezione della Madre del Perpetuo Soccorso e di tutti i nostri Santi, Martiri, Beati e Venerabili la benedizione di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, tutto misericordioso Amen! Grazie a tutti coloro che hanno partecipato. Siete importanti per la Congregazione, andate avanti e non abbiate paura! Lo Spirito del Signore è con noi!

P. Rogério Gomes, C.Ss.R.
Superiore Generale

Festa della Presentazione del Signore
Roma, 2 febbraio 2023