250 Anni della Fondazione della Chiesa e Casa Redentorista a Scifelli

0
273

Il 23 aprile 2023 ha segnato il 250° anniversario della fondazione della Chiesa Redentorista dedicata a Nostra Signora del Buon Consiglio e della Comunità a Scifelli in Italia. L’evento è stato celebrato con l’Eucaristia presieduta da p. Francesco Z. Stanula, C.Ss.R, Vicario Generale della Congregazione che ha invitato la gente a guardare al passato con gratitudine per la presenza dei Redentoristi in mezzo a loro per 250 anni e a guardare ora avanti con speranza nella presenza del Signore Risorto in mezzo a loro nonostante le ansie e le sfide della vita. Come il Risorto accompagnò i due discepoli sulla via di Emmaus, così il Risorto accompagnerà sempre nel futuro i suoi discepoli, ora il popolo di Scifelli.

La celebrazione è stata molto partecipata con la presenza di padre Serafino Fiore, Provinciale della Provincia di Napoli, padre Antonio Cirulli, provinciale della Provincia di Roma, padre Johannes Römelt, Coordinatore della Conferenza per l’Europa, padre Joseph Ivel Mendanha, Consultore Generale, padre Vicente Soria Fleitas, Economo Generale, padre Giani Congiu, Rettore del Sant’Alfonso di Roma e con alcuni confratelli della provincia romana e della comunità di Frosinone.

P. Sergio Santi, C.Ss.R., Rettore di Frosinone e Parroco di Scifelli ha dato il benvenuto ai confratelli e al popolo e ha letto una lettera di Sant’Alfonso scritta all’Abate del Monastero Cistercense Casamari ringraziandolo per l’invito a venire a fondare una fondazione a Scifelli e per l’aiuto che era disposto a dare ai confratelli padre Francesco de Paola e Lorenzo Negri che S. Alfonso aveva scelto per la fondazione a Scifelli. P. Francesco de Paola e P. Negri erano andati a visitare l’abate Arnaud di Casamari nel febbraio 1773 e subito dopo predicarono una serie di missioni a Veroli e a Colleberardi, nei dintorni. A marzo P. de Paola si incontrò con monsignor Giacobini e poi predicò una missione a Scifelli. Ad aprile i PP. Vennero Villani e Caione a Scifelli, e cominciarono le discussioni sulla fondazione a Scifelli. Il 25 aprile, la casa e la chiesa di Nostra Signora del Buon Consiglio sono state consegnate ai Redentoristi, e alla fine di maggio, il P. de Paola è stato scelto ed è diventato il primo Superiore della Comunità di Scifelli e inizio subito i lavorii di costruzione dell’edificio universitario a Scifelli. Nell’ottobre del 1773 la comunità accolse un novizio a Scifelli. Scifelli servirà poi un noviziato, collegio di studi e casa di giovani aspiranti e postulanti della Provincia Romana.

Oggi i Redentoristi non vivono più a Scifelli, ma la comunità di Frosinone serve la parrocchia di Scifelli. L’intero paese di Scifelli insieme al Sindaco di Veroli si è riunito alla porta del paese e in processione con una bella immagine di Sant’Alfonso, portata con molta solennità, è entrato in paese con i Redentoristi e ha pregato sui gradini della Chiesa in segno di gratitudine e supplica al Signore per la presenza dei Redentoristi per 250 anni nella città. Dopo una bella e solenne celebrazione eucaristica, per tutti è stato servito un rinfresco nella sala parrocchiale. E’ stato un momento di condivisione, incontro e scambio di auguri. I Redentoristi si sono poi recati a Frosinone per un pranzo festivo. A pranzo P. Antonio Cirulli, Provinciale della Provincia di Roma, ha ringraziato il Vicario, P. Stanula, per la sua presenza e l’omelia ispiratrice e tutti i confratelli presenti.

Si guarda al futuro perché tra 3 anni la comunità di Frosinone festeggerà i 250 anni dalla sua fondazione.

Joseph Ivel Mendanha, C.Ss.R.
Consultore Generale