Abbiamo sperimentato la gioia dell’unità e della missione condivisa

0
231

I Partner in Missione di lingua inglese e spagnola si sono riuniti alla sessione bilingue presso la Basilica parrocchiale di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Brooklyn.
Dopo un processo di ampia riflessione e dialogo, una delle decisioni prese dal 18° Capitolo provinciale di Baltimora, da lunedì 13 marzo a martedì 21 marzo 2023, è stata la raccomandazione “alle comunità della Provincia di rivedere le sezioni del North American Conference Ratio relativo a Partners in Mission (PIM) con l’obiettivo di formare un cerchio in ogni comunità o parrocchia, ove possibile”.

Nella sua lettera alla Provincia dopo il Capitolo, il nostro Superiore provinciale, John Collins, ci invita “ad assumere più intenzionalmente il nostro impegno condiviso per promuovere le vocazioni e per stabilire circoli di Partners in Mission (PIM) nei nostri apostolati e comunità attraverso la nostra gioiosa testimonianza di l’amore di Dio come comunità religiosa centrata in Cristo e dalla nostra vicinanza alla gente”.

Significativamente, prima dell’autunno del 2022, in diverse comunicazioni e incontri Zoom, p. Francis Gargani, C.Ss.R., e la nostra Missionaria Laica del Santissimo Redentore, Lucy McNamara, avevano già motivato l’avvio nella Provincia di gruppi di lingua spagnola utilizzando la terminologia usata nelle Direttive e Ratio in lingua spagnola da Roma, cioè Misión Compartida (MC).

Dopo una lunga preparazione strategica, la sera del 27 marzo, nella basilica parrocchiale di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Brooklyn, si è tenuta una sessione iniziale di una Misión Compartida spagnola. A questa prima convocazione hanno partecipato ventotto parrocchiani. Inoltre, per approfittare di questo opportuno incentivo, è stato fatto un invito ai parrocchiani di lingua inglese a rivitalizzare la già presente e attiva adesione al PIM. Altri 18 parrocchiani hanno risposto all’invito.

Le sessioni sono state estremamente vivaci e gioiose poiché i due gruppi si sono incontrati separatamente per un’ora e poi si sono riuniti in una sessione bilingue per ascoltare la testimonianza di Lucy McNamara su ciò che la sua associazione con i Redentoristi ha significato per lei e la sua famiglia. Al termine di questa serata di grazia, ogni partecipante ha recitato nella propria lingua madre una preghiera di discernimento alla chiamata del Redentore a partecipare alla formazione PIM/MC. Sono attualmente in preparazione incontri formativi mensili della durata di un’ora che inizieranno dopo Pasqua.

Degna di nota in questi due incontri è stata una dinamica in cui i partecipanti hanno posto su un “post-it” una o due caratteristiche che hanno notato della vita e missione redentorista come ispirate dalla nostra spiritualità e carisma. Poiché tutti i contributi sono stati inseriti in una bacheca, uno dei nostri confratelli più giovani ha colpito profondamente i partecipanti con la sua dichiarazione spontanea che queste qualità erano ciò che avrebbe detto dei Redentoristi nella parrocchia in cui è cresciuto. Si fermò di nuovo per un momento, e potevi vedere l’energia fluire attraverso di lui prima che affrontasse direttamente il gruppo, dicendo: “Ecco perché sono diventato un Redentorista!”

Il sostegno unificato della comunità redentorista dei gruppi PIM e MC nella Parrocchia è stato evidenziato dalla partecipazione attiva di tutti i confratelli a queste due sessioni.

La presenza di due parrocchiani, invitati dal nostro confratello, p. Song You, C.Ss.R., della comunità cinese, è stato un segno voluto della futura formazione di un terzo gruppo integrato con i membri della dinamica e crescente comunità cinese della Parrocchia.

Dopo l’evento, la comunità Religiosa Redentorista ha riflettuto sul fatto che questo primo incontro PIM/MC ha dato un nuovo significato ed enfasi al tema del sessennio della Congregazione, Missionarie della Speranza, Sulle orme del Redentore.

P. Michael Cunningham, C.Ss.R.
P. Clement Krug, C.Ss.R.
P. Manuel Rodríguez, C.Ss.R.

(l’articolo è stato pubblicato anche su “The Baltimore Beacon”)