Dal Guatemala a Brooklyn, New York

0
247
Migranti verso USA

I Redentoristi del Santuario Parrocchiale di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Brooklyn cercano nuovi modi per essere “Missionari della Speranza” verso i più abbandonati e bisognosi. Tra questi ci sono i nostri parrocchiani migranti dal Messico e dall’America centrale.

Uno dei gesti di sensibilizzazione della Parrocchia è l’Eucaristia la prima domenica di ogni mese a mezzanotte per i giovani e le giovani guatemalteche, la maggior parte dei quali ha meno di 30 anni.

Questo programma insolito è dovuto al fatto che tre anni fa, i rappresentanti della Comunità Carismatica dell’Assunzione di Nostra Signora, un’estensione della stessa comunità a Sololá, in Guatemala, si sono avvicinati alla Parrocchia alla ricerca di come poter celebrare l’Eucaristia domenicale. La Comunità unisce giovani donne migranti guatemalteche e soprattutto uomini che fanno le consegne al ristorante. I membri di questa comunità, che sono oltre 300 e vivono entro i confini della Parrocchia, non possono celebrare l’Eucaristia la domenica durante il giorno a causa dei loro impegni di lavoro. Se cammini per le strade della nostra Parrocchia, praticamente tutti i fattorini in moto e bici motorizzate sono membri di questa comunità.

La comunità prende in affitto una sala vicino alla chiesa e diversi partecipano ai programmi di formazione della parrocchia. Quest’anno 45 di loro hanno ricevuto il Sacramento della Cresima.

La struttura organizzativa della comunità è impressionante, con un consiglio direttivo eletto di 16 membri che si riunisce regolarmente e si occupa dei bisogni dei guatemaltechi già presenti nel nostro territorio parrocchiale e di altri arrivati di recente. I sottocomitati sono vari e includono un gruppo di giovani. Padre James Gilmour, C.Ss.R., il nostro parroco, è il cappellano della comunità.

L’Eucaristia mensile è vivace con partecipazione attiva, bella musica e trasmissione in streaming su Internet in modo che i loro parenti in Guatemala possano vederli ed essere certi che sono ben curati dai loro compagni guatemaltechi e dalla Chiesa.

I migranti guatemaltechi della nostra Parrocchia hanno affrontato diverse sfide ed esperienze, sia nel loro paese d’origine che nel loro viaggio a Brooklyn, New York. Il Guatemala è uno dei paesi più popolosi dell’America centrale e ha una lunga storia di instabilità politica ed economica, povertà, violenza e corruzione. Questi fattori spesso costringono i cittadini guatemaltechi a migrare in cerca di migliori opportunità, sicurezza e protezione.

Il viaggio verso gli Stati Uniti, spesso attraverso il Messico, è quello in cui i nostri fratelli e sorelle guatemaltechi sono esposti a condizioni pericolose in cui sono vulnerabili alla violenza, allo sfruttamento e al traffico di esseri umani. Rischiano anche l’arresto e la deportazione da parte del Messico e delle autorità statunitensi. Una volta negli Stati Uniti, devono affrontare ulteriori sfide, tra cui barriere linguistiche, discriminazioni e un difficile percorso verso lo status legale.

(Padre Ruskin Piedra, C.Ss.R., fondatore e direttore del St. John Neumann Immigration Office, OLPH, Brooklyn)

Il nostro ufficio migrazioni, guidato da p. Ruskin Piedra, C.Ss.R., fondatore e direttore, con la collaborazione dei PP. Karl Esker, C.Ss.R., Frank Skelly, C.Ss.R., e Fratello Augustus J. Riviere, C.Ss.R. è tenuto impegnato con i processi legali di molti dei nostri migranti, compresi i nostri fratelli e sorelle guatemaltechi.

P. Manuel Rodríguez Delgado, C.Ss.R.