Kimpesi Maternal Health Project presso Matadi

0
1144

(Matadi, Congo) – La Vice-Provincia Redentorista di Matadi (RVPM) nella Repubblica Democratica del Congo attuerà e gestirà il progetto Kimpesi Maternal Health. RVPM è una Vice-Provincia della Provincia Redentorista della Germania di St. Clement (RPG). RVPM è membro costitutivo della Conferenza redentorista per l’Africa e il Madagascar (COREAM).

La Kimpese Health Zone è una vasta area geografica, con strade non buone e molti cittadini che vivono ben oltre i 116 km dall’ospedale di Kimpese. La zona del progetto comprende 20 centri sanitari (1 ospedale generale + 1 ospedale secondario + 8 centri sanitari strutturati con un medico e altri 10 centri senza medico).

La Kimpese Health Zone affronta i seguenti problemi:

1. Scarsa infrastruttura sanitaria e servizi;

2. Mancanza di attrezzature e medicine presso le strutture sanitarie. C’è poco impiego di finanze per sostenere la Kimpese Health Zone. Il personale non è regolarmente pagato o sottopagato ecc.

3. L’assenza di specialisti medici, Kimpese ha solo 2 specialisti tra 30 medici;

4. L’altissimo tasso di morti materne;

5. L’altissimo tasso di mortalità infantile e di bambini;

6. Bassi livelli di rilevazione di gravidanze ad alto rischio (19%);

7. Un basso tasso di riferimento di gravidanze ad alto rischio per strutture meglio attrezzate (3%);

8. Il ritardato invio di donne in stato di gravidanza a centri meglio attrezzati;

9. Il basso livello di supporto per bambini prematuri / o bambini in stato di shock;

10. Il rilevamento tardivo delle complicanze ostetriche;

11. La bassa proporzione di donne che partecipano a cure prenatali (47%) e la formazione di pianificazione familiare (4%) e l’alta trasmissione di infezioni trasmesse sessualmente e HIV / AIDS (3159 casi nel 2016);

12. L’incapacità di una grande percentuale della popolazione di pagare le tasse per l’assistenza sanitaria;

Il 40% dei bambini ammessi ai servizi pediatrici e il 30% delle donne che hanno appena partorito o sono state sottoposte ad intervento chirurgico sono estremamente poveri e fanno fatica a pagare per qualsiasi servizio e ci sono stati casi di donne che sono stati fermate (quasi prigioniere) nei centri sanitari fino al pagamento dei servizi medici. Il reddito medio mensile delle famiglie in KHZ è stimato a 13 dollari al mese secondo il piano di sviluppo sanitario. COREAM e RVPM hanno commissionato una valutazione dei bisogni incentrata su due distretti sanitari, ovvero (i) Kimpese (ii) Mbanza-Ngungu.

Le strade non buone nella Kimpese Health Zone causano molti problemi

Le strade non buone nella Kimpese Health Zone causano molti problemi. Il problema di fondo è la grave povertà, la mancanza di risorse, le scarse infrastrutture e gli operatori sanitari demotivati.

La strategia di sviluppo si basa su cinque principali attività: 1. Ri-formare “Capacity Building” di 30 operatori di comunità nel programma “Safe Motherhood” in modo che condividano il loro apprendimento con il gruppo target e la loro comunità; 2. Fornire incentivi agli infermieri e ai lavoratori della comunità per educare le donne in gravidanza nell’assistenza prenatale, nella pianificazione familiare, nei metodi preventivi per fermare le malattie sessualmente trasmissibili, i diritti umani ecc.; 3. Ristrutturazione di due centri sanitari, a Chantier Malele e Songa; 4. Fornitura di 120 kit per il taglio cesareo; 5. Sovvenzioni alle operazioni per il taglio cesareo pagando il 50% dei costi al dottore per le donne in stato di gravidanza ritenute più bisognose.

Medici e infermieri nella Kimpese Health Zone

Medici e infermieri nella Kimpese Health Zone

Il progetto si concentra sul raggiungimento di tre distinti cambiamenti:

Facilitare un maggiore accesso per le donne povere nella Kimpese Health Zone a cure e istruzione qualificate durante e dopo la loro gravidanza.

Ridurre il tasso di morti materne che sono così prevalenti nella Kimpese Health Zone (KHZ).

Ridurre il tasso di mortalità perinatale inaccettabilmente alto nella KHZ.

Inoltre, il progetto vorrebbe attuare strategie per affrontare l’abuso dei diritti umani delle donne, dove, quando lottano per pagare, ad esempio per un taglio cesareo, la loro libertà a volte viene ridotta. Il progetto desidera vedere un maggiore dispiegamento di risorse verso la KHZ, in modo che le attrezzature integrali, i farmaci essenziali e gli stipendi dei lavoratori medici siano finanziati.

Infine, il progetto vorrebbe vedere RVPM diventare un agente più importante nel settore sanitario rurale, e vedere collegamenti eccellenti, unire pensiero e pianificazione tra la Kimpese Health Zone e la distribuzione di kit per il taglio cesareo nella Kimpese Health Zone.

Mbanza-Ngungu Zone

Print Friendly, PDF & Email