“La cultura digitale pone molte sfide e opportunità per la Chiesa”, Mons. Paul Tighe

0
485

(Roma, Italia) – L’incontro della Commissione per la preparazione di un piano strategico per le comunicazioni e i media per la Congregazione si è tenuta a Roma dal 28 al 30 maggio 2018 all’Accademia Alfonsiana. Un relatore speciale, Mons. Paul Tighe (Segretario del Pontificio Consiglio per la Cultura) è stato invitato a tenere una conferenza sulla Chiesa nella cultura digitale. Ha parlato della cultura digitale nel più ampio contesto della Chiesa.

Mons Paul ha illustrato la differenza tra la cultura tradizionale con cui molti di noi sono cresciuti e la cultura digitale dominante di oggi che forma le generazioni presenti e quelle future. Anche se abbiamo un linguaggio della nostra tradizione religiosa, abbiamo bisogno di imparare la lingua della cultura digitale per interagire con il mondo. Una delle tentazioni per noi è quella di essere ciechi dinanzi alle realtà come i Social Media, pensando che tutto ciò che sta accadendo fuori è negativo, ma Mons. Paul ha detto che non ci avrebbe aiutato in futuro. Dobbiamo essere determinati a essere presenti nel campo delle comunicazioni moderne per creare una cultura positiva. La cultura digitale, anche se pone molte sfide, ci offre molte opportunità per raggiungere le persone. È vero che gran parte del materiale digitale che troviamo intorno a noi è scettico e come membri della Chiesa, non siamo bravi a coinvolgere culture con dinamiche diverse. La più importante delle sue raccomandazioni alle Congregazioni religiose riguardava la Formazione. Dobbiamo concentrarci sul nostro sistema di formazione e dovremmo essere in grado di preparare i giovani in formazione per il ministero.

Ecco un estratto della sua conferenza del 28 maggio 2018.

“La nostra comunicazione deve essere radicata nel nostro senso di identità. Chi siamo come chiesa, quali sono i nostri messaggi chiave e come possiamo comunicare in modo coerente con il nostro messaggio.

La comunicazione è per la Chiesa il suo nocciolo. Ci fondiamo sul fatto che abbiamo bisogno di portare la Buona Novella fino ai confini della terra. Se non comunichiamo bene, se non siamo fedeli alla nostra missione di comunicazione, cioè portare la Buona Novella alla gente, allora stiamo fallendo in qualcosa che è fondamentale per ciò che siamo.

La Buona Novella che comunichiamo è il messaggio che ci viene mostrato attraverso la vita di Gesù Cristo. Riguarda l’amore incondizionato di Dio verso il popolo e l’invito ad essere il popolo dell’amore. Non è semplicemente un messaggio a livello intellettuale. Ma stiamo invitando le persone a uno stile di vita. Gesù è una persona. Stiamo chiamando le persone a una relazione con una persona. Questo dovrebbe darci la finalità del modo in cui comunichiamo. Stiamo anche chiamando le persone in una comunità. Quindi molte delle nostre strategie sulla comunicazione devono essere focalizzate sull’importanza del digitale come punto di contatto.

A volte siamo una chiesa che fa un passo indietro e analizza cosa sta succedendo nel mondo. Nell’ambiente digitale, è importante rendersi conto che siamo cambiati da ciò che sta accadendo nella cultura digitale. Dobbiamo pensare a come le piattaforme digitali possono aiutarci a costruire il senso di essere in Comunità, come possiamo usarle per la nostra comunicazione interna. Dobbiamo costruire piattaforme che consentano alla leadership di avere adesioni  responsabili. È importante pensare a come lavoriamo in modo collaborativo e a lavorare su piattaforme che consentono di prendere decisioni collaborative.

La Chiesa è essa stessa una comunità. Pertanto, le nostre dinamiche, in particolare tra i nostri membri più giovani, saranno influenzate dal modo in cui pensano e comprendono le comunicazioni. La comunità ha anche un senso di come otteniamo l’identità. Dov’è il mio senso di appartenenza? L’ambiente digitale pone molte questioni nella Chiesa. Una questione è che come Chiesa, come Comunità, come individui e ministri, stiamo comunicando in modo esplicito e deliberativo. Stiamo anche comunicando in ogni momento se ce ne accorgiamo o no. I social media ci danno il privilegio speciale di vederci come una chiesa e di capire cosa pensa la gente della Chiesa. Il ruolo della comunicazione è così importante nella Chiesa e per le comunità all’interno della Chiesa. Dobbiamo prestare attenzione più esplicita a ciò che stiamo facendo. Dobbiamo vedere con chi stiamo cercando di comunicare, cosa stiamo cercando di dire e qual è il feedback.

Secondo me, le comunicazioni hanno due funzioni. Una è, per lo scambio di informazioni. Ma l’altra è la relazione. Comunichiamo per costruire relazioni. I social media intensificano la connessione intrinseca tra informazione e relazione. Si sta lavorando molto fortemente sulla dimensione relazionale. Vi sono sia aspetti positivi che negativi. “

Clicca sul link qui sotto per ascoltare la conferenza (in inglese) di Mons. Paul Tighe:

Print Friendly, PDF & Email