Open weekend Clemenspoort, Belgio

0
44

Quasi due anni dopo l’apertura ufficiale di Clemenspoort, i Redentoristi a Gand (Belgio) continuano ad aprire le porte di questa casa e ad accogliere coloro che vogliono visitarla. Nel fine settimana, dal 20 al 22 settembre, hanno ricevuto la visita del redentorista P. Pawel Drobot (Polonia) e di quattro missionari laici del Santissimo Redentore del Portogallo: Célia Bonifácio, Rute Santos, Teresa Ascensão e José Silva Oliveira.

Il fine settimana è iniziato con una serata di ringraziamento per oltre 80 volontari che lavorano regolarmente a questo progetto. Dopo aver cenato insieme, abbiamo ricordato tutto quello che è successo a Clemenspoort negli ultimi 12 mesi. Ricorda e festeggia!

Sabato mattina è arrivato il momento di conoscere l’intero complesso in cui si trova questo progetto, da ciò che resta della vecchia chiesa alla residenza universitaria dove vivono 500 studenti. Ilse Spiloes, uno dei laici che lavorano a questo progetto, ha preparato una visita guidata all’edificio principale e P. Andreas Krahnen, uno dei confratelli che vivono in questa comunità, ha raccontato più dettagliatamente la storia di Clemenshuis: un edificio di cohousing dove la comunità religiosa vive (2 confratelli) con altri laici (alcuni fanno parte della Famiglia Redentorista).

Nel pomeriggio ci siamo seduti allo stesso tavolo a guardare una presentazione preparata da Walter Van Wouwe, un Redentorista Associato laico della Provincia di St. Clemens. Walter ha raccontato la storia di questo progetto, dalla sua idea iniziale nel 2005 alla sua apertura nel 2017, così come il lavoro svolto in questi primi due anni e uno sguardo alla loro visione per il futuro. Alla fine della presentazione c’è stato tempo per condividere la gioia di saperne di più su questa nuova iniziativa missionaria nell’Europa centrale.

Domenica, il primo giorno della settimana, tutto ciò che abbiamo fatto è stato quello di condividere diversi tavoli. Il tavolo della colazione nella comunità religiosa, il tavolo dell’Eucaristia a Bronkapel e il tavolo da pranzo a Ilse, dove così tante nazionalità erano unite dallo stesso carisma missionario e da un delizioso barbecue accompagnato dalla famosa birra belga.

Eravamo tutti d’accordo sull’importanza di un fine settimana come questo: conoscere altri Redentoristi, condividere diverse esperienze missionarie e ispirare così nuovi modi per l’annuncio del Vangelo. Dopo questo weekend, non siamo più gli stessi: né quelli che se ne vanno né quelli che rimangono. I numerosi tavoli condivisi e le molte ore di conversazione sulla missione portano alla creazione di nuovi ponti di partenariato nella missione, non solo tra religiosi e laici, ma tra missionari di diverse Province. Pertanto, è  importante per noi creare più opportunità come questa, anche su scala più ampia, in modo che il Corpo Missionario che formiamo possa essere rafforzato.

Célia Bonifácio, Ilse Spiloes, Ives de Mey cssr, José Silva Oliveira, Pawel Drobot cssr, Rute Santos, Teresa Ascensão e Walter Van Wouwe.

Print Friendly, PDF & Email