Vietnam: beato missionario della missione di Jrai

0
225

IL BEATO MISSIONARIO P. Joseph Tran Si Tin, C.Ss.R.
Missionario della Missione di Jrai

Il mio nome è Joseph Tran Si Tin, C.Ss.R. Sono qui, come redentorista, per testimoniare delle benedizioni che abbiamo ricevuto da quando siamo stati chiamati ad essere missionari nella Chiesa di Dio. L’unica cosa che Dio mi ha dato di riconoscere è che sono un missionario benedetto e ho potuto evangelizzare così tanto (evangelisari a pauperibus). Ci rendiamo conto che la Missione di Evangelizzazione ha due protagonisti: il missionario e il ricevente. Vogliamo ringraziarvi per avermi chiesto di venire qui a testimoniare su ciò che abbiamo fatto. All’età di 80 anni, tutto ciò che faccio potrebbe essere l’ultima cosa che faccio.

1. Lo spirito del missionario

1. Per grazia di Dio, abbiamo sperimentato lo spirito di Gesù quando era a Nazareth

Noi (padre Tai, fratello Quan e due diaconi, Mau e Tin) siamo stati portati a Plei Kly dal vescovo Paul Seitz, vescovo della diocesi di Kontum, il 10 ottobre 1969. Padre Diep ci ha collocati nel villaggio di Plei Kly (quasi 60 km da Pleiku), dove non eravamo mai stati e non conoscevamo nessuno. Inoltre, a quel tempo non ci era stato preparato alcun alloggio. Abbiamo iniziato la missione nel 1969, ma il popolo Jrai si è convertito al cattolicesimo a partire dal 1988.

Ritornammo a Plei Kly nel 1973. Nel marzo del 1975, gli altopiani e l’intera parte meridionale del Vietnam furono occupati dai comunisti. Abbiamo pensato che nessuno volesse convertirsi al cattolicesimo in quei tempi. 

2. Per grazia di Dio, ho compreso il ruolo dei laici nell’evangelizzazione e il valore del Kerygma.

Nel giugno del 1988 la Chiesa ha canonizzato 117 martiri vietnamiti. Dopo questo evento, molte persone in Vietnam si sono convertite al cattolicesimo, in particolare il popolo Jrai. In effetti, il sangue dei martiri è il seme dei cristiani (Tertulliano). A quel tempo, mancava la libertà religiosa. Non ci era permesso uscire dalla nostra chiesa. Se avessimo parlato o predicato fuori dalla chiesa, saremmo stati accusati di predicare la religione, che a quel tempo era illegale. … /

Abbiamo organizzato la condivisione della Bibbia e le preghiere per le persone di Jrai in piccoli gruppi nei villaggi o nelle parrocchie. Nella nostra missione di Jrai, la Lectio Divina e Kerygma si sono svolte contemporaneamente. Il catechismo che abbiamo avuto è stato pregare con la Parola di Dio. Abbiamo imparato pregando e abbiamo pregato mentre stavamo imparando. La nostra scuola era Gesù Cristo. Il nostro insegnante era lo Spirito Santo e il nostro libro era la Bibbia 

Li ho accompagnati nelle preghiere della Lectio Divina dal 1985 al 1995. Quando la Parola di Dio raggiunse più di 20 villaggi, non sono potuto andare in tutti. Quindi, ho chiesto aiuto ai ministri laici di Jrai che sapevano leggere e scrivere. Sono stati con me per molti anni e in quel momento li ho mandati. Si sono presi cura dei candidati dall’inizio fino a quando non sono diventati cattolici battezzati. Li hanno anche accompagnati durante il percorso dei Sacramenti dell’Iniziazione. Lo stanno ancora facendo anche nel nostro tempo presente. Ora i giovani missionari redentoristi continuano a seguire quella strada e a formare più fedeli laici per la missione di Jrai.

II. Le sfide dei missionari

1. Mi sono reso conto che il ruolo dei laici nella Chiesa è significativo. Il loro ruolo nella Chiesa è passato dalla collaborazione alla corresponsabilità. Tuttavia, ora troviamo difficile praticarlo con loro. Papa Francesco ha detto: “Il laico non è il servo del sacerdote”. Dal momento che abbiamo ascoltato che i laici sono le mani del sacerdote, spesso possiamo vedere che diventano i servi del sacerdote. Papa Francesco ha detto ai vescovi del Cile: “Dobbiamo riconoscere che siamo tutti servi, non padroni; apparteniamo al popolo di Dio. Vi è la tentazione che ci porta a diventare padroni o capi, che è pericolosa per la nostra vocazione. Il ruolo dei laici è vitale nella Chiesa e nel mondo”.

2. Ai nostri laici viene ancora insegnato a mantenere la fede, non sono formati a diventare missionari. Anche a loro è stato insegnato a diventare missionari, ma non sanno nulla sul Kerygma (non lasciano che Gesù diventi il ​​loro Signore e chiedono allo Spirito Santo di venire su di loro nella loro vita e nel loro ministero). Una chiesa così è troppo concentrata sulla gestione; non è il genere di missionario di cui abbiamo bisogno.

3. Noto ora che fraintendiamo e non riusciamo a distinguere tra “evangelizzazione” e “missione”. Mentre altre lingue fanno ovviamente distinzione, i vietnamiti capiscono che hanno lo stesso significato. Certamente no! Finché non vediamo le loro differenze, non possiamo diventare missionari perché ciò manifesta la nostra mentalità nel fare missione. Dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare e diventare buoni missionari.

Chiediamo a Dio di essere sempre con noi. Chiediamo che lo Spirito Santo venga continuamente a ciascuno di noi in modo che possa trasformarci e farci diventare buoni missionari per il popolo di Dio.

(Tradotto dalla versione inglese, e l’inglese dal vietnamita dal fratello Peter Tran Ba ​​Thao C.Ss.R)

Print Friendly, PDF & Email