Colombia, Chiesa che accompagna e sente con la gente

0
475

“Vorrei esprimere la mia preoccupazione per le tensioni e gli scontri violenti in Colombia che hanno provocato morti e feriti”, ha detto il Pontefice al Regina Coeli di domenica 9 maggio e, ascoltando le grida di alcuni ragazzi colombiani presenti nella Piazza, ha aggiunto: “Ci sono tanti colombiani qui preghiamo per la vostra patria”. 

La situazione critica che la Colombia sta vivendo dal 28 aprile non è un segreto per nessuno, quando con l’obiettivo di sopprimere il progetto di riforma fiscale proposto dal governo, a causa della pandemia COVID-19, la popolazione ha convocato uno sciopero nazionale; nonostante le terribili conseguenze che ciò comporterebbe per i colombiani, soprattutto per la classe media e per i più poveri. Tuttavia, e come è noto in questi giorni, si sono verificate una serie di situazioni tristi e deplorevoli, ci sono stati morti, sparizioni e un numero considerevole di feriti. Inoltre sono stati evidenti gli abusi eccessivi delle forze dell’ordine, nonché situazioni di vandalismo da parte di alcuni individui e gruppi che hanno snaturato e condizionato le proteste pacifiche.

 Come Chiesa missionaria, come religiosi e colombiani di fronte a queste situazioni di profondo dolore, non siamo indifferenti; Accompagniamo ciascuna delle persone che si sono unite alle marce pacifiche, siamo con le persone che gridano e soffrono in mezzo al dolore, all'ingiustizia, alla rabbia e alla disperazione. Allo stesso modo ripudiamo e condanniamo fermamente qualsiasi atto di repressione e abuso che sia contro la vita e la difesa della dignità di qualsiasi persona; ma soprattutto dai nostri fratelli più poveri e svantaggiati. Come Chiesa siamo presenti, accompagniamo le persone, denunciamo e chiediamo la fine della violenza e il rispetto per la vita. Non tolleriamo l'autoritarismo o il vandalismo.

È anche vero che molte persone in Colombia hanno espresso il loro dissenso per i pochi pronunciamenti della Chiesa locale, o per la mancanza di accompagnamento e vicinanza alle persone che stanno marciando. Di fronte a questo malcontento, si è visto come la Chiesa attraverso tanti sacerdoti, seminaristi, religiosi e religiose, e un buon numero di fedeli laici, si sia unita a questa causa, assumendo così l’impegno e la responsabilità con tutti i nostri fratelli della comunità colombiana.

 Come Chiesa colombiana, è stato lanciato un appello alla riconciliazione nazionale, al dialogo e alla ricerca di alternative pacifiche a beneficio di tutti. Allo stesso modo, siamo molto chiari e consapevoli che dobbiamo continuare ad accompagnare più da vicino la nostra comunità, mettendo in pratica il ruolo profetico della nostra vocazione, poiché non possiamo rimanere muti e indifferenti. Pertanto, chiediamo al governo e alle alte istituzioni di promuovere e difendere i diritti e la vita di tutte le persone. Non possiamo continuare a ucciderci a vicenda tra fratelli; Non vogliamo vedere altro sangue versato.

 Lo diceva già monsignor Romero nell'omelia del 23 marzo 1980: “La Chiesa, difensore dei diritti di Dio, della Legge di Dio, della dignità umana, della persona, non può tacere di fronte a tanto abominio. Vogliamo che il governo prenda sul serio che le riforme sono inutili se sono macchiate di tanto sangue ... In nome di Dio, quindi, e in nome di questo popolo longanime i cui lamenti salgono al cielo ogni giorno più tumultuosi , Vi prego, Vi ordino in nome di Dio: Fermate la repressione ...! "

 Pertanto, come leader cristiani, e ascoltando l'appello che Papa Francesco ha fatto tante volte, facciamo rumore, e in queste situazioni alziamo la nostra voce, usciamo per testimoniare il Vangelo e incontrare gli altri. Oggi è necessario che usciamo e offriamo a tutti la vita di Gesù Cristo, perché una Chiesa che è danneggiata, ferita e macchiata dall'uscire per strada è meglio di una Chiesa che è malata per essere confinata e per rimanere nel conforto di aggrapparsi alla propria sicurezza. Tuttavia, non è possibile che come Chiesa siamo artefici e partecipanti alla divisione, alla violenza e all'odio, poiché il grande Rivoluzionario della Storia GESÙ! ci ha insegnato che cambiare le strutture della morte è possibile, mai con la promozione dell'odio e della violenza; sì con amore, impegno, misericordia e perdono.

Carlos Daniel Franco Ramírez, Novizio redentorista
Provincia di Bogotà