Il venezuelano che sapeva come integrare la scienza con la spiritualità

0
96

“Non ho trovato un venezuelano qui in Vaticano, sia in piazza che nell’udienza privata, che nel mezzo della conversazione fino alla fine abbia detto: “Quando è la Beatificazione di Gregorio? Lo hanno portato nelle loro anime”[1] (Papa Francesco).

È una grande gioia per la Chiesa del Venezuela e senza dubbio per la nostra congregazione del Santissimo Redentore in queste terre venezuelane, poiché ciò che era stato chiesto al Signore, lo vediamo avverarsi, il nostro compatriota José Gregorio Hernández è dichiarato benedetto dalla nostra Chiesa. Ma chi è José Gregorio Hernández Cisneros?

In una piccola città andina nello Stato di Trujillo, Isnotú, il bambino José Gregorio Hernández ha aperto gli occhi al mondo. Sotto l’unione della coppia Benigno Hernandez e Josefa Antonia Cisneros. Una famiglia molto semplice, ma anche molto vicina all’incontro con Dio. Ha sempre ottenuto un’educazione ai valori, al cristianesimo e soprattutto alle virtù necessarie per la sua vita come essere umano. Come studente, non si è mai accontentato del minimo, ha sempre puntato al più grande, ai migliori ideali e ai grandi scopi che lo aiuteranno ad essere un grande professionista, sognava di essere un grande avvocato, tuttavia, dopo una riflessione personale ha visto nella medicina un modo per aiutare e forgiare grandi scopi all’interno della sua comunità e delle zone circostanti. Fu mandato a Caracas per studiare medicina all’Università Centrale del Venezuela, con grandi qualifiche e prestazioni, ottenne la laurea, quando finì mantenne la sua promessa, tornò alla sua città natale, per assistere gratuitamente la popolazione che aveva bisogno di cure mediche.

Qualche tempo dopo fu chiamato in occasione di una borsa di studio che ottenne per studiare in Francia, che lo fece arrivare ad approfondire e specializzarsi in Microscopia, Batteriologia, Istologia e Fisiologia sperimentale; non solo volle riempire la sua mente di contenuti, ma quando tornò al suo paese (Venezuela) portò con sé molti strumenti per la medicina venezuelana, tra cui il miglioramento del microscopio e la fondazione di grandi laboratori sperimentali. Ma la sua vita non è stata dedicata solo alla scienza, ma anche all’accompagnamento e alla cura dei più vulnerabili. Succedeva un caso che quando visitava un malato per assisterlo, e sapeva che non aveva soldi per comprare le medicine, il nostro Beato gli lasciava il denaro necessario per acquistarle, la sua attenzione non era solo di qualità ma gratuita, non cercava di arricchirsi con la sua professione, ma teneva conto dei benefici che faceva alla popolazione vulnerabile di quel tempo. Da allora è stato rispettato, e oggi è considerato un grande intercessore davanti a Dio, se viene invocato con tutto il cuore [2].

In un’intervista il Superiore Generale dei Gesuiti, padre Arturo Sosa, racconta che “José Gregorio Hernández integra un’eccellente formazione scientifica nella sua esperienza spirituale che lo porta a mettersi al servizio di coloro che hanno bisogno di lui, con una speciale predilezione per coloro che non possono ripagarlo”[3].

Era un instancabile cercatore della sua vocazione, e così in entrambe le occasioni chiese di entrare nella vita religiosa, prima come monaco della Certosa, poi in seminario come sacerdote. Ma in entrambe le occasioni ha dovuto ritirarsi a causa di problemi di salute, ed è stato allora che è tornato al suo paese. È stato un magnifico episodio per dimostrare che il servizio non viene utilizzato solo dalla vita consacrata, ma anche dai laici. Le sue azioni e la sua opzione per i poveri lo portarono ad avere una grande vitalità per il servizio e una generosa dedizione agli abbandonati e ai diseredati.

Sono cose di Dio? Un detto popolare racconta che questo grande uomo aveva offerto la sua vita perché la pace regnasse e la prima guerra mondiale finisse. Il 28 giugno 1919, cinquanta paesi firmarono il Trattato di Versailles[4] per porre fine alla guerra. In Venezuela, non si sa esattamente quante auto esistevano in quella data (1919), quello che è certo è che il dottor José Gregorio Hernández stava venendo da assistere un povero paziente, quando vicino la parrocchia “La Pastora” di Caracas, è stato investito e cade gravemente ferito. Quando arrivò all’ospedale morì, il 29 giugno 1919, con l’idea di aver trovato per fatto la firma di quel grande accordo [5].

Oggi, il Venezuela in cui si svolge questa beatificazione non è molto diverso da quello che lo ha visto camminare, dallo studio del medico alle aule e dalle case all’accademia. L’ambiente in cui morì il nostro medico dei poveri era molto simile a quello di oggi, pochi investimenti nella salute, ospedali con poca capacità di soddisfare le richieste, università chiuse per ordine politico, malaria e tubercolosi erano all’ordine del giorno, era un Venezuela sommerso da una crisi silenziosa. Nel presente, si intravede un esodo massiccio di tanti devoti, e una situazione sociale, politica ed economica, che rende il suo paese natale un luogo desolato fisicamente, strade solitarie e templi sempre più chiusi, mettendo in dubbio l’attesa della sua beatificazione. Una tale situazione era impensabile 34 anni fa, quando Papa Giovanni Paolo II lo dichiarò “venerabile”.

Il fatto che la beatificazione di un grande medico avvenga nel mezzo di questa pandemia Covid-19 è una luce in mezzo a tanta oscurità. Forse molti non capiscono l’azione dello Spirito Santo in mezzo a tutto questo evento, ma è un chiaro invito ad avvicinarsi a nostro Signore. Come in passato, il Beato José Gregorio Hernández sarà l’inizio di un tempo di grazia e di pace, che è preceduto da questo grande momento. Infine, se questo popolo ha aspettato tanto tempo per poter vivere questo momento, è perché è successo nel momento in cui ne aveva più bisogno, non perdiamo la speranza, questo fatto storico deve introdurci a un cambiamento nella nostra vita, è il momento di gioire, di cercare Dio in questo frangente, di guardare a questo esempio di vita e di imitare le sue virtù per il bene dei più bisognosi di questo mondo ferito.

Dalla Congregazione del Santissimo Redentore (Missionari Redentoristi) in Venezuela, abbiamo aspettato con molto ottimismo questa grande notizia, portando dalle nostre case, questa speranza, che significa l’elevazione agli altari del nostro medico, che come Sant’Alfonso, si è dedicato ai più poveri. Abbiamo un paese ferito dall’indifferenza, bisognoso di testimoni che assumano molte delle virtù che hanno caratterizzato il nostro nuovo Beato, e in questo modo costruiamo un nuovo paese che cresce nell’amore per il nostro Redentore. Uniti con Maria, madre di Coromoto, e guidati dalle nostre benedette, Maria, Candelaria e Carmen, raggiungeremo la patria che desideriamo, questo è l’inizio della grazia che sta arrivando per il nostro amato Venezuela.

Novizio Jhonny W. Vargas; Postulante Dixon D. Álvarez (Viceprovincia di Caracas)


[1] Mensaje del Papa Francisco con motivo de la Beatificación de José Gregorio Hernández 29 de Abril de 2021

[2] Cfr. Cacua Prada, A. (1987). José Gregorio Hernández. Venerable Siervo De Dios. Médico Y Santo. Bogotá: Planeta S.A.

[3] Recuperado 05 de mayo de 2021 https://www.bbc.com/mundo/noticias-america-latina-53116833

[4] Cfr. Recuperado 05 de mayo de 2021 https://www.dipublico.org/1729/tratado-de-paz-de-versalles-1919-en-espanol/

[5] Cfr. Recuperado 05 de mayo de 2021 https://elucabista.com/2020/01/17/diez-datos-que-hay-que-saber-sobre-jose-gregorio-hernandez/

Print Friendly, PDF & Email