Kevin Dowling CSsR si ritira dopo 30 anni come vescovo di Rustenburg

0
566

(Sudafrica) Dopo aver completato il noviziato a Città del Capo, Kevin Dowling ha fatto la sua prima professione come Redentorista l’11 febbraio 1962.  Da lì fu inviato a Hawkstone, lo studentato redentorista nel Regno Unito. Dopo sei anni lontano dal Sudafrica, tornò per essere ordinato sacerdote nella sua parrocchia di origine a Pretoria, da dove fu nominato assistente parroco nei quartieri poveri ed infestate dalle bande “Cape Flats” (pianure del Capo) intorno a Città del Capo.

Per quanto giovane fosse allora, era chiaro che Dowling avesse straordinarie doti di leadership. All’età di 32 anni fu eletto vice-provinciale del Sudafrica. Prima che Dowling completasse il suo quarto e ultimo mandato come vice-provinciale, fu eletto consultore generale a Roma, una posizione che tenne per cinque anni prima di essere eletto vescovo della diocesi di Rustenburg nel 1991.

Vale la pena notare, almeno nei circoli redentoristi, che Kevin era stato destinato agli studi di dottorato in teologia morale all’Alfonsianum. Ma Dio aveva altri piani per Kevin: la leadership e il servizio in Sudafrica come superiore maggiore, a livello mondiale come consultore generale, e di nuovo in Sudafrica come vescovo. Ma anche quando era vescovo in Sudafrica, Kevin ha sempre avuto una prospettiva e un ministero globale. Ha lavorato per molti anni con Pax Christi International ed è stato per un periodo il suo vice presidente. In questo ruolo ha visitato molti dei luoghi travagliati del mondo: Sudan, America Centrale, Bosnia e altri posti che non ricordo. La sua conferenza (in spagnolo) sulla tomba di San Oscar Romero è stata particolarmente potente e sta per essere presentata per la pubblicazione.

Per i nostri archivi redentoristi vale la pena notare qualcosa sui cinque anni di Kevin come consultore generale dal 1985 al 1991. Kevin è stato in gran parte determinante nel definire la versione inglese delle nostre Costituzioni e Statuti. Ha anche dato impulso alla politica di collaborazione nel ministero con i laici; ai “pellegrinaggi giovanili” redentoristi che divennero una caratteristica importante della presenza redentorista in Europa, qualcosa che sperava di espandere in termini di apostolato redentorista ai giovani adulti. Non fu mai in grado di portarlo a termine, poiché nel 1990 fu eletto vescovo e dovette tornare in Sudafrica.

Vorrei concludere con le parole di Kevin che guardano indietro ai suoi 30 anni come vescovo; alcune parole di un membro della sua diocesi; e un omaggio di un fratello vescovo.

Ho avuto molte esperienze dolorose, delusioni e battute d’arresto nel corso degli anni, ma questo è prevedibile per chiunque sia incaricato di una seria responsabilità nella Chiesa o nella società. A causa dei molti bisogni di questa diocesi con scarse risorse, ho capito che mi sarebbe stato richiesto molto. Ho scelto come motto: “Il vostro servitore per Gesù”, e questo è stato il mio obiettivo nella vita.

Patricia, una dei suoi collaboratori nella diocesi di Rustenburg

Le persone vengono da te. Tu condividi il loro dolore. Sei diventato il loro padre… Trovi sempre il tempo per ascoltare e incoraggiare… Ci incoraggi a guardare il quadro generale… Sono orgogliosa della mia diocesi… Tu fai dell’insegnamento sociale della Chiesa un documento di lavoro… Sei un vescovo del popolo.

Un fratello vescovo

Una qualità eccezionale che ha penetrato e plasmato l’atteggiamento del vescovo Kevin, il suo lavoro e il suo contributo per molti anni, è la sua opzione preferenziale per i poveri. È stato una voce incrollabile di chi non ha voce, ha sempre esortato i vescovi a non interpretare le tradizioni della Chiesa in modo tale che i poveri si sentano colpevoli, oppressi e soffocati invece di sperimentare attraverso la Chiesa la misericordia di Dio.

Larry Kaufmann CSsR

Print Friendly, PDF & Email