P. Noel Kehoe C.S.s.R, parla sulle difficoltà nella chiesa di St. Joseph

0
150

“Questi cinque mesi sono stati incredibilmente difficili, soprattutto per i lutti”
La strada da percorrere: l’entusiasmo come il rilassamento delle restrizioni Covid sono motivo di ottimismo

(Dundalk, Irlanda) – È stato con un sentimento di “sollievo” che le comunità ecclesiali di tutta l’Irlanda hanno appreso che potranno accogliere i parrocchiani alle messe quotidiane e settimanali dal 10 maggio.

Padre Noel Kehoe C.S.s.R.

Nella Chiesa Redentorista di San Giuseppe quel sollievo era palpabile quando il rettore p. Noel Kehoe C.S.s.R, ha parlato dei mesi “incredibilmente difficili” dai quali stiamo uscendo.

‘Gli ultimi cinque mesi sono stati estremamente difficili per le persone. Penso in particolare a coloro che hanno subito un lutto durante questo periodo, quando la celebrazione pubblica dei funerali e delle veglie era così severamente limitata. Altre celebrazioni come battesimi, comunioni, cresime, matrimoni sono state tutte interessate. E, naturalmente, il divieto della celebrazione dell’Eucaristia e di altri sacramenti ha pesato molto sulle persone “.

Ha aggiunto: ‘Per molti, partecipare alla messa ogni giorno o settimanalmente è ancora un’opportunità importante per riunirsi come comunità. Naturalmente, tutte le nostre messe hanno continuato ad essere celebrate qui a San Giuseppe e trasmesse in diretta. Questo almeno ha permesso alle famiglie di celebrare anniversari e di partecipare digitalmente. Ma in realtà non è la stessa cosa. ‘

“Anche per la Comunità Redentorista è stato un momento difficile, sentirsi isolata dalla comunità. Grazie a Dio, sta arrivando alla fine. “

La data di riapertura ufficiale è attesa da tempo, ha detto: ‘I tempi della riapertura erano stati molto vaghi, quindi siamo felici di avere almeno una data. Ma ci sono stati molti sorrisi quando è stato annunciato. Naturalmente, vorremmo che fosse un po’ meno restrittivo. La chiesa di San Giuseppe, come molte delle chiese della zona, sono grandi edifici ben ventilati che possono ospitare in sicurezza molte più persone. Ci auguriamo davvero che questo venga rivisto al più presto.”

‘In un certo senso, siamo stati pronti a riaprire da quando siamo stati chiusi. Durante il blocco, lettori e musicisti hanno continuato a partecipare alle messe trasmesse in streaming. Il consiglio pastorale ha continuato a riunirsi e i leader dei vari ministeri contatteranno presto le persone per nuovi turni per lettori, ministri eucaristici e altri ministeri “.

‘Tutto ciò di cui abbiamo bisogno ora sono le persone e siamo entusiasti di rivedere così tante facce.’

Tra i preparativi per accogliere nuovamente le congregazioni, anche l’interno della chiesa sta subendo alcuni significativi lavori di ristrutturazione, ha aggiunto p. Kehoe.

‘Nell’ultima settimana la chiesa è stata chiusa al pubblico per consentire alcuni importanti lavori di ristrutturazione. Il pavimento in parquet e le panchine, tutti originali e di oltre 100 anni, sono stati ristrutturati e restaurati. Quindi, quando le persone tornano in chiesa, saranno accolte in un bellissimo ambiente ristrutturato. Questo fa parte della campagna che include un aggiornamento elettrico dell’illuminazione, dei sistemi antincendio e delle telecamere a circuito chiuso. E, cosa più importante, il nostro campanile necessita di lavori strutturali essenziali, quindi purtroppo quelle famose campane che possono suonare inni rimarranno mute.”

Le messe pubbliche inizieranno il 10 maggio e San Giuseppe può ora iniziare a prenotare i battesimi da domenica 18. Possono essere organizzati anche matrimoni, funerali e altre celebrazioni, ma entro le restrizioni del governo.

P. Kehoe ha aggiunto: “La nostra vera speranza, tuttavia, è che con una più rapida uscita dal programma di vaccinazione, alle persone sarà permesso di tornare al culto normale e senza restrizioni e che non dovremo subire ulteriori blocchi prolungati. Sebbene questi fossero necessari, sono stati così dannosi per il benessere spirituale e psicologico delle persone. Ma per ora, andiamo avanti con speranza e non vediamo l’ora di rivedere le persone. “

(independent.ie)

Print Friendly, PDF & Email