Tuchow: una festa annuale del Santuario riunisce migliaia di pellegrini

0
128
Picture of Our Lady of Tuchow, in the sanctuary of the Shrine; photo: Tomasz Pasieka

Dopo un anno di pausa a causa dell’emergenza Covid-19, il noto santuario mariano redentorista di Tuchow, in Polonia, ha ripreso l’annuale festa di una settimana che inizia con la festa liturgica di Nostra Signora di Tuchow, il 2 luglio. Quest’anno la festa si è svolta sotto il motto: “Riuniti con Nostra Madre di Tuchow per celebrare l’Eucaristia”. Dal 1° al 10 luglio, diverse migliaia di pellegrini hanno visitato la basilica di Tuchow. Hanno partecipato all’Eucaristia e alle devozioni mariane celebrate principalmente all’aria aperta, nel cortile della chiesa.

La possibilità di visitare il santuario è stata, per molti pellegrini, un’occasione per esprimere la loro gratitudine a Dio per la salvezza da gravi malattie o dalla morte. I pellegrini hanno ringraziato Maria per la sua intercessione e per la cura che hanno sperimentato nei due ultimi anni segnati dalla pandemia.

Il tema dei nove giorni è stato il mistero dell’Eucaristia. Ogni giorno i predicatori hanno introdotto i pellegrini alle parti essenziali della Messa. Per esempio, il terzo giorno, ai pellegrini è stato insegnato l’atto di penitenza, mentre il motto del giorno erano le parole della Lettera agli Efesini: “Per essere santi e senza macchia davanti a Lui”. Il motto del sesto giorno sono state le parole di Gesù note ad ogni messa: “Ecco il mio corpo, ecco il mio sangue”, che concentrava l’attenzione dei fedeli sul mistero della consacrazione.

Tra i pellegrini, come al solito, c’erano i vescovi della diocesi locale. Tradizionalmente, giorni particolari sono stati dedicati ai pellegrini di vari gruppi sociali o professioni, come bambini, anziani, malati, agricoltori, ecc. 

Tuttavia, la festa annuale del santuario riguarda ciò che non è visibile a prima vista: numerosi pellegrini si sono confessati, oltre 35.000 ostie (comunione) sono state distribuite durante le messe. Ore di preghiera, decine di servizi e liturgie solenni hanno trasformato per una settimana il cortile del santuario e la chiesa stessa in uno spazio vibrante dove si poteva fare esperienza dell’intimità della fede e della comunità della Chiesa viva.

Fratello Jakub Ciepły CSsRTuchow: una festa annuale del Santuario riunisce migliaia di pellegrini

Dopo un anno di pausa a causa dell’emergenza Covid-19, il noto santuario mariano redentorista di Tuchow, in Polonia, ha ripreso l’annuale festa di una settimana che inizia con la festa liturgica di Nostra Signora di Tuchow, il 2 luglio. Quest’anno la festa si è svolta sotto il motto: “Riuniti con Nostra Madre di Tuchow per celebrare l’Eucaristia”. Dal 1° al 10 luglio, diverse migliaia di pellegrini hanno visitato la basilica di Tuchow. Hanno partecipato all’Eucaristia e alle devozioni mariane celebrate principalmente all’aria aperta, nel cortile della chiesa.

La possibilità di visitare il santuario è stata, per molti pellegrini, un’occasione per esprimere la loro gratitudine a Dio per la salvezza da gravi malattie o dalla morte. I pellegrini hanno ringraziato Maria per la sua intercessione e per la cura che hanno sperimentato nei due ultimi anni segnati dalla pandemia.

Il tema dei nove giorni è stato il mistero dell’Eucaristia. Ogni giorno i predicatori hanno introdotto i pellegrini alle parti essenziali della Messa. Per esempio, il terzo giorno, ai pellegrini è stato insegnato l’atto di penitenza, mentre il motto del giorno erano le parole della Lettera agli Efesini: “Per essere santi e senza macchia davanti a Lui”. Il motto del sesto giorno sono state le parole di Gesù note ad ogni messa: “Ecco il mio corpo, ecco il mio sangue”, che concentrava l’attenzione dei fedeli sul mistero della consacrazione.

Tra i pellegrini, come al solito, c’erano i vescovi della diocesi locale. Tradizionalmente, giorni particolari sono stati dedicati ai pellegrini di vari gruppi sociali o professioni, come bambini, anziani, malati, agricoltori, ecc. 

Tuttavia, la festa annuale del santuario riguarda ciò che non è visibile a prima vista: numerosi pellegrini si sono confessati, oltre 35.000 ostie (comunione) sono state distribuite durante le messe. Ore di preghiera, decine di servizi e liturgie solenni hanno trasformato per una settimana il cortile del santuario e la chiesa stessa in uno spazio vibrante dove si poteva fare esperienza dell’intimità della fede e della comunità della Chiesa viva.

Fratello Jakub Ciepły CSsR

Print Friendly, PDF & Email