Ritiro annuale e assemblea della missione in Kenya

0
59

(Kenya) Dal 18 al 22 ottobre i membri della Missione del Kenya sono stati al Centro di Ritiro Benedettino, Nanyuki per il loro ritiro annuale e per l’assemblea. L’ambiente del centro di ritiro, lontano dalla città, ai piedi del Monte Kenya, quasi in mezzo ad una foresta e ad un ruscello, è stato un luogo adatto per la meditazione e la riflessione.

 Il centro di ritiro benedettino è anche famoso per Bible on the Ground. Qui le scritture sono spiegate nella tradizionale impostazione africana. Aiuta i cristiani a sperimentare Dio nel loro modo africano unico. Sta radicando la Parola di Dio nella vita, nei contesti e nelle esperienze delle persone. Sta aiutando le persone ad assimilare la Parola di Dio e a guardare la Bibbia, non come un libro esterno al loro modo di vivere, ma come un libro spirituale che è legato al loro cammino spirituale. Il paesaggio è coperto da alberi indigeni, superfici di terra simili a valli, piccoli tumuli che rappresentano le montagne e va dalla Genesi alle rivelazioni. In particolare, è anche coperto da capanne tradizionali africane con vari argomenti di cui parlare che vanno dalla famiglia alla società.

Padre Simeon di Kisumu, un sacerdote passionista, è stato il nostro predicatore del ritiro. Si è concentrato sul tema delle Beatitudini. Ci ha chiesto di guardare le beatitudini dal punto di vista del Vangelo, del mondo e come nuovi redentoristi.

Le beatitudini possono sembrare molto difficili e poco pratiche, ma sono le caratteristiche fondamentali di un cristiano. Dobbiamo guardarle da una prospettiva più alta. Ha spiegato ogni beatitudine con una serie di esempi pratici.

Per esempio: Beati i poveri in spirito, perché di essi è il Regno dei cieli.

Il vangelo la vede così: Coloro che scelgono consapevolmente una vita bisognosa, rifiutando la logica del possesso. Si libera dalle grinfie degli attaccamenti, della proprietà, della ricchezza, del veicolo, ecc. Non possedere nulla e godere di tutto.

Il mondo la considera così: Più hai e più sei benedetto. La gente compra le cose che la attraggono e non quelle di cui ha bisogno. Ogni anno un elenco delle persone più ricche del mondo viene pubblicata da alcune riviste. La gente pensa che può essere felice se ha di più.

Come nuovo redentorista: È una sfida vivere consapevolmente come bisognosi. La tua predicazione può essere rilevante solo se il tuo stile di vita corrisponde alla tua proclamazione. Vivi solo con il necessario. (Alcuni confratelli hanno la tendenza a chiedere l’uso dell’auto della comunità mentre hanno il proprio veicolo, o a prendere un’indennità dalla comunità mentre ricevono un’indennità da un’altra parte).

Dopo aver spiegato ogni beatitudine il predicatore ha concluso che per essere un nuovo redentorista, bisogna lasciarsi plasmare dalle beatitudini; cercare di viverle fedelmente. C’è bisogno di un completo cambiamento di paradigma. Dobbiamo vederci come persone nuove. Non dobbiamo compromettere i valori di Cristo con i valori del mondo. Fai delle beatitudini i tuoi principi.

Tutti noi siamo stati felici di avere partecipato a questo ritiro che ci ha sfidato a vivere le beatitudini come nuovi Redentoristi.

P. Paul Pazhangattu, C.Ss.R.
Superiore della Missione

Print Friendly, PDF & Email