Intervista con Dom Vicente de Paula Ferreira, C.Ss.R.

0
96
Dom Vicente de Paula Ferreira, C.Ss.R.

Assumendo il progetto di Dio, rispondendo con amore ad ogni passo impegnativo che la vita presenta nel cammino, attenti alle ferite del popolo sofferente. È questo l’impegno che il Vescovo Ausiliare di Belo Horizonte, Dom Vicente Ferreira, C.Ss.R., ha assunto nella sua vocazione, accogliendo la chiamata del Redentore, e che guida attualmente il suo ministero episcopale. L’eredità di Sant’Alfonso lo ispira e lo incoraggia ad affrontare questioni complesse e ad assumere l’Ecologia Integrale come il segno più recente della sua traiettoria nella vita della Chiesa. Dopo aver compiuto 25 anni di sacerdozio, il 16 novembre, Dom Vicente condivide con i lettori di Akikolá un po’ della sua storia vocazionale e lascia un messaggio: in nome di Dio, continuiamo a combattere ogni forma di pregiudizio, violenza e ingiustizia!

Ci può raccontare della sua chiamata vocazionale e della sua scelta per la Congregazione Redentorista?

Vengo dal piccolo distretto di Araraí, ad Alegre (ES). Sono nato il 27/10/1970. Sono cresciuto in una famiglia di piccoli agricoltori. Tre cose hanno segnato fortemente la mia infanzia e adolescenza. Il lavoro nei campi, gli studi primari e il cammino della Chiesa. Ero coinvolto nelle dinamiche dei circoli biblici, delle preghiere familiari e delle celebrazioni in chiesa. Ascoltando Rádio Aparecida, unico mezzo di comunicazione che avevamo, ho sentito il primo risveglio vocazionale, con l’annuncio “vieni ad essere un Missionario Redentorista, per portare il Vangelo ai più poveri e abbandonati”. Da quel momento in poi ho cominciato a dire che volevo essere sacerdote e ho seguito i Redentoristi della Provincia di Rio, ricordo che i miei genitori erano molto solidali e siamo andati anche a cercare il sacerdote nella Parrocchia di Alegre, ma la corrispondenza con il Segretariato Vocazionale Redentorista, Campos/RJ e Juiz de Fora/MG, nonostante le distanze, è stata molto efficiente. In altre parole, per un povero ragazzo di campagna, avere risposte alle sue lettere, abitando così lontano dalle città, era ancora inteso come un segno di accettazione. E questo mi ha rallegrato molto. Da lì, ho svolto tutto il monitoraggio e il processo di formazione redentorista, essendo stato ordinato sacerdote il 16/11/1996, presso la sede di Nossa Senhora da Penha, ad Alegre (ES).

Ha avuto per tre mandati consecutivi l’incarico di Superiore della Provincia di Rio, oltre ad altre responsabilità. Com’è stato agire quel tempo come Missionario Redentorista nella Provincia?

Subito dopo essere stato ordinato, ho trascorso un breve periodo come promotore vocazionale a Belo Horizonte. Era un’opzione che la Provincia aveva appena fatto. Non c’era nessuno addetto esclusivamente a questo lavoro. È stata un’avventura inaugurale. Poco dopo ho trascorso 5 anni a Coronel Fabriciano (MG), come formatore per la SPES (Síntese Pessoal de Experiências Subjetivas), aiutando anche nel lavoro pastorale e presso Rádio Educadora. Dopo 3 anni come formatore al CVSA (Comunità Vocazionale Sant’Alfonso), al liceo, sono stato eletto Provinciale per tre mandati consecutivi. Ruolo che ho svolto dal 2005 fino alla fine del 2014. È stato un periodo di apprendimento e responsabilità. Era relativamente nuovo e stava sostituendo grandi sacerdoti come Padre Dalton Barros de Almeida. Quello che mi ha aiutato molto è stato il modo corresponsabile di esercitare la mia responsabilità. In altre parole, i consigli, le équipe di formazione, i parroci, i missionari, i laici redentoristi, l’amministrazione mi hanno aiutato molto. Questa comunione sinodale, cammino insieme, ha segnato il mio ministero. Sottolineo anche tutto l’ottimo bagaglio formativo che ho ricevuto nella Provincia di Rio, che ha creato in me un cuore che ha imparato la vita ei libri. Ecco perché, pur occupando il fardello di tanti impegni, viaggiando per il Brasile e per il mondo, sono riuscito ad organizzarmi ea intraprendere un lungo percorso di studi. È stato durante questo periodo che ho conseguito il master e il dottorato presso l’Università Federale di Juiz de Fora. Quando sono stato nominato vescovo nel 2017, ero formatore di studenti di teologia a Belo Horizonte e avevo completato un tirocinio post-dottorato in Teologia alla FAJE (Facoltà dei Gesuiti).

Quale caratteristica Redentorista più evidente porti con te che ti incoraggia ad essere solidale e così attivo nelle questioni politiche e socio-ambientali, a favore delle persone che soffrono?

Sant’Alfonso ispira molto la mia vita. La sua eredità intellettuale, artistica, pastorale e spirituale. L’esodo che ha vissuto dal Centro alla periferia ha sempre attirato la mia attenzione. Lasciò le sue comodità a Napoli per vivere a Scala, vicino ai pastori. Non riesco a capire l’opera gigantesca di questo Dottore della Chiesa senza vederlo profondamente unito alla gente semplice. I suoi pensieri nascevano dai territori dove i suoi piedi avevano calpestato. Questo cristianesimo incarnato, immerso nelle ferite dei poveri e della terra, mi incoraggia ad affrontare oggi temi così complessi. Questi temi socio-ambientali, approfonditi dal magistero di Papa Francesco, interpellano ogni giorno me e il mio ministero episcopale. L’Ecologia Integrale segna in qualche modo un itinerario di conversione nella mia vita. Non ho dubbi che essa sia la profezia dei tempi nuovi.

Quali sono i suoi compiti attuali come vescovo ausiliare di Belo Horizonte?

Sono responsabile della Regione Episcopale di Nossa Senhora do Rosário, a Vale do Paraopeba, con sede a Brumadinho. Luogo di missione continua. Seguo da vicino le comunità colpite dalla tragedia/crimine di Vale, con il crollo della diga della miniera di Córrego do Feijão, che ha ucciso 272 persone e distrutto il bacino di Paraopeba. Questa realtà, pur essendo locale, rivela i nostri drammi globali. Pertanto, ho partecipato a molti incontri, reti nazionali e internazionali. Sono anche animatore del Vicariato Episcopale per l’Azione Sociale, Politica e Ambientale, Segretariato Arcidiocesano Giovanile, Segretariato per la Vita Religiosa Consacrata. Coordino la Commissione Missionaria e il Gruppo di Lavoro sull’ecologia integrale e Miniere della Regione 2 e sono membro delle Commissioni CNBB sull’ecologia integrale e quella di Cultura e Educazione.

Ci lascia un messaggio ai lettori di Akikolá!

“Copiosa Apud Eum Redemptio!”.
Come battezzati, seguiamo un bel progetto di vita che è Gesù Cristo. Considero l’elemento più importante di questo cammino il comandamento dell’amore. Per questo ho scelto come motto del mio ministero episcopale “La carità non avrà mai fine” (1 Cor 13,8). In ogni scelta di vita che facciamo, vale la pena vivere ispirati da quell’amore. È un meraviglioso dono di Dio che merita la nostra risposta in ogni stagione della nostra vita. È molto bello quando ci diamo per amore del Regno di Dio, ancor più ai nostri giorni, in quest’epoca particolare. Gratitudine, grazie a voi team di Akilolá e ai cari lettori, per la vostra preghiera e amicizia. Continuiamo a combattere ogni forma di pregiudizio, violenza, ingiustizia, in nome del Dio della vita. E Maria, nostro Perpetuo Soccorso, ci sostenga soprattutto quando affrontiamo i pericoli della nostra missione.

Brenda Melo, Giornalista, Rivista Akikolá – Novembro/2021
Provincia di Rio

Print Friendly, PDF & Email