Abbiamo bisogno di Segnali di solidarietà

0
787

Sono trascorse più di due settimane da quando i telegiornali iniziano con le immagini dell’Ucraina, devastata dalla guerra. Tante persone di buona volontà si sono impegnate nell’aiuto umanitario per il popolo ucraino colpito dall’aggressione russa. Organizzando trasporti con generi alimentari e medicinali, inviando gli articoli di prima necessità, assistendo i rifugi e aprendo loro cuori e porte, aderendo all’appello di Francesco del Papa al digiuno e alla preghiera, mostrano solidarietà alle vittime della guerra e unità nel portare avanti la pace .

Tra i vari modi per esprimere solidarietà è stata proposta anche la visualizzazione di avatar e banner su Internet. È incredibile quante persone l’hanno accolto e adottato per i loro social media. Qui sotto Matthew Howard presenta questa idea nel suo articolo qui sotto.


Ormai abbiamo visto tutti immagini e video di ucraini che cercano disperatamente di fuggire dal terrore della guerra. Nella nostra mente collettiva ci sono scene di madri che tengono in braccio i loro figli, conoscendo l’orrore e l’incertezza di ciò che li aspetta. In questi momenti veniamo toccati da una verità racchiusa nel profondo di tutta la nostra comune umanità; questa ingiusta aggressione deve essere fermata. C’è qualcosa in un genitore che tiene in braccio il proprio figlio in un periodo di occupazione e guerra che fa emergere la nostra determinazione a essere solidali contro atti malvagi.

L’idea di un’escalation della risposta militare della NATO arriva con la possibilità molto reale di una catastrofe nucleare. Ciò non ha impedito al mondo di mostrare la propria indignazione per l’invasione della Russia e di sostenere l’Ucraina. La denuncia è schiacciante, come mostra la risoluzione delle Nazioni Unite che condanna le azioni della Russia passate 141 contro 5. È in questo contesto che la famiglia Redentorista continua a esplorare modi per essere solidale con l’Ucraina.

Non è un segreto che il governo russo stia conducendo una guerra asimmetrica di disinformazione online. Queste tipo di troll sono al lavoro da anni ormai, interferendo nelle elezioni e fomentando varie cause come agenti provocatori online. La nostra resistenza a questo dovrebbe arrivare attraverso un’opposizione unificata a questa tattica.

Abbiamo creato avatar e banner sui social media per mostrare solidarietà al popolo ucraino sotto il patrocinio di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. Singoli individui, parrocchie e comunità e Province Redentoriste di tutto il mondo stanno sostituendo i loro avatar sui social media con quello di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. Per favore, considera di unirti a noi in questo atto di solidarietà. Che la nostra determinazione per la pace sia forte quanto la sete di guerra del presidente Putin.

Di seguito sono disponibili screensaver e badge dei social media in solidarietà con l’Ucraina. Lascia che questo simbolo sia un testimone per il mondo. Come ha detto il Superiore Generale Redentorista Michael Brehl: “Siamo chiamati alla testimonianza e alla testimonianza profetica. La testimonianza profetica non è solo predicare da un pulpito, non è solo proclamare la Parola di Dio e poi come la Parola di Dio ci tocca oggi. Essere testimoni significa testimoniare ciò che abbiamo visto”.

Le prossime settimane e i prossimi mesi saranno difficili da navigare online per gli attori in buona fede come c’è ora e sarà condivisa anche la disinformazione pro Ucraina.

Non è passato molto tempo da quando la maggior parte delle reti occidentali ha sostenuto le pretese dell’amministrazione Bush (USA) che hanno portato all’invasione dell’Iraq. Dovremo tutti temperare la nostra rabbia e disperazione e condividere solo le fonti più affidabili e controllate online.

C’è una verità che si trova in questa immagine di una madre che tiene in braccio il suo bambino, l’agnello, l’innocente, che grida a coloro che lo guardano dicendo: le persone contano.

qui puoi trovare la grafica di cui sopra:
GoogleDrive or webpage

Matthew Howard è un partner redentorista in missione e coautore della dichiarazione di giustizia sociale dei vescovi cattolici australiani, Making it Real: autentico incontro umano nel nostro mondo digitale.