La Commissione Preparatoria Centrale si riunisce per l’ultima volta prima del Capitolo Generale

0
135

(Roma) Tra due mesi inizierà a Roma la seconda fase, o fase canonica, del 26° Capitolo Generale della Congregazione del Santissimo Redentore. Durante la sessione di quattro settimane, i delegati di tutte le Unità della Congregazione fisseranno una direzione per la Congregazione per i prossimi sei anni ed eleggeranno un nuovo Governo Generale per supervisionare la realizzazione di quella direzione.

I preparativi per questo importante evento sono iniziati più di due anni fa, coordinati dalla Commissione Preparatoria Centrale, che attualmente si riunisce a Roma dal 28 giugno al 12 luglio.

Il lavoro della Commissione è facilitato da don Brendan Kelly, C.Ss.R., Segretario Generale della Congregazione. Prima che la Commissione concludesse formalmente i suoi lavori, gli abbiamo chiesto di commentare alcune domande.

Padre Brendan, di cosa si occupa la Commissione nel suo ultimo incontro prima del Capitolo generale?

È interessante che ci chieda cosa stiamo facendo in questo nostro ultimo incontro prima di celebrare la seconda Fase del Capitolo! In effetti, a causa della pandemia, questo è in realtà il primo incontro che abbiamo come Commissione in cui siamo stati effettivamente insieme nella stessa stanza! Ovviamente abbiamo avuto incontri regolari ma, sfortunatamente, sono stati incontri virtuali. Sebbene siano stati preziosi, c’è un grande vantaggio nel sedersi effettivamente insieme e discutere di questioni. Ed è quello che stiamo facendo in questi giorni, con il Superiore Generale e il suo Consiglio e i Coordinatori delle Conferenze.

Nonostante le sfide presentate dal Covid, siamo riusciti a portare a termine tutti e cinque gli incontri della prima fase. Ciascuna Conferenza ha presentato una relazione alla Commissione Preparatoria in relazione alla situazione attuale di ciascuna Conferenza e alle questioni che ritengono debbano essere affrontate nella seconda fase del Capitolo. Abbiamo studiato con molta attenzione queste relazioni in questi giorni (e ciascuno di noi prima del nostro incontro a Roma) e, con l’aiuto dello Spirito, ci sforziamo di “leggere i segni dei tempi” attraverso la lente di queste relazioni e tentare definire un’Agenda per la Fase II. Non è stato facile: viviamo in un mondo che sta emergendo da una pandemia, un mondo in cui c’è una crescente polarizzazione e un mondo in cui la Chiesa e la Congregazione stanno lottando per scoprire un ruolo e un contributo mentre cerchiamo di scoprire modi per continuare la missione del Redentore.

Inutile dire che abbiamo anche affrontato alcune delle questioni pratiche che devono essere risolte nell’organizzazione di un evento del genere. A settembre si riuniranno a Roma 90 Capitolari, 5 collaboratori laici e circa 15 confratelli e collaboratori laici che assisteranno al buon svolgimento del Capitolo.

Al termine delle nostre riunioni in questi giorni, penso che abbiamo raggiunto ciò che ci eravamo prefissati di raggiungere: abbiamo un’agenda e un programma. Questi hanno bisogno di un po’ di raffinatezza, ma penso che ci stiamo arrivando!

Qual è stato il processo di preparazione al Capitolo Generale a livello di Congregazione?

Organizzare questo capitolo è stato impegnativo! Il Covid ci ha fatto impazzire! Ma nonostante queste sfide, penso che siamo riusciti a ottenere molto. A rischio di sembrare presuntuoso, non credo che nessun precedente Capitolo Generale si sia impegnato in un simile processo di preparazione e consultazione. Abbiamo iniziato consultando il Consiglio Generale e i Coordinatori delle Conferenze. È seguita una Consultazione che ha coinvolto i Consigli di tutte le Unità della Congregazione. Abbiamo anche consultato missiologi e teologi alla ricerca delle loro intuizioni sulla situazione attuale del nostro mondo ferito.

Sulla base delle risposte che abbiamo ricevuto, e con l’aiuto dell’Ufficio delle Comunicazioni della Congregazione, abbiamo prodotto una serie di quattro video presentazioni, che affrontano il tema del sessennio in corso “Testimoni del Redentore, Solidali per la Missione, en un Mondo ferito”. Nella produzione di questi video, siamo stati molto aiutati da confratelli e laici partner delle diverse Conferenze della Congregazione.

Con l’aiuto di questi video, siamo stati in grado di interagire con confratelli e laici in tutta la Congregazione. I video sono stati presentati e discussi nella stragrande maggioranza delle comunità della nostra Congregazione e le loro reazioni e commenti sono stati presentati alla Commissione Preparatoria.

Tutte le risposte che abbiamo ricevuto hanno permesso alla Commissione Preparatoria di preparare un Documento di Lavoro per la Fase I del Capitolo. Il tema centrale del Documento di lavoro rifletteva il desiderio che era chiaro dalle risposte che abbiamo ricevuto: la necessità di “re-immaginare” il nostro carisma mentre navighiamo in un mondo nuovo e complesso. Il Documento di lavoro ha fornito un punto di partenza per gli incontri della Fase I del Capitolo e, mi sembra, è stato un documento e un’idea che ha risuonato con molti Capitolari della Fase I.

Quali obiettivi si è prefissata la Commissione nel processo di preparazione al Capitolo Generale? Sono stati raggiunti?

Penso che la mia risposta a questa domanda si trova nella risposta alla domanda precedente. Come Commissione, ci siamo proposti di intraprendere un processo di consultazione nella Congregazione che coinvolgesse tutti i confratelli e i partner laici, nonché coloro che hanno il compito di dirigere. Volevamo avere un’idea di ciò che i confratelli e i partner stanno effettivamente vivendo in questo momento mentre intraprendono la missione della Congregazione. Il processo di consultazione, speravamo, ci avrebbe consentito di lavorare per un Capitolo che avrebbe risposto alle “interrogazioni ansiose” che molti di noi hanno in questo momento. Penso che abbiamo raggiunto questo obiettivo.

Pur riconoscendo le debolezze nella fase preparatoria, crediamo di aver condotto un processo di consultazione che ha coinvolto al meglio i confratelli ei laici, tenendo conto dei limiti che abbiamo dovuto affrontare.

Abbiamo usato una frase nel Documento di lavoro che forse può descrivere questo Capitolo: è il Capitolo più significativo per noi dal Concilio Vaticano II. Tale affermazione è stata messa in discussione. Lo accetto. Ma penso ancora che rimanga valido! Già nel 2015 papa Francesco ha affermato che “non siamo in un’era di cambiamenti, ma in un cambio di epoca”. Quelle parole sono più significative oggi che allora! Le sfide che abbiamo di fronte sono grandi. Possiamo rispondere? Sta a noi! È nelle nostre mani!

Padre Brendan, grazie mille per i tuoi commenti.

(GR/Scala News)

Print Friendly, PDF & Email