Dichiarazione dei Redentoristi in Ucraina

0
169

Due sacerdoti redentoristi sono stati arrestati dai soldati russi a Berdyansk (Ucraina). Sono stati falsamente accusati di detenere armi ed esplosivi.

Il 17 novembre 2022, abbiamo appreso da alcune fonti aperte sui social media che due dei nostri sacerdoti redentoristi, padre Ivan Levytskyy e padre Bohdan Heleta, sono stati arrestati dai servizi di sicurezza russi il giorno prima (16 novembre 2022). ). Abbiamo perso ogni contatto con loro da quel giorno stesso, 16 novembre.

Il 23 e 24 novembre, il canale televisivo russo “Zviezda” ha pubblicato un estratto dell’interrogatorio di Ivan Levytskyy. C’erano segni visibili di stanchezza fisica e mentale sul volto del sacerdote.

Finora non si sa dove sono. Non abbiamo alcun contatto con loro, il che indica che sono stati completamente tagliati fuori dal mondo esterno. Ciò dimostra che gli occupanti non rispettano le regole fondamentali dei diritti umani.

Entrambi i sacerdoti appartengono alla congregazione internazionale del Santissimo Redentore (Redentoristi) e hanno ministrato nella Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria (Chiesa greco-cattolica).

All’inizio della guerra su vasta scala il 24 febbraio 2022 e successivamente, dal momento in cui la città è passata sotto il controllo delle forze russe, i sacerdoti hanno deciso di rimanere in città per continuare a servire il popolo. Hanno fornito loro sostegno spirituale e umanitario e aiutato rifugiati e persone bisognose, il cui numero è in aumento.

A partire dal 23 novembre, i media russi hanno iniziato a riferire che membri di un’unità della Guardia nazionale russa (Rosgvardia) hanno trovato armi ed esplosivi nei locali della chiesa e nel seminterrato della casa in cui vivono i sacerdoti.

Indubbiamente, i risultati di tali indagini, condotte in assenza dei sacerdoti, sono falsificati e falsi. Un canale Telegram “Лeнта новостeй Бердянска” ha mostrato un messaggio che rivelava il carattere premeditato della perquisizione effettuata, in quanto contrapponeva i risultati delle perquisizioni nella Lavra e nelle chiese ortodosse ucraine del Patriarcato di Mosca con la perquisizione a Berdiansk, che era stata presentata come “in una chiesa controllata da Kiev”.

Vale la pena notare che la diffusione di tali video e informazioni è iniziata dopo una perquisizione da parte dei servizi di sicurezza nazionale dell’Ucraina nel Kyiv-Pechersk Lavra il 22 novembre.

Desideriamo affermare che le informazioni sulle armi e gli esplosivi trovati nella chiesa, così come le attività estremiste dei sacerdoti, non hanno verità e mirano a screditare la Chiesa greco-cattolica ucraina, la sua comunità e i suoi sacerdoti a Berdiansk e nei territori occupati.

I sacerdoti hanno diretto esclusivamente il servizio pastorale e sociale per i cattolici greci e romani nella città di Berdiansk. Furono designati per questo dai loro superiori e dalle autorità ecclesiastiche, e fino al momento del loro arresto non vi fu disaccordo con la loro presenza.

Questa informazione è rivolta a chiunque abbia i mezzi per intervenire in loro favore e facilitare la liberazione di p. Ivan e p. Bohdan da questa insensata prigionia.

L’oppressione e le bugie diffondono paura e miseria. Solo il diavolo agisce con tali mezzi, poiché “è stato omicida fin dal principio, non aggrappandosi alla verità, perché in lui non c’è verità” (Gv 8,44).

Maria, Madre di Dio, Madre del Perpetuo Soccorso, proteggi i prigionieri e aiutali a tornare a casa!

26 novembre 2022

La leadership della Provincia di Lviv della Congregazione del Santissimo Redentore (Redentoristi)

Print Friendly, PDF & Email