Come vivere una pastorale di inclusione, accoglienza e animazione delle culture

0
121

Festa della Vergine di Altagracia
NOSTRA SIGNORA DEL PERPETUO SOCORRO, BROOKLYN, NY

di P. Manuel Rodríguez Delgado, C.Ss.R.

La pastorale della Basilica Redentorista di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Brooklyn, New York, è una pastorale di inclusione, accoglienza e animazione delle culture dei diversi paesi di origine. La Parrocchia valorizza l’interazione e lo scambio tra culture diverse, perché arricchiscono la Chiesa e la società e promuovono la comprensione reciproca, la tolleranza e l’apprezzamento della diversità. Si riconosce la ricchezza della multiculturalità, la molteplicità delle lingue, la varietà delle tradizioni, delle devozioni e delle espressioni culturali della fede dei diversi Paesi di origine dei fedeli.

Contrariamente alla teoria sociale del passato, che era più una teoria del “melting pot”. In modo speciale, un’attenzione speciale è riservata alle diverse devozioni e invocazioni della Vergine Maria, sostenendo, incoraggiando e servendo ciascuna cultura e le sue tradizioni religiose.

Ciò è stato evidente con la festa della protettrice del popolo della Repubblica Dominicana e la sua devozione alla Vergine di Altagracia. Nella cerimonia della sua festa, il 21 gennaio, si sono riflesse le espressioni delle tradizioni di fede, che prevedevano una danza popolare con musiche tipiche con la presentazione del rosario come espressione della profonda devozione del popolo domenicano alla Vergine Maria. . Nella processione offertoriale, oltre all’acqua e al vino, tra gli elementi presentati c’erano i prodotti agricoli tipici della Repubblica Dominicana, l’artigianato del paese e alcuni degli strumenti musicali utilizzati come la güira, il tamburo, la fisarmonica, le maracas, ecc., che sono parte integrante del ricco e diversificato patrimonio musicale dominicano e che comprende generi come il merengue, la bachata, il son, la musica afro-dominicana, tra gli altri.

La cerimonia è stata arricchita con il riconoscimento di due persone di origine dominicana che hanno dato un grande contributo alla comunità per i loro servizi rispettivamente di 30 e 35 anni. Le due persone, Luis Arias e Gabina Rodríguez, sono anche fratelli di sangue. Partecipano al gruppo di laici della Missione Condivisa (Partners in Mission, in inglese) che dopo un anno e mezzo di formazione nella spiritualità e nel carisma redentorista, nella festa del Santissimo Redentore nel luglio di quest’anno, saranno iscritti come collaboratori della missione redentorista.

Interessante e degno di nota è che, tra i membri della comunità redentorista della Basilica, tre membri (Roberto Wojtek, Norman Bennett e Manuel Rodríguez) sono stati missionari nella Repubblica Dominicana per un totale di 33 anni tra loro. Un altro membro della comunità (Kevin Moley) è stato anche superiore provinciale della Provincia di San Juan e ha visitato la Repubblica Dominicana in molte occasioni durante i suoi due mandati (6 anni) di animazione provinciale.

Dopo la cerimonia presso la Basilica del Perpetuo Soccorso, la Commissione di Altagracia, nel proseguimento dei festeggiamenti, si è recata alla Concattedrale di San Giuseppe della Diocesi di Brooklyn. Il gruppo di danze popolari della nostra Basilica è stato invitato a ballare nel corteo d’ingresso alla Messa a cui hanno partecipato centinaia di domenicani provenienti da tutta la diocesi.

L’espressione spesso ripetuta continua a risuonare nelle nostre orecchie: “Viva la Vergine di Altagracia!” e la risposta: “Che Viva!”

Print Friendly, PDF & Email