Brasile: Ex seminaristi redentoristi incontrati a Sacramento-MG

0
75

“Sale della terra e luce del mondo”. 

Membri laici della famiglia Redentorista, ex seminaristi, religiosi, oblati e collaboratori che vivono il carisma e la spiritualità alfonsiana hanno partecipato all’incontro degli ex seminaristi del Seminario del Santissimo Redentore, dal 26 al 28 aprile 2024, a Sacramento, Minas Gerais (MS), con più di 30 persone presenti. Sotto la guida di Vania Regina Manzan, un’équipe ha inserito l’evento nell’agenda comunale, in collaborazione con la Banda Lira do Borá, con più di 25 membri, e con l’Assessorato alla Cultura, con Dimas da Cruz Oliveira, in una visita guidata all’Arraial de Desemboque, luogo di nascita delle città del Triângulo Mineiro e sede di due chiese barocche, nonché con Walmor Júlio da Silva, nostro sostenitore permanente, che ha lavorato con i partecipanti su rappresentazioni teatrali e sul testo “Lo statuto dell’uomo”, di Thiago de Mello. 

Dopo aver sentito cosa ha significato concretamente per ciascuno di loro, notiamo che per Claudio Eustaquio da Silva, “il messaggio del Vangelo è rimasto: “Rimanete in me” e come Redentoristi non ci siamo sottratti a questo impegno”; Joao Batista Rosa, “il carisma di Sant’Alfonso si è configurato per noi e attraverso l’azione nella società ci siamo trasformati oggi in cittadini pieni e consapevoli”; Per José Roberto Amatangelo, “l’importanza di stare insieme è socializzare, rendendoci più umani”; José Adalto Paceli de Oliveira, “è una parola di incoraggiamento e perseveranza”; Sebastião Cassimiro Filho, “l’incontro ricarica le nostre energie, l’amicizia della vita redentorista e la preghiera di gruppo più forte”. 

Monsignor Messias dos Reis Silveira, vescovo di Teófilo Otoni-MG, ha detto che “è una delle grazie che Dio ci riserva dopo aver avuto la gioia di vivere in seminario in passato, c’è qualcosa che unisce tutti attraverso la fraternità ispirata alla famiglia dei Missionari Redentoristi, per rafforzare i legami di amicizia sociale, entrare in contatto con la vita e la testimonianza dei fratelli che hanno vissuto prima e dopo di noi l’esperienza che Dio ci ha permesso di vivere come seminaristi, con un’atmosfera di fraternità, spiritualità e speranza tra tutti e che nelle testimonianze di ciascuno, possiamo dire che il seminario ha portato frutto, dove alcuni sono diventati ministri ordinati e molti sono inseriti nella società vivendo la vita cristiana nella forza del battesimo, essendo sale della terra e luce del mondo (Mt 5,13-14)”. 

Per José Carlos Tadeu, “Sacramento rappresenta un luogo di ritrovo con amici e ricordi che non ci abbandonano, di un passato che ci ostiniamo a non dimenticare”. Claudia Bernardes Almeida Rosa, moglie di Luiz Antônio, uno degli organizzatori, ha detto che “è stato gratificante partecipare alla preparazione e all’organizzazione dell’evento e condividere con suo marito quei momenti vissuti in seminario e pregare con tutti loro”.  

Lucia Helena Bernadelli, moglie di Valdair Bernardeli, ha ricordato “l’importanza di aiutare negli incontri, è la gioia che rimane, il rivedere gli amici del periodo vissuto insieme e sarà felice di aiutare nell’incontro del prossimo anno”. Dimas da Cruz Oliveira, consulente culturale, ha parlato della sua immensa gioia nel partecipare all’incontro e nel dare al gruppo l’opportunità di presentare gli aspetti culturali locali. 

Ronan H. Borba afferma che “stare con persone che hanno la mia stessa esperienza mi ha fatto capire che non sono solo in questo viaggio”. Jose C. Leite afferma che “è stato eccellente incontrarsi con gli amici e ricordare i bei momenti trascorsi”. E sottolinea la visita al villaggio di Desemboque, il jogral e la riflessione che ne è seguita”. 

Oralda Manzan, che con la sua famiglia ha offerto sostegno ai seminaristi durante la formazione in seminario e nel Coordinamento pastorale delle comunità cattoliche rurali, ha detto che “la lettura del Vangelo di domenica è stata importante, vista la necessità di “stare fermi oggi sul tronco dell’albero”. Ha sottolineato che vuole sempre fare quello che ha fatto con grande piacere e continuerà a sostenerla finché Dio le darà vita, senza ricordare che dei seminaristi che hanno lavorato con lei, cinque sono diventati sacerdoti e uno è diventato vescovo, Mons. Messias”. 

Jonival Cortes, presidente dell’UNESER (Unione Nazionale Ex Seminaristi Redentoristi), ha detto che “è stato un momento molto ricco di condivisione e di emozioni, un incontro missionario di grande significato e un rinnovamento dell’entusiasmo alfonsiano che ci circonda”. Padre João Batista de Almeida, CSsR, è stato presentato come nuovo Direttore Spirituale, portando entusiasmo, dinamismo e una salda spiritualità redentorista. Degni di nota sono stati la preghiera del santo rosario cantata il venerdì e l’atto penitenziale, la camminata del sabato, lo spettacolo teatrale e la Messa nella Chiesa del Rosario la domenica, celebrata dal vescovo Messias e concelebrata da padre João Batista”. 

Padre João Batista de Almeida, direttore spirituale dell’UNESER e delle Opere Sociali Redentoriste/CAS (Centro di Assistenza Sociale), ci ha detto che “ogni incontro è buono perché porta nuove prospettive, la vita si rinnova e negli incontri c’è sempre la prospettiva del nuovo che emerge sempre, genera vita che si perpetua” e, interrogato sulla sua missione all’UNESER e al CAS all’interno della mistica di Sant’Alfonso, ci ha detto che “era un uomo che si preoccupava sempre dell’essere umano”, e che per molti, molti anni è andato sistematicamente all’ospedale degli incurabili per alleviare il loro dolore, pur sapendo che lì non c’era alcuna prospettiva di trasformazione, dando il suo contributo per alleviare quella realtà, il dolore di quelle persone, che è lo spirito che ha creato la congregazione missionaria. 

“Credo che nel mio ruolo attuale queste due realtà si uniscano, accompagnando coloro che sono passati dai nostri seminari, che continuano a essere Redentoristi, nel lavoro che svolgono e, allo stesso tempo, accompagnando il lavoro della stessa Congregazione del Santissimo Redentore, che in vari luoghi assiste persone vulnerabili e a rischio, fornendo loro un piccolo sogno e una speranza”. 

Seguendo la preghiera vocazionale redentorista per quest’anno, in segno di gratitudine per l’incontro, possiamo pregare: “Signore Gesù, inviato dal Padre e Unto dallo Spirito Santo, che fai mettere i nostri piedi in cammino, aiutaci a discernere la grazia della tua chiamata e l’urgenza della missione, e fa’ che possiamo sognare e donarci con generosità e vigore al servizio del Regno, nella tua Chiesa e nel mondo, e che le vocazioni ai ministeri laici siano rafforzate”. 

Vicente de Paula Alves – UNESER