Dichiarazione del cardinale Joseph W. Tobin sulla rescissione dell’ordine esecutivo DACA

0
370

La decisione di eliminare l’Azione Differita per l’arrivo dei bambini è dannosa.

E’ nettamente e chiaramente sbagliato per questa amministrazione usare come strumento politico la vita, il futuro e la sicurezza di circa 800,000 giovani, persone il cui solo crimine, se così si può dire, è stato che hanno accompagnato in modo amorevole ed obbediente i loro genitori nel perseguire il sogno di libertà ed occasione.

Se la precedente amministrazione avesse o non l’autorità di istituire la DACA non importa. Gli 800,000 Sognatori colpiti dalla rescissione sono persone. Vivono nei nostri quartieri, frequentano le nostre scuole, combattono per il nostro paese, e contribuiscono attivamente nei nostri posti di lavoro. Contribuiscono al futuro e alla prosperità di questa nazione. Hanno seguito le regole che sono in atto, sempre pregando che il Congresso  si sarebbe dato da fare in modo intelligente, in modo da trovare soluzioni a lungo termine per un sistema di immigrazione infranto.

Non ci si può nascondere dietro il termine “legalità” nel rescindere la DACA. Questo rappresenta un abbandono dell’umanità, e un abbandono di giovani e speranzosi talenti  che sono Americani come te e come me.

Il ruolo della legge, sempre e comunque, deve fornire un codice umano e morale per organizzare, proteggere e promuovere la società basata sui migliori ideali e credenze nei nostri cuori e nelle nostre menti. L’insegnamento cattolico invita tutte le persone ad impegnarsi per difendere ognuno e a lavorare per il bene comune della nostra nazione. Rescindere la DACA senza mettere in atto attraverso il Congresso una protezione ugualitaria e permanente per questi Americani non fa progredire la società e esemplifica i nostri ideali migliori e credenze. Rappresenta piuttosto un abbandono della umanità.

Oggi, l’Amministrazione non solo ha chiuso i confini; ma ha anche chiuso le menti ed i cuori.

(Cortesia: http://www.rcan.org)


Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA) è una politica americana di immigrazione stabilita dall’amministrazione Obama nel giugno 2012. La politica consente a alcuni individui che sono entrati illegalmente nel paese come minori per ricevere un rinnovabile periodo di due anni di azione differita dalla deportazione e l’ammissibilità di un permesso di lavoro. A partire dal 2017, circa 800.000 persone – definite sognatori (Dreamers) dopo la legge del DREAM Act – furono iscritte al programma creato da DACA.

Print Friendly, PDF & Email