I gemelli identici celebrano 60 anni come sacerdoti redentoristi

0
1533

Sacerdoti redentoristi e gemelli identici, P. John (a sinistra) e Patrick (a destra) O’Neill CSsR, celebreranno il loro Giubileo di Diamanti – 60 anni di sacerdozio – il 16 marzo 2018. FOTO: Giovanni Portelli

I gemelli identici, i padri Patrick e John O’Neill CSsR, erano entrambi presenti quando il Sydney Harbour Bridge fu aperto nel 1932. Ma non hanno alcun ricordo dell’importante occasione: all’epoca avevano solo sei settimane.

I fratelli ottantaseienni ricordano, tuttavia, che sono stati ordinati sacerdoti insieme al monastero dei Redentoristi a Ballarat circa 60 anni fa, il 16 marzo 1958.

Nonostante entrambi si sentissero chiamati al sacerdozio fin dalla tenera età, i due gemelli non ne parlavano mai insieme. “Sapevano solo” che dovevano essere sacerdoti.

“È il mistero della vocazione”, ha detto p. Patrick. “Perché volevo essere un prete? Non lo so. Ma so che è stata una vita molto felice. Non avrei fatto niente altro. “

“Ho sempre voluto essere un prete”, ha aggiunto P. John. “Sempre.”

Mentre crescevano a Goulburn con i loro sei fratelli e sorelle, i pp. Patrick e John affermano di aver ricevuto un’educazione “meravigliosa” dalle Sorelle della Misericordia durante gli anni della scuola primaria e i Fratelli Cristiani nella scuola secondaria.

Entrarono nel seminario minore dei Redentoristi insieme a Galong quando avevano solo 15 anni. Successivamente passarono al noviziato di Pennant Hills e poi al seminario di Ballarat e Mayfield.

Durante gli anni del noviziato, il corpo insegnante decise che poteva esserci solo una vocazione tra loro due  e cercò di determinare quale gemello avesse la vocazione.

“Eravamo come due piselli nello stesso baccello”, ha detto p. John. “Non potevamo entrambi avere una vocazione. Così dicevano ‘dobbiamo separarli per vedere chi ha la vocazione’. Io fui promosso a una classe superiore, lui  fu  messo in una classe inferiore. “

Ma fu tutto inutilmente. Entrambi i giovani erano chiaramente chiamati al sacerdozio.

“Non ci fu reazione, quindi ci rimisero da dove venivamo. Siamo finiti nella stessa classe”, p. Patrick ha detto ridendo.

Fu subito dopo l’ordinazione che i fratelli andarono davvero per la loro strada. Dopo aver studiato insieme a Roma, P. John è tornato in Australia per insegnare in seminario mentre padre Patrick è rimasto a continuare il suo corso di teologia morale.

I gemelli hanno preso la separazione con facilità. Quando le loro vie finalmente si separarono a Venezia, non vi fu quel trauma che si pensava.

“Lui ha detto, ‘beh, me ne vado’. E io ho detto ‘bene, ci vedremo quando ci vedremo’ “, p. Patrick ha detto ridendo.

Nei decenni successivi, P. John fu mandato in missione nelle parrocchie di tutta l’Australia, che considerava la parte più importante della sua vocazione di sacerdote redentorista. “Stai facendo quello che vuoi fare, che significa far conoscere il Signore. Un po’ come gli Apostoli”, ha detto.

Alla fine si sentì chiamato a svolgere un lavoro missionario in Africa e prestò servizio nella missione dei Redentoristi nel Burkina Faso per quasi 22 anni, tornando a casa solo dopo aver avuto un ictus nel 2007.

Nel frattempo, P. Patrick ha ricoperto vari ruoli per i Redentoristi, tra cui l’ insegnamento, la contabilità e lavori agricoli nel seminario minore di Galong. Ma sono stati i tre anni di lavoro missionario a Townsville quelli che egli dice furono gli “anni migliori” della sua vita. Il lavoro missionario è stato il punto culminante della sua vocazione, dice. “Questo è quello per cui siamo stati ordinati”.

Quando p. John ebbe  l’ictus in Africa, p.  Patrick volò a Roma per incontrare suo fratello e portarlo a casa in Australia. E così i fratelli si sono riuniti ancora una volta.

Ora vivono insieme nella comunità redentorista a Kogarah.

Gemelli identici, padre John (a sinistra) e Patrick (a destra) O’Neill, parlano con la giornalista del settimanale cattolico Catherine Sheehan sugli ultimi 60 anni di vita dei sacerdoti redentoristi. FOTO: Giovanni Portelli

Mentre si preparano a celebrare il loro Giubileo di diamante il ​​16 marzo, p. Patrick e John dicono che possono vedere che la mano di Dio li ha guidati fino in fondo.

P. Patrick fa fatica a spiegare come da giovani hanno deciso di diventare Redentoristi, un ordine religioso di cui avevano sentito parlare  solo circa sei mesi prima di entrarvi.

“Come si spiega? È il mistero della vocazione “, ha ancora detto.

“Dio è al comando”, ha detto p. John. “Se segui semplicemente ciò che vuole, è così. Lui sa dove sei, non devi fare piani. Aspetta solo quelli che hanno bisogno di te, che ti vogliono. Questo è tutto. La cosa meravigliosa è che c’è qualcuno su in alto che si occupa di tutto questo.

(Catherine Sheehan, www.catholicweekly.com.au)

Print Friendly, PDF & Email