Cultura digitale e vita religiosa

0
398

Viviamo in un mondo in cui tutti noi siamo bombardati da tonnellate di informazione. A volte è molto difficile per noi elaborare le informazioni che riceviamo, a causa della quantità e del ritmo. I progressi tecnologici a cui assistiamo nella vita di tutti i giorni sono esponenziali. La scienza, i media e la tecnologia hanno stravolto il modo in cui gli esseri umani vivevano nel passato. Oggi pensiamo in modo diverso, comunichiamo in modo diverso l’esperienza ed elaboriamo le informazioni in modo diverso. Molti di noi hanno visto come la scienza e la tecnologia hanno trasformato lo stile di vita negli ultimi due decenni. La velocità con cui tutti i cambiamenti avvengono è così rapida che alcuni non riescono a starle dietro. Non interagiamo l’uno con l’altro nello stesso modo in cui eravamo abituati a interagire dieci anni prima. Il modo in cui otteniamo le informazioni e le risorse per la conoscenza è completamente diverso da quello dei tempi passati. Le relazioni sono ridefinite in questa nuova cultura della rivoluzione digitale. Le immagini dei media stanno rimodellando la percezione pubblica sulla religione, sulle credenze e sul secolarismo. Siamo molto ben collegati in questo mondo digitale e in questa cultura digitale. Tuttavia, non siamo in grado di raggiungere le persone che sono veramente bisognose e sofferenti.

Come sappiamo  la cultura del nostro tempo è digitale e la vita religiosa deve fare i conti con questa realtà, approfittare del bene che porta e imparare a gestire i rischi e le sfide che pone. Se poniamo noi stessi nel contesto di questa cultura digitale, saremo in grado di trovare tre gruppi di persone. Il primo è un gruppo di persone che sono nate prima di questo periodo di cambiamento esponenziale e allo stesso tempo lottano per raggiungere i cambiamenti in questo mondo, in particolare nel mondo digitale. Il secondo gruppo potrebbe essere quello che è nato più o meno nel tempo di questa grande transizione e che cammina insieme ai cambiamenti. Questi riescono ad adattarsi ai cambiamenti e sono in grado di conoscere la tecnologia e i media. Si chiamano immigrati digitali. Il terzo gruppo sono quelli che sono nati in questa cultura digitale e che sono bravi nella tecnologia e nei media. Sono chiamati i figli dell’era digitale. Possiamo trovare questi gruppi anche nella nostra Congregazione.

Non c’è dubbio che i grandi cambiamenti che vediamo oggi stanno ridisegnando la nostra vita religiosa. A volte ci cambiano anche senza rendercene conto. Il modo in cui viviamo la nostra vita religiosa, il modo in cui esprimiamo la nostra fede, il modo in cui ci impegniamo nel ministero, il modo in cui interagiamo tra noi, ecc., Tutto è cambiato in un paio di decenni. Il divario tra le generazioni si sta allargando. La distanza tra le persone che sono tecnologiche e quelle che non lo sono sta diventando più grande. Nella nostra comunicazione verbale, il vocabolario e il significato delle parole sono diversi per i giovani di oggi, rispetto a quelli che non sono in sintonia con questa cultura digitale. Questo tipo di differenze sono talvolta evidenti nella nostra vita religiosa, ad esempio tra formatori e studenti. Molto spesso i giovani sono più intelligenti dei loro genitori e mentori, grazie alla loro capacità di adattarsi alla nuova tecnologia. È tempo per noi di riflettere seriamente su questa realtà della cultura digitale e su come possiamo essere più efficaci nella nostra vita e missione.

Secondo  Papa Francesco, “il mondo digitale può essere un ambiente ricco di umanità; una rete non di cavi ma di persone. L’imparzialità dei media è solo un’apparenza; solo chi esce da se stesso nella propria comunicazione può diventare un vero punto di riferimento per gli altri. L’impegno personale è la base dell’affidabilità di un comunicatore. La testimonianza cristiana, grazie a internet, può così raggiungere le periferie dell’esistenza umana. “(Papa Francesco, GMC, 24 gennaio 2014). Qui Papa Francesco auspica che con l’aiuto della tecnologia e della comunicazione possiamo raggiungere le periferie. È responsabilità della Chiesa riflettere insieme su come possiamo usare i media per raggiungere i più abbandonati e i poveri. Noi redentoristi abbiamo una missione specifica per raggiungere le periferie del mondo. Tuttavia, più che mai abbiamo bisogno di riflettere in  modo diverso nel contesto degli sviluppi tecnologici e dei nuovi significati della comunicazione.

Biju Madathikunnel, CSsR 

Print Friendly, PDF & Email