Santa Maria a Vienna-Hernals, 130 anni di devozione

0
1385

(Vienna, Austria) – 130 anni fa, un monastero redentorista con una chiesa fu costruito a Vienna-Hernals. In realtà, la chiesa doveva essere dedicata al Clemente Maria Hofbauer. Ma Clemente non era ancora canonizzato. Quindi, divenne una chiesa per la “Madre del Perpetuo Soccorso”. Tuttavia, la piazza di fronte alla chiesa è stata dedicata dalla città a Clemente Hofbauer. Più tardi – dopo la canonizzazione di Clemente nel 1909, fu costruita una chiesa separata col nome di San Clemente. Per questo, la chiesa ha ricevuto la “principale reliquia” del patrono viennese della città come eredità speciale.

130 anni fa (25 aprile 1889), la chiesa di Santa Maria fu consacrata.

Una breve panoramica della storia della chiesa:

I dintorni dell’odierna chiesa di Santa Maria erano una zona molto estesa: un’area non sviluppata, stagni sporchi di mattoni, tra campi e prati e un vero “Gstättn”(deserto). Hernals non era ancora stato incorporato nella Vienna imperiale. La gente veniva da molte parti della monarchia per tentare la fortuna a Vienna come artigiani, lavoratori, agricoltori. Lo spazio vitale a Vienna stava diventando sempre più stretto, così anche le periferie di quel tempo vengono inondate da persone in cerca di lavoro e alloggi. Nel 1820 Hernals contava 146 case e 2.680 abitanti; Nel 1889 c’erano già più di 75.000 persone che vivevano qui e spesso lavoravano per un magro stipendio e dovevano sfamare una grande famiglia.

Il Provinciale dei Redentoristi, p. Andreas Hamerle si è avventurato in questo vasto territorio per costruire un monastero e una chiesa qui. Persino la domanda dell’imperatore non poteva impedirglielo: “i Redentoristi hanno il coraggio di andarci?”. Hamerle, che fu influenzato dal movimento dei lavoratori sociali cristiani, realizzò che qui c’erano le anime più abbandonate alle quali la regola dell’Ordine dei Redentoristi dà priorità. Sentiva questa situazione a Hernals come una sfida e cominciò a realizzare i suoi piani con pochi soldi, ma una grande fede in Dio. Alla periferia di Hernals, ha acquistato un terreno di circa 4.000 m2 per il prezzo di 26.500 fiorini.

Il 1 ° marzo 1886 fu fatto l’acquisto e già il 27 settembre cominciarono i lavori in chiesa; nella primavera del 1887, seguì l’inizio del monastero. All’inizio di aprile 1889, la chiesa e il monastero erano finiti. Padri e fratelli si stabilirono nel monastero. Sei campane furono consacrate. Il 25 aprile 1889 fu una solenne consacrazione con l’Arcivescovo Cardinale Cölestin Ganglbauer. Nel 1893 fu costruita la “clubhouse” con la Clement-Hofbauer-Saal. Nel 1937 fu costruita la parrocchia mariana; I Redentoristi si prendono cura di questa parrocchia – tra gli altri compiti. Al momento, il College Hernals ha sei membri. Quattro padri redentoristi e un diacono permanente, oltre a uno studente di dottorato e uno studente indiano che lavora nella chiesa e nella parrocchia.

Sono 2 le Festività del Santuario della città il 27 aprile, 18:30 con padre Lorenz Voith; così come il 27 maggio 18:30 con il padre provinciale Edmund Hipp.

Bombe, distruzione e nuovi inizi
Il monaco cronista scrive: “il 22 Marzo 1945 (giovedì) a mezzogiorno – di nuovo allarme antiaereo e presto le forti onde ruggiscono sopra di noi e un gran numero di bombe (per lo più leggere) colpiscono le case intorno nelle nostre strade vicine. Molte proprietà sono state danneggiate e il personale è rimasto ferito. Per la prima volta, il nostro centro di soccorso antiaereo si è mosso intensamente in azione. Più di 20 feriti furono ammessi e curati; tre di loro morirono e furono deposti nel capanno del giardino al cancello. Diverse bombe hanno colpito Clement Hofbauer Hall e l’hanno distrutta. L’ala mediana crollò completamente, l’ala scenica e la piccola sala erano ben conservate, ma senza un tetto o una finestra. Dalla grande sala, le bombe cadevano fino all’appartamento della guardiola e alla lavanderia, oltre all’ex “Reichsbund-Stüberl”. Quasi tutte le strutture sono state completamente distrutte. La copertura del tetto e la capriata del tetto erano posate sui poltroncina. Il muro fu girato contro il giardino. Il muro contro la Sautergasse rimase sopra la finestra. La veranda sul lato del giardino aveva resistito: la chiesa e la casa avevano solo danni alle finestre e alle porte “.

Dopo tre anni – all’inizio di aprile 1948 – la Cronaca fa la seguente nota: “Nei locali bombardati viene costruito un nuovo casolare per le ragazze (lunga 9 m, larga 4,75 m). L’ex sala è destinata a diventare un parco giochi per l’asilo, quindi le macerie vengono livellate … “, il giardino del monastero fu ricostruito.

(www.redemptoristen.com)

Print Friendly, PDF & Email