Michael Brehl: “Francisco è un esempio dello spirito di Sant’Alfonso”

0
70

Il superiore generale dei Missionari Redentoristi analizza la sua congregazione, la Chiesa e questo pontificato in un’intervista rilasciata a Vida Nueva

I quasi 5.000 membri che compongono la congregazione dei Missionari Redentoristi sono attualmente presenti in oltre 80 paesi nel mondo. “La situazione è diversa in ogni continente”, spiega a Vida Nueva il suo Generale, Michael Brehl. E, mentre in Asia c’è un momento di grande crescita dovuto all’aumento del numero di vocazioni, in Europa e Nord America stanno diminuendo. “Ci sono molti anziani e pochi giovani”, dice. Nel frattempo, in America Latina i numeri rimangono stabili. “Il Brasile, ad esempio, è il paese con il maggior numero di redentoristi al mondo”, afferma Brehl. Ma se qualcosa è comune a tutti i continenti, è il chiaro impegno della congregazione di collaborare con laici, donne e uomini, tutti “preparati e formati a fare la missione con noi”.

DOMANDA.- Come si svolge oggi la missione redentorista?

RISPOSTA.-

Dipende dal luogo. Ad esempio, in America Latina e in Europa, che sono culture con una tradizione cattolica molto forte, possiamo predicare attraverso missioni popolari e formare comunità. Ma non in Asia, perché sono pochissime culture cristiane. La nostra missione è molto più nella dimensione della testimonianza e dell’apostolato sociale. Tuttavia, esiste un legame tra tutti i continenti e lavoriamo molto nel campo della pastorale giovanile. In effetti, durante la mia recente visita in Spagna, ho partecipato ad un incontro nel monastero di El Espino (Burgos) con più di 350 giovani e agenti della pastorale della congregazione.

Un’altra realtà sono i santuari, come nel caso di Aparecida in Brasile. Molti di loro si dedicano alla Madonna del Perpetuo Soccorso. Sono molto popolari e rappresentano un’altra opportunità per evangelizzare e incoraggiare molte persone a vivere più profondamente il loro rapporto con Dio e Gesù nelle loro parrocchie dopo il pellegrinaggio. Inoltre, ogni santuario ha progetti sociali per approfondire i rapporti con gli abbandonati e i poveri.

D.- Incentrato sulla pastorale della gioventù, l’esortazione Christus vivit è parte del vostro lavoro con i giovani?

R.- Per noi è meraviglioso vedere l’enfasi che Papa Francesco sta mettendo sulla pastorale della gioventù. Soprattutto perché non viene affrontato dal punto di vista che è una pastorale “per” i giovani, istruire o dare loro qualcosa, ma “con” loro. Un ministero giovanile che coinvolge i giovani con la Chiesa, con la missione di Gesù.

Con loro, che hanno sete di far parte di molti progetti sociali, che vogliono fare volontariato, abbiamo costruito molte scuole e orfanotrofi in Africa, per esempio. Abbiamo anche inviato volontari a lavorare con bambini con bisogni speciali. È una pastorale che vuole coinvolgere i giovani nella nostra missione con quelli esclusi dal mondo. Non si tratta solo di fare ritiri e riflettere, anche se questo è importante, ma di lavorare insieme per la missione. Quest’estate 80 giovani spagnoli si sono offerti volontari in altre parti del mondo. In altri paesi, come la Germania, è molto comune che i ragazzi regalino un anno come volontari prima di iniziare l’università. I giovani vogliono anche essere agenti di cambiamento, non solo destinatari.

D. – Francisco ha compiuto sei anni come Papa. Come legge questo pontificato?

R. – Quando ascoltiamo Francesco, quando leggiamo le sue esortazioni, quello che vediamo è uno spirito di redenzione. Lo spirito della Chiesa in uscita, in missione permanente per portare la buona notizia agli altri, specialmente alle periferie, ma non solo a parole, ma anche nei gesti, nella testimonianza, nelle azioni concrete di carità, d’accoglienza. Per noi, Francesco è un esempio dello spirito di Sant’Alfonso. (…)

(www.vidanuevadigital.com – pubblicato il 15/09/2019)

Print Friendly, PDF & Email