Un contributo al rinnovamento liturgico di Varsavia

0
611
Picture: G. GAGLIARDI, St. Clement M. Hoffbauer and Fr. Taddeo Hübl were received in Warsaw by the Apostolic Nuncio, the Neapolitan Monsignor Ferdinand Maria Saluzzo of the Dukes of Corigliano. Rome, Redemptorist Missionaries, Via Merulana (Photo by Carlos Pereira C.SS.R.)

Nella sezione inglese, questa settimana pubblichiamo un articolo molto interessante sul panorama religioso e liturgico della Polonia a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo.

“Alla fine del diciassettesimo e all’inizio del diciottesimo secolo, la necessità di rinnovare la vita religiosa e liturgica, in particolare l’Eucaristia, i servizi eucaristici e le devozioni ai santi era particolarmente chiara nel nostro paese. Una breve ma chiara descrizione di questo problema è stata presentata da padre Michał Karpowicz nel suo sermone nella chiesa dello Spirito Santo a Vilnius”, inizia così il testo proposto.

Diverse dozzine dei vescovi e dei preti più luminosi erano consapevoli che un basso livello di ministero pastorale rappresentava un’ulteriore minaccia nel confronto con le correnti dell’Illuminismo. Pertanto, è stato effettuato un tentativo di riforma.

Nel 1788 p. Klemens Hofbauer e p. Tadeusz Hübl hanno iniziato la loro attività pastorale nella chiesa di San Benno a Varsavia. Erano ben istruiti; il primo ha studiato all’Università di Vienna, il secondo a Olomouc. Ricevettero la loro formazione religiosa ed ecclesiastica da uno dei più grandi teologi dell’epoca, Alfonso di Liguori, loro confratello. Sebbene non lo incontrassero mai, le sue numerose opere teologiche e ascetiche furono la base della loro formazione. A quel tempo fu Alfonso di Liguori a stabilire nuovi modi di pensare all’evangelizzazione, alla teologia, all’omiletica, alla liturgia.

Parte integrante dell’Eucaristia è la liturgia della parola: leggere la parola di Dio tratta dalla Bibbia e dal sermone. A quel tempo in Polonia, era una situazione piuttosto eccezionale quando un predicatore conosceva la Bibbia ed era in grado di interpretarla. Quindi i sermoni raramente erano una spiegazione della parola di Dio. Ai bennoniti importava che i sermoni spiegassero le letture della messa.

Questo è solo un’analisi superficiale del ministero pastorale dei Bennoniti, ma mostra che i Redentoristi, mentre venivano a Varsavia, non erano gravati dai problemi della Chiesa in Polonia. Pertanto, furono in grado di valutare lo stato della Chiesa locale a Varsavia osservandolo da una certa distanza. Allo stesso tempo, sono stati in grado di svolgere il loro stile di ministero pastorale e quindi di contribuire a risolvere i problemi pastorali, incluso il compito di rinnovamento liturgico.

Padre Kazimierz Piotrowski CSsR

Print Friendly, PDF & Email