Haiti: il paese sta vivendo tragedie peggiori della pandemia

0
88
Scuola San Gerardo, Haiti

(Port au Prince, Haiti) – Il lavoro missionario dei Redentoristi in alcuni paesi è molto difficile a causa di cause naturali o talvolta per ragioni della stessa realtà politica e sociale della regione in cui vive la missione. Haiti, dopo il terremoto del 2010, non ha raggiunto la stabilità economica e sociale per molte ragioni, tragedie naturali, cattiva gestione politica, reazione popolare incontrollata e altri.
In tempi della pandemia del Covid 19, le missioni redentoriste continuano. Con molte difficoltà, ma continuano con la protezione della santa patrona di Haiti, la Madonna del Perpetuo Soccorso e con la benedizione del Redentore.

Oggi aggiorniamo le informazioni del paese più povero d’America, con una nota inviata da padre Renold Antoine, missionario redentorista:

In una nota firmata dai membri della Conferenza episcopale di Haiti, i Vescovi denunciano la tempesta che si profila all’orizzonte con la pubblicazione degli ultimi decreti del Presidente Jovenel Moïse, che attaccano chiaramente la cultura e i valori del popolo haitiano.
Mentre il coronavirus continua il suo corso nel paese, non in forma letale come era stato previsto, Haiti sta comunque vivendo altre tragedie peggiori della pandemia, come l’insicurezza, la miseria, la disoccupazione, l’insalubrità, l’instabilità politica, la corruzione, ecc. Riguardo a quest’ultima situazione, il governo nazionale pubblica due decreti. Uno parla del numero di identificazione nazionale unico e della carta di identificazione nazionale unica, l’altro del nuovo codice penale. I Vescovi affermano di aspettarsi “coraggio, lucidità, saggezza e, soprattutto, rispetto da parte dell’esecutivo, e di non imporre arbitrariamente al popolo haitiano ciò che è semplicemente contro i veri valori”.
“Noi, Vescovi cattolici di Haiti, vogliamo semplicemente dichiarare con energia che ciò è eticamente e moralmente inaccettabile per diversi aspetti, sia in termini di procedura che di contenuto. In effetti, in vari punti, questo progetto di decreto rappresenta un attacco particolarmente grave all’essenza stessa della nostra umanità. Implica problemi difficili e complessi della vita umana come la maggiore età sessuale, l’incesto, l’orientamento sessuale, il cambiamento di sesso, ecc.” scrive la Conferenza episcopale di Haiti.
Secondo i Vescovi, queste domande richiedono consultazione e riflessione, ecco perché questo progetto comporta notevoli sconvolgimenti che modificano seriamente, e pericolosamente, le basi di ciò che la nostra civiltà ha costruito riguardo al rispetto dell’uomo, della sua dignità, della sua vita, della famiglia.
Secondo quanto comunica padre Renold Antoine, missionario redentorista ad Haiti, i Vescovi hanno invitato l’esecutivo a concentrarsi piuttosto sui problemi reali degli haitiani e a cercare di risolverli, invece di cercare di importare valori stranieri ed esterni alle tradizioni locali. “Ricordiamo al ramo esecutivo che è sua responsabilità morale ed etica non arrendersi alle pressioni ideologiche, da qualsiasi parte vengano, non coinvolgere il popolo haitiano senza consultarlo, in questo modo non può che portare a un collasso ancora più catastrofico di quello che conosciamo oggi. È davvero l’urgenza del momento, attuare e riproporre questo progetto di decreto sul nuovo codice penale, che deve essere assolutamente messo in discussione? ”
Con la loro nota, i Vescovi chiedono che queste decisioni vengano fermate per il bene della popolazione, perché questi decreti minacciano “le basi stesse della nostra società, della nostra convivenza, della nostra cultura, della fede e della morale cristiana”, e invocano la patrona di Haiti: “Possa la Madonna del Perpetuo Soccorso, Patrona di Haiti, proteggerci da ogni male e preservarci da ogni pericolo.”

Padre Renold Antoine, Misionero Redentorista

Print Friendly, PDF & Email