Ordinazione di padre Huy Vu a Denver

0
57

Ho partecipato all’ordinazione di p. Huy Vu domenica 4 ottobre presso la Chiesa di Sant’Alfonso nel centro di Brooklyn. Non era affatto mio prima ordinazione, come ho assistito ad altre negli ultimi anni, quindi mi aspettavo che sarebbe stata praticamente una routine. Le restrizioni necessarie dal COVID-19 hanno cambiato la dinamica e hanno sfidato l’organizzazione dell’evento in numerose occasioni, senza contare che l’ordinazione era stata rinviata più di una volta. Indipendentemente da ciò, le persone si radunarono e tutti furono al loro posto.

Cosa ha reso questo giorno e questa ordinazione speciali per me, così speciale che ho pensato che fosse importante condividere alcuni dei miei pensieri con i membri della provincia di Denver e altri lettori di questa newsletter.

Ho osservato un vero amore e una vera amicizia con e per Huy tra i confratelli riuniti. Sono stato colpito dalla cura profondamente sentita e preoccupazione che è stata dimostrata. C’era il supporto atteso e incoraggiamento che non sarebbe raro da parte della comunità, ma c’era anche qualcosa di più all’opera. Non mi ero sentito così invaso di amore e di incoraggiamento reciproco da molto tempo. Non era finto, né c’era una scena falsa. Piuttosto, era qualcosa che potevo sentire e questo davvero mi ha reso consapevole di questa benedizione e della mia gratitudine. Ho pensato che forse il futuro della Congregazione è in buone mani con questi uomini, miei confratelli.

E infine, devo condividere qualcosa sul cardinale Tobin. Ci conosciamo dal 1966 quando siamo entrati al St. Joe’s a Edgerton come matricole. Come compagni di classe condividiamo un legame speciale, ma allo stesso tempo non siamo facilmente impressionati
dall’altro. Questo giorno sono rimasto colpito. Ho imparato cosa significa essere una “Eminenza”. Porta il titolo e la responsabilità bene. Il suo sermone era magistrale, tessendo accuratamente la teologia del battesimo, la dignità del sacerdozio reale che è tutto di Dio le persone condividono, i sacramenti del matrimonio e degli ordini sacri, e l’invito a “rimanere innamorati”. Non c’era nessun argomento di teologia clericale eccessivamente pia e trionfante che purtroppo sembra essere comune oggi. C’era solo una preoccupazione pastorale e una profonda convinzione che esprimeva facilmente. È stato facile ascoltare e sembrava necessario aprire il cuore, e mi sono ispirato e grato di ascoltare la Parola di Dio proclamata.

Potrei andare avanti, ma queste parole sembrano bastare. Questi sono alcune delle mie osservazioni in questo giorno speciale che ho considerato abbastanza importante da condividere.

Tom Santa, C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email