Vivere la propria vocazione con cuore gioioso

0
304

Audacia, disposizione, disponibilità e senso comunitario sono alcuni aspetti che dovrebbero essere presenti nel cuore di coloro che desiderano rispondere alla chiamata di Dio nella costruzione di un percorso vocazionale. P. Jonas Pacheco, C.Ss.R., riflette sulla vocazione redentorista nel nostro tempo nell’intervista con Brenda Melo.

Quali sono i criteri per una vocazione sana?

La vocazione è molto legata alla risposta che diamo alla chiamata di Dio per aiutare al meglio a costruire il Regno, il modo in cui possiamo servire al meglio il Creatore. Ma, come esseri umani, ci troviamo limitati e la nostra risposta avviene in base alle nostre possibilità. Oggi molte domande permeano il contesto sociale e influenzano le nostre realtà personali. Pertanto, parlare di una vocazione sana diventa una sfida, soprattutto per quanto riguarda i criteri. Penso che Dio ci chieda soprattutto l’apertura per migliorare quegli aspetti che non contribuiscono a un servizio migliore. Non siamo mai pronti, siamo sempre in cammino! Un secondo punto, forse, è capire che la vocazione suppone una risposta come servizio a Dio, alla Chiesa e alle persone a cui siamo inviati. Richiede disponibilità per la costruzione del cammino vocazionale.

P. Jonas Pacheco, C.Ss.R.

Qual è il significato di seguire la vocazione redentorista oggi?

Il significato rimane lo stesso di quando Sant’Alfonso fondò la Congregazione Redentorista. Sono le forme ad essere diverse. Il redentorista deve essere pronto a curare le ferite del mondo di oggi, a offrire alle persone la via di Cristo Redentore. Per contribuire alla missione che abbiamo assunto nella Chiesa di evangelizzare, di essere una luce sul cammino dei più semplici, di alleviare le sofferenze di tanti. E lo facciamo in solidarietà, vivendo in comunità, come corpo missionario. Sono molti gli ambiti in cui lavoriamo, e tutti mirano a trasformare la vita dei nostri fratelli e sorelle.

Qual è la sfida più grande della formazione per la vita religiosa oggi?

La vita redentorista è segnata dalla vita comunitaria, come affermano le nostre costituzioni: “Per compiere la loro missione nella Chiesa, i redentoristi svolgono il loro lavoro missionario come una comunità. Perché la vita apostolica in comune prepara la strada più efficace per la vita di carità pastorale”. (C 21). Oggi l’individualismo segna l’esperienza delle persone. L’idea di libertà, in cui ciascuno compie la propria volontà, si oppone alla dimensione comunitaria. Pertanto, l’individualismo è una grande sfida per la vita religiosa.

Ci parli un po’ dell’incontro dei formatori della Conferenza dell’America Latina e dei Caraibi, tenutosi in Costa Rica, il cui obiettivo era organizzare la Ratio Formationis della Conferenza! Com’è stata questa esperienza?

L’incontro si è svolto dal 3 all’8 luglio, con la presenza dei Segretari della Formazione delle varie Unità redentoriste della Conferenza e della Commissione per la Formazione. Come Segretario per la Formazione della Provincia di Rio, ho partecipato a questo evento. È stato un momento prezioso di conversazione sulla formazione redentorista, che ha visto i punti in comune, le differenze e le questioni culturali che influenzano il processo formativo nei diversi Paesi. La Congregazione, a livello di Governo Generale, elabora la Ratio. In seguito, ogni Conferenza organizza la propria Ratio sulla base di quella creata con criteri più generali, tenendo conto delle questioni più proprie dell’America Latina e dei Caraibi. La valutazione dell’incontro è abbastanza positiva. Ci siamo lasciati con punti significativi da imparare e con il desiderio di continuare a cercare nuove strade affinché la formazione redentorista possa avvenire in modo più adeguato ed efficace.

Qual è il significato di questo documento (Ratio Formationis) per la formazione dei missionari redentoristi?

La Ratio Formationis è un documento della Congregazione che intende affrontare gli aspetti fondamentali della vita redentorista e il modo in cui essi sono essenziali per la vita del missionario Redentorista come formando o congregante. È destinato a essere una sorta di bussola per il redentorista. Mette in evidenza le dimensioni spirituale, comunitaria, umana e accademica. La Ratio dà profondità e significato alla formazione in tutte le sue fasi e allo stesso tempo è un aiuto affinché i programmi specifici di ogni Unità siano guidati dalla legge generale della Chiesa e dalle norme delle nostre costituzioni e statuti.

Lei ha anche partecipato all’incontro dei formatori e degli animatori vocazionali della Nuova Unità Redentorista de RJ-SP-BA. Com’è stato questo momento di condivisione e integrazione?

L’incontro di Salvador (BA) si è svolto dall’11 al 15 luglio, con la partecipazione dei confratelli che lavorano come formatori e promotori vocazionali nelle Unità di Rio de Janeiro, San Paolo e Bahia. Lo scopo era quello di lavorare all’elaborazione di un direttorio per la nuova Unità, che si basa sulla Ratio Formationis e mira all’applicabilità di quanto trattato in quel documento. Il nostro lavoro, quindi, ha riguardato il modo in cui la formazione nella nuova Provincia metterà in atto le dimensioni formative in modo più simile. Va notato che la formazione si svolge nelle tre attuali Unità e presenta aspetti comuni e divergenti. Stiamo gradualmente facendo convergere questi aspetti nel processo di ristrutturazione che darà origine alla nuova Unità della RJ-SP-BA.

Come vede la formazione redentorista con la ristrutturazione, un processo che è già in corso e che ha un’influenza importante sul futuro della nuova Unità?

Il processo di ristrutturazione che stiamo attraversando tocca tutti i confratelli. Ma il processo formativo è il fiore all’occhiello, perché i formandi che entrano in Congregazione vivono già la ristrutturazione in modo efficace. In breve tempo, le Unità daranno vita alla nuova Provincia e i giovani che faranno il loro percorso formativo saranno il frutto del contesto ristrutturato. Abbiamo già delle tappe formative in comune, in cui convivono i formandi delle diverse Unità. Questa è già una ristrutturazione in atto. Il nostro futuro dipende molto da questa nuova mentalità che si sta risvegliando nei confratelli e si costruisce con i più giovani. Tutto questo processo ci permette di lavorare più efficacemente per la missione della Congregazione nel mondo senza barriere.

Che messaggio può lasciare ai giovani che desiderano diventare missionari Redentoristi!

Essere un missionario redentorista come sacerdote o fratello significa rispondere ad una chiamata di Dio nel mondo. In questo modo, la Congregazione vuole toccare i cuori dei giovani per collaborare alla missione redentorista. È un cammino bello e audace in cui ci sentiamo comunità e viviamo la fraternità. Portiamo un cuore gioioso e pieno di speranza per contribuire alla missione di Cristo nella sua Chiesa nel mondo. Perciò vale la pena osare, uscire da noi stessi e sfidarci alla chiamata che Dio fa a ciascuno!

Brenda Melo Giornalista
Per gentile concessione di “Akikolá”, agosto 2022

Print Friendly, PDF & Email