Riassunto della seconda settimana del XXVI Capitolo Generale

0
318

La seconda settimana del Capitolo Generale ha affrontato gli importanti temi dell’Identità Redentorista, della Missione Redentorista, della Vita Consacrata Redentorista, della Formazione Redentorista per la Missione e della Leadership Redentorista per la Missione.

Il lunedì mattina a ogni capitolare è stato consegnato un testo con un paio di domande per la riflessione personale e poi la condivisione di gruppo con l’obiettivo di ripensare l’identità redentorista in un mondo che cambia. Dopo la condivisione a due e il tempo personale per la riflessione e la preghiera, c’è stata una vivace condivisione in ciascuno dei gruppi linguistici. Nel pomeriggio i gruppi hanno riferito sulle loro condivisioni e poi c’è stata una sessione aperta per ulteriori condivisioni.

I capitolari hanno concluso che la Cost. # 20 costituisce il nucleo della nostra identità redentorista, con ogni redentorista che cerca di radicare costantemente la propria identità in Gesù, il nostro Redentore, in una relazione personale con il Signore, per poi sperimentare l’invio del Redentore ai poveri e ai più abbandonati. # 1.

La seconda parte del pomeriggio è stata dedicata alla presentazione del Rapporto della Conferenza dell’Africa e del Madagascar. La Conferenza ha come priorità missionaria i poveri e gli emarginati, le vittime delle superstizioni, della paura e della stregoneria, i migranti e le vittime del traffico di esseri umani, i giovani, i bambini e le ragazze madri. La Conferenza è composta da 10 unità con il progetto di riconfigurazione in due province (provincia dell’Africa nord-occidentale e provincia dell’Africa centrale, orientale e meridionale con il Madagascar). La coordinatrice della Conferenza Noel e Signora Judith hanno risposto alle domande riguardanti le sfide e i piani della Conferenza per il futuro e il partenariato nella missione.

Il secondo giorno si è concentrato sulla Missione Redentorista. Un gruppo di confratelli: Jose Nazarin Ramos dal Messico, Willy Pala dall’Indonesia, Bohumir Zivcak un partner laico dalla Slovacchia e Patrice dal Burkina Faso hanno condiviso la loro esperienza personale di missione e il suo impatto sulla loro vita come Redentoristi. Dopo un momento di preghiera e riflessione personale, c’è stata una condivisione di gruppo sul testo e sulle domande poste riguardo alla missione e alla sua sfida.

La sessione pomeridiana è stata dedicata alle relazioni di gruppo e a una sessione aperta di condivisione. Alcuni dei punti emersi hanno riguardato la creatività e la flessibilità nella missione, la vicinanza alle persone, specialmente ai poveri, la necessità di una forte vita comunitaria che sostenga la missione, l’importanza del discernimento nel dare priorità alla missione, la necessità di imparare da coloro a cui siamo inviati e di ascoltare coloro per cui lavoriamo e con cui lavoriamo, la partnership nella missione è fondamentale e non è più un’opzione, e infine il lavoro di squadra è il marchio della vita e della missione redentorista.

La seconda parte del pomeriggio è stata dedicata alla presentazione del Rapporto della Conferenza dell’Asia Oceania. La Conferenza ha come priorità missionarie i popoli migranti, i poveri materiali, le popolazioni indigene, le famiglie in difficoltà e i giovani abbandonati. La Conferenza ha 13 unità e seguirà un piano di riconfigurazione in 3 Confederazioni 1) Confederazione dell’India composta da Bangalore, Liguori e Majella, 2) Confederazione del Vietnam, Thailandia e Corea del Sud, e Cebu, e 3) Confederazione dell’Oceania, Manila, e Singapore, Sri Lanka e Indonesia con il Giappone. Il Coordinatore della Conferenza Jovencio Ma con Rosanna, laica partner per la missione, ha risposto alle domande sulla vita e la missione redentorista nella Conferenza.

Il terzo giorno è iniziato con la Messa celebrata dal Superiore Generale P. Michael Brehl per la festa di San Matteo e l’intera comunità del Capitolo ha pregato per tutti i confratelli e i partner laici che sono morti a causa del Covid-19 durante i mesi della pandemia. Ogni confratello ha ricevuto un testo sulla vita consacrata redentorista con domande per la riflessione personale e la condivisione di gruppo.

La relazione del pomeriggio si è concentrata sull’importanza della nostra vita apostolica radicata nel Signore Gesù e della nostra vita in comunità che è al servizio della missione, riconoscendo le sfide della vita consacrata e la tensione tra vivere come persone consacrate e vivere la nostra consacrazione più con una mentalità clericale. C’è stato un forte appello a seguire seriamente il Piano Redentorista per la vita comunitaria con una valutazione regolare come strumento per crescere con gioia nella nostra vita consacrata. Sono emersi molti suggerimenti importanti che potrebbero figurare nel messaggio finale del Capitolo, ad esempio dare speranza ai confratelli anziani e malati. Il “Distacco”, parola alfonsiana, è emerso come elemento importante per vivere la nostra vita consacrata.

La seconda parte del pomeriggio si è concentrata sulle relazioni delle due Conferenze dell’America Latina e dei Caraibi e del Nord America.

La Conferenza dell’America Latina e dei Caraibi conta attualmente 26 unità e il piano di riconfigurazione prevede che la Conferenza abbia 7 province. Queste sono: 1) Fortaleza, Recife e Goias, 2) Bahia, Rio de Janeiro e San Paolo, Suriname, 3) Manaus, Campo Grande e Porto Alegre, 4) Buenos Aires, Paraguay, Resistencia, Cile e Uruguay 5) Bolivia, Perù Sud e Perù Nord, 6) Bogotà, Quito, Caracas e 7) America Centrale, San Juan, Haiti e la Missione a Cuba. Si tratta di un piano molto coraggioso e pieno di sfide, ma la Conferenza cerca di andare avanti con questo piano per portare avanti la sua missione verso i poveri materiali, gli indigeni e i migranti, i giovani abbandonati, le famiglie e coloro che hanno perso la fede o non la praticano più. Il coordinatore della Conferenza Marcelo e Vanda Maria de Lima hanno risposto alle domande sulle sfide della Conferenza.

La Conferenza del Nord America ha presentato il suo Rapporto con le sue priorità missionarie: i migranti, gli immigrati, i rifugiati e gli indigeni, i giovani e i giovani adulti e coloro che non sentono il Vangelo come Buona Novella. La Conferenza cerca di riconfigurarsi nelle seguenti unità: Canada, Confederazione di Baltimora, Denver e Messico con Extra Patriam. Il coordinatore della Conferenza Jack Kingsbury e Anne Walsh, partner laico per la missione, hanno risposto alle domande sulla vita e la missione della Conferenza, sottolineando il lavoro dei partner laici per la missione.

Il quarto giorno si è concentrato sulla riflessione sulla formazione redentorista. Dopo una riflessione personale con condivisione a due, il Capitolo si è riunito nei vari gruppi per riflettere sul testo dato e sulle domande riguardanti il modo di procedere con la formazione alla missione. La riflessione pomeridiana si è concentrata sull’importanza della formazione permanente con vari suggerimenti offerti per rafforzare l’identità redentorista, la missione e la vita consacrata in momenti formali di formazione permanente sia per i Redentoristi che per i partner laici della missione. È stata sottolineata l’importanza della selezione dei formatori, della loro formazione, dei valori necessari da sottolineare in un mondo che cambia, come la responsabilità, la trasparenza, ecc. e l’importanza della formazione per le comunità interculturali.

La seconda parte del pomeriggio è stata dedicata alla relazione della Conferenza d’Europa, dove ci sono 12 Province, 1 V Provincia e 1 missione. Il futuro vedrà 1 Provincia d’Europa Sud (Portogallo, Spagna, Roma, Napoli e Francia), la Federazione d’Europa Nord (St Clements, Londra, Dublino, Monaco di Baviera, Vienna) e la Confederazione d’Europa Est (Varsavia, Bratislava, Praga, Michalovce e Ucraina). La Conferenza ha come priorità missionarie: gli abbandonati spirituali, i giovani, i migranti e i rifugiati e coloro che hanno perso la fede. Il coordinatore della Conferenza Johannes, insieme a Bohumir, il partner laico per la missione, ha risposto alle domande sulla missione e sulla vita della Conferenza. Il momento speciale della giornata è stato la sera, quando i confratelli brasiliani hanno preparato una serata barbecue che si è rivelata un momento meraviglioso per rilassarsi, condividere e celebrare la nostra vita come comunità.

Il quinto giorno della settimana il Capitolo ha affrontato il tema della Leadership per la missione. La sessione è iniziata con la condivisione di esperienze personali di leadership e delle sfide dell’essere Superiori Maggiori oggi da parte di 5 confratelli: Jan Hoffman di St. Clements, Cesar Torres di Perù Sud, Benjamin dello Zimbabwe, Biju M di Liguori e Steve Rehrauer. I confratelli e i partner laici hanno poi riflettuto a due a due sul testo dato e sulla domanda che il Capitolo vorrebbe offrire come nuova visione per la Leadership per la Missione nella Congregazione. Nella sessione pomeridiana sono state presentate le relazioni dei gruppi con vari punti sulla leadership emergente e sulla necessità di una formazione permanente per i nuovi leader. Il Procuratore generale P. Jose Carlos ha parlato delle sfide relative alla laicizzazione e ai confratelli che vivono in situazioni irregolari e della necessità di prestare attenzione a questi casi.

La seconda parte del pomeriggio è stata dedicata alla condivisione dei 5 Partner laici per la missione: Anne Walsh dal Canada, Rosanna da Manila, Vanda Maria da Fortaleza, Lady Judith dalla Nigeria e Bohumir dalla Slovacchia. Hanno parlato della loro esperienza di partecipazione al Capitolo generale durante questa settimana. Hanno espresso il grande onore e l’inestimabile dono e privilegio di essere presenti al Capitolo generale. Hanno offerto una condivisione molto onesta e sincera con alcuni suggerimenti stimolanti per prestare attenzione al pericolo del clericalismo e alla realtà della nostra chiamata battesimale alla missione e al ruolo dei laici come discepoli nel seguire il Signore in missione, all’importanza della formazione dei nostri partner laici e alla formazione dei confratelli per essere aperti a lavorare e accompagnare i nostri partner laici, all’importanza dei valori di responsabilità, disponibilità, leadership per i partner laici. Hanno espresso il timore che la maggior parte di ciò che discutiamo qui possa finire solo sulla carta e non essere messo in pratica. Allo stesso tempo, hanno sottolineato l’importanza della Speranza per tutti noi qui al Capitolo. Hanno sottolineato il valore di noi Redentoristi che offriamo un nuovo modo di essere Chiesa dando potere ai nostri partner laici, lavorando per formare la prossima generazione di giovani partner laici. I capitolari hanno poi posto domande e chiarimenti ai partner laici, che hanno risposto con sincerità e gioia. Infine, il P. Generale ha ringraziato i cinque partner laici per la loro presenza e ha detto che noi capitolari ci sentiamo umiliati e privilegiati dalla loro presenza tra noi, poiché andiamo mano nella mano vivendo e lavorando per la stessa missione di proclamare il Regno di Dio. L’intero Capitolo ha poi tributato al gruppo una standing ovation.

La settimana si è conclusa con la presentazione da parte di p. Kevin O’Neil, segretario dei moderatori, del programma per la prossima settimana in vista del Capitolo generale.

Joseph Ivel Mendanha, C.S.R.