Le riforme sinodali del Papa sono “irreversibili”, dice padre Vimal Tirimanna CSsR

0
208

Padre Vimal Tirimanna è uno dei consulenti teologici del sinodo e un professore di teologia morale che insegna in Sri Lanka e a Roma.

Un importante teologo asiatico afferma che la decisione di Papa Francesco di includere donne e uomini non ordinati come membri votanti dell’assemblea sinodale di ottobre è un “passo da gigante” che cambierà irreversibilmente i processi decisionali della Chiesa. 

Il mese scorso, la segreteria del Sinodo ha annunciato che il Papa ha autorizzato una riforma per consentire ad almeno 70 non vescovi di essere membri dell’assemblea sinodale del 4-29 ottobre in Vaticano. Per la prima volta le donne avranno diritto di voto in un sinodo. Padre Vimal Tirimanna è uno dei consulenti teologici del sinodo e professore di teologia morale che insegna in Sri Lanka e a Roma. “Le cose non saranno mai più invertite. È un passo da gigante, non un piccolo passo”, ha detto a un webinar organizzato da The Tablet sul processo sinodale il 17 maggio 2023.

“Anche se non succede nulla nel resto del processo sinodale, questo particolare fatto che 70 non vescovi saranno presenti, è un grande cambiamento. Non credo che possa essere cambiato. Finalmente, ciò che il Vaticano II voleva è stato realizzato – il processo è iniziato”. Padre Tirimanna, sacerdote redentorista che ha partecipato alla stesura del documento sinodale “Allarga lo spazio della tua tenda”, ha spiegato che le riforme di Francesco sono un recupero di ciò che avveniva nei sinodi durante il primo millennio della cristianità. 

Ha ricordato che quando Paolo VI istituì il sinodo dei vescovi nel 1965, non escluse mai che i sinodi si sarebbero evoluti, con la possibilità di diventare “sinodi del popolo di Dio”. I cambiamenti apportati dal Papa, ha detto, sono un tentativo di “mettere in pratica il discorso” del Vaticano II. 

Ma p. Tirimanna ha detto che c’è ancora molta resistenza al sinodo tra i vescovi e da parte di coloro che pensano erroneamente che il Papa stia cercando di portare la Chiesa cattolica in una direzione “protestante”. 

Sono un po’ sorpreso quando sento alcune voci, anche qui a Roma, che dicono: “Questo Papa è venuto dal nulla e sta cercando di fare della Chiesa cattolica una Chiesa protestante””, ha detto.  “Queste persone sono completamente ignoranti perché nel primo millennio, fino alle riforme gregoriane dell’XI secolo [sotto Papa Gregorio VII], tutte le Chiese, anche prima del grande scisma [1054], avevano processi sinodali e un modo di decidere sinodale. Non si tratta quindi di un’iniezione di novità. È piuttosto un ritorno alle nostre fonti originarie”.

Al webinar hanno partecipato anche la professoressa Christina Kheng, docente di leadership pastorale presso l’East Asian Pastoral Institute di Manila, e la dottoressa Elissa Roper, teologa australiana che ha partecipato al processo sinodale del Consiglio Plenario. 

La professoressa Kheng ha affermato che il processo sinodale “per una Chiesa sinodale”, iniziato nell’ottobre 2021 nelle diocesi e nelle comunità cattoliche locali, ha già avuto un impatto significativo. Per molte persone, ha detto, era la prima volta che veniva chiesto loro di partecipare a discussioni sulla Chiesa. “Quando è fatto bene, le persone lo capiscono e capiscono che questo è il modo di essere Chiesa”, ha detto. “Hanno cambiato il modo di vedersi, e ho sentito di vescovi e clero che sono cambiati come risultato del processo”.

E ha aggiunto: “La cosa principale che la gente dice è che non vuole più tornare al vecchio modo, e che nella Chiesa adesso non si può più tornare in dietro. Hanno provato cosa significa essere corresponsabili, partecipare, essere inclusi, e vogliono trovare modi per farlo di più”.

Come padre Tirimanna, la professoressa Kheng ha partecipato alla lettura e alla sintesi dei rapporti, che sono diventati il documento “Allarga lo spazio della tua tenda”.

La professoressa Kheng ha detto che la mancanza di ruoli di leadership per le donne nella Chiesa è un problema sollevato dai rapporti di tutto il mondo, ma che la preoccupazione più urgente è quella di sviluppare stili di leadership sinodale che includano tutti, piuttosto che concentrarsi su una singola questione. “Immaginate se approvassimo l’ordinazione femminile senza affrontare il clericalismo”, ha detto. “Come laica non ordinata, mi troverei ancora più in basso nella catena alimentare”.

La dottoressa Roper, che ha fatto parte del comitato di redazione del Consiglio plenario, ha ricordato le discussioni sulle donne durante l’assemblea del Consiglio plenario australiano a Sydney lo scorso luglio. L’intero processo si è quasi interrotto quando una mozione sull’uguaglianza tra donne e uomini nella Chiesa non ha ottenuto una maggioranza sufficiente di voti. I partecipanti sono tornati al tavolo di lavoro e hanno concordato una mozione rivista. 

“È stato un microcosmo di ciò che dobbiamo fare nella Chiesa: avere i vescovi nella stanza”, ha detto.

“Abbiamo fatto delle tavole rotonde in modo che le reazioni, le emozioni, tutto ciò che portiamo in queste discussioni sia aperto, e poi possiamo discutere di andare avanti insieme”.

I partecipanti alla tavola rotonda hanno convenuto che la Chiesa non può tornare indietro rispetto a ciò che il Sinodo ha iniziato.

P. Tirimanna ha sottolineato la necessità di “strutture concrete” per continuare la sinodalità e garantire una “cultura dell’ascolto e dell’inclusione”. Ha detto che i cattolici laici sono in gran parte favorevoli alla sinodalità e che, sebbene alcuni vescovi siano resistenti, altri sono molto entusiasti. Ha citato un cardinale degli Stati Uniti, non nominato, che ha detto che nonostante le resistenze “il processo andrà avanti”. Il teologo srilankese ha ricordato a tutti che è lo Spirito Santo, più che i vescovi, a guidare la Chiesa. 

per Christopher Lamb – www.thetablet.co.uk, 24/05/2023


Nella Chiesa cattolica è in corso un processo “sinodale” di tre anni che culmina in due incontri sinodali a Roma nell’ottobre 2023 e un anno dopo nel 2024. Il tema generale è “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione, missione”. Christopher Lamb presenta questo webinar dal vivo in cui riflette su dove le discussioni sinodali portano la Chiesa cattolica con gli ospiti Dottoressa Elissa Roper, teologa australiana specializzata in sinodalità nella Chiesa cattolica; Vimal Tirimanna CSsR, Docente di Teologia Morale al Seminario Nazionale Nostra Signora di Lanka, Kandy, Sri Lanka e alla Pontificia Accademia Alfonsiana, Roma e Christina Kheng, Laica di Singapore, che insegna leadership pastorale all’Istituto Pastorale dell’Asia Orientale a Manila. È stata chiamata dal Papa a far parte della Commissione Metodologica che accompagna i lavori del Sinodo. (thetablet.co.uk)