Coppie di sposi in missione a Kaunas nel 2023

0
156

È sempre commovente vedere una coppia sposata che evangelizza insieme in missione. L’anno scorso lo abbiamo sperimentato quattro volte nella nostra arcidiocesi di Kaunas (Lituania) in missioni simili. I Redentoristi cercano di aiutare la comunità a riappropriarsi della vocazione missionaria donata a tutti i battezzati. Per questo tra gli ospiti che aiutano a far crescere nuovi discepoli e missionari ci sono le coppie sposate (a volte anche con i loro figli).

Durante il periodo zarista russo e il comunismo, l’anima della nazione lituana fu gravemente ferita. Molte persone furono esiliate in Siberia e altrove, e le famiglie furono divise. In questo periodo post-totalitario si avvertono i sintomi di ferite storiche più profonde. Molte famiglie si disgregano e la presenza degli uomini nella Chiesa è molto debole.

Questo è uno dei motivi per cui la missione di evangelizzazione dei coniugi di altri paesi costituisce una parte così importante dell’impegno missionario. Queste coppie sposate di discepoli e missionari di Gesù sono un nuovo incoraggiamento e un modello non solo per i sacerdoti ma per le famiglie e i laici.

Molti sacerdoti in Lituania imparano a lavorare con i laici. Quindi, queste visite aiutano le comunità lituane a crescere in quest’area. In alcune parrocchie si notano anche segni di clericalismo. La presenza di testimoni laici competenti e appassionati del Vangelo è un adeguato antidoto a questa malattia.

Poiché molti Redentoristi di Bratislava – Praha cooperano attivamente nella proclamazione del Vangelo con i partner laici nella missione, la consapevolezza dell’importanza di farlo insieme è molto forte nel ministero dei redentoristi slovacchi che lavorano in Lituania. Fanno anche parte di una fraternità missionaria laica, “L’Albero della Vita”, che collabora con i Redentoristi nelle missioni parrocchiali e in altri impegni missionari.

Nel marzo di quest’anno a Kaunas abbiamo avuto Michelle e Peter Moran, insegnanti ed evangelisti dall’Inghilterra. A giugno Scott e Donna Underwood, artisti dagli USA e Ilona e Bosse Vetterud dalla Svezia. La testimonianza e il ministero di tutte queste coppie sono stati una ventata di fresco dinamismo missionario in Lituania. Ognuna di queste coppie merita un articolo ampio e separato.

Recentemente, nel mese missionario di ottobre, abbiamo avuto il privilegio di ospitare un’altra coppia missionaria nella nostra arcidiocesi: Jude e Veronica Antoine dalla Malesia. Entrambi hanno lasciato il lavoro trent’anni fa. Jude lavorava in una banca e Veronica era ai vertici della Volvo. Ora le loro due figlie vivono in Slovacchia, costruendo squadre missionarie per evangelizzare in Europa e prestando servizio prevalentemente, ma non esclusivamente, in Europa. Jude e Veronica hanno servito finora in 40 paesi in tutto il mondo.

Tra gli altri incontri importanti, si sono incontrati con la Facoltà Teologica Cattolica dell’Università Vytautas Magnus. (Due Redentoristi slovacchi, Rastislav Dluhý e Peter Hertel, lavorano lì come cappellani). L’enfasi di tutto il discorso è stata rivolta al principio fondamentale che dal nostro battesimo tutti siamo chiamati ad essere missionari; non è solo un compito del clero. Per il loro discorso hanno scelto il titolo: “Lituania – una missione evangelistica”.

Per i Redentoristi, anche queste visite di missionari provenienti da altri sono un dono. È come una boccata d’aria fresca e un amichevole incoraggiamento a continuare.

P. Rastislav Dluhý CSsR