Dal Lavoro informatico a Missionario redentorista

0
170

Novembre, come ogni altro mese, è dedicato alla vocazione nelle Filippine. La mia vocazione è stata piantata in India, germinata a Singapore/Malesia, curata e rifinita nelle Filippine, ed è ora pronta a dare i suoi frutti ovunque il Redentore chiami!

Il titolo di questo piccolo articolo riassume la storia della mia vocazione. Dal mio punto di vista, la frase “dal software alla missione” (nell’originale inglese: “from software to missionware”) è un invito all’azione per gli ingegneri del software come me affinché utilizzino i talenti e le competenze “digitali” donati loro da Dio per raccogliere la sfida di partecipare alla missione continua del Redentore che ha un impatto divino positivo in questo mondo di realtà diverse e intelligenza artificiale. Credo che tale impegno possa contribuire ad assumere un significato nuovo nell’esplicito annuncio del messaggio del Regno di Dio. È una chiamata ad andare oltre l’ambito dell’ingegnere e a diventare missionario e amministratore in una comunità apostolica e fare la differenza nella vita delle persone attraverso il carisma.

Sono nella mia ultima fase di formazione iniziale come Redentorista e sto cercando di diventare un Missionario Religioso Professo Perpetuo. Se potessi scegliere tre elementi della mia formazione iniziale che mi hanno aiutato a seguire il Redentore, sarebbero i seguenti:

In primo luogo, il programma di formazione stesso. Vivo presso la Comunità di Formazione Redentorista di Davao (DRFC), che è di natura multinazionale e multiculturale. Attraverso vari canali di formazione, come la direzione spirituale regolare, il colloquio individuale con un formatore e mentore esperto e il lavoro con i confratelli, sono stato guidato a conoscere gradualmente i movimenti dello Spirito Santo nella mia vocazione. Soprattutto, è, e sarà per sempre, la vita di preghiera, il rapporto con Cristo e la capacità di essere adattabile e attento alle sfumature della comunità (come tensioni, differenze e lavorare insieme) che mi hanno sostenuto in questi momenti. più di otto anni. Sorseggiare un caffè in un ufficio aziendale con aria condizionata o lavare i water in seminario non mi ha umiliato, ma mi ha reso una persona migliore per la vita. Sono molto grato a tutti i miei confratelli per la loro correzione fraterna, ai formatori per le loro affermazioni, ai direttori spirituali e alla mia famiglia e ai miei amici che mi hanno sostenuto e continuano a farlo in questo cammino.

In secondo luogo, l’esperienza di immersione che ho avuto al Vasai Mumbai. Sotto la guida di padre Andrew Dantis, CSsR, Sir Valentine Soreng e Mam Sushma Kiro, sono stato introdotto alla vita dei migranti di Chhotanagpur attraverso Pahunch (un’organizzazione della provincia della Majella, Mumbai, per raggiungere i migranti). La regione dell’altopiano di Chhotanagpur, nell’India orientale, ospita una vasta popolazione di Adivasi, o popolazioni indigene. Molti di questi Adivasi migrano (sia spinti che per volontà propria) a Mumbai in cerca di opportunità di vita. Una delle maggiori concentrazioni di migranti di Chhotanagpur a Mumbai si trova nel sobborgo di Vasai. Qui lavorano in una varietà di settori, tra cui l’edilizia, la produzione e i servizi domestici. Insieme al team di Paunchy, settimana dopo settimana, io e p. Richard Rodriques, CSsR, abbiamo viaggiato negli affollati treni di Mumbai verso varie baraccopoli di Vasai come Jankipada, Shanthipada, Fatherwadi, Goraipada, Rajiyawali, Sathyawali, Boidapada, Bagralpada, Naigaon East (qui è presente anche la nostra comunità), Bakipada, Nalasopara, Virar e Dhabi. Abbiamo ascoltato le loro storie, mangiato con loro e condiviso i momenti che Dio ci ha donato. Nonostante le nostre limitazioni linguistiche, è stata davvero un’esperienza ricca di cui avrei fatto tesoro personalmente per il resto della mia vita. Queste esperienze mi hanno aiutato a conoscere i poveri e, attraverso quegli incontri, a vedere in loro il Redentore e, infine, a rafforzare la mia vocazione. Come riassunto della mia esperienza di immersione di 10 mesi, ho scritto questo documento di missiologia, che presto difenderò presso l’Istituto Teologico e Missionario Sant’Alfonso a Davao, nelle Filippine.

In terzo luogo, i confratelli redentoristi di Singapore e della Malesia mi hanno ispirato in un modo o nell’altro. La ricca tradizione della missione dei Redentoristi a Singapore e della casa miracolosa di Madre Maria – la Chiesa di Sant’Alfonso, popolarmente chiamata Chiesa della Novena, ha toccato molti pellegrini come me. Ho trovato il tesoro della grande perla attraverso la fede della gente comune. Grazie alla forza del Redentore, ho potuto prendere la “decisione più stupida della mia vita” (secondo le parole di molti miei colleghi di lavoro) di licenziarmi dal lavoro a tempo indeterminato ed entrare in seminario. Dopo essere stato nella formazione per più di otto anni, posso ripetere con gioia “ne vale la pena” e proverei comunque a prendere la stessa decisione se dovessi rifare tutto da capo. I miei amici della parrocchia di Cristo Re, Ang Mo Kio, Singapore, hanno fatto una grande differenza nella mia vita permettendomi generosamente di far parte della loro squadra della chiesa per molti anni, e devo molto a loro per quello che sto diventando oggi .

Questo è il mio viaggio dal software alla missione e non vedo l’ora di entrare nella formazione continua come missionario redentorista a pieno titolo. “Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato”. (Matteo 28:19-20)

Antony CSsR

Antony emetterà la professione perpetua dei voti il 7 gennaio 2024 nella Chiesa di Sant’Alfonso (Chiesa della Novena). Celebriamo con speranza e gioia il dono della vocazione ad essere missionario redentorista.