Le famiglie redentoriste partecipano al pellegrinaggio e agli incontri ad Aparecida

0
150

Il pellegrinaggio e l’incontro offrono momenti di grande gioia, convivialità, formazione e spiritualità.

La famiglia è la culla di ogni vocazione e il luogo dove si apprendono i primi valori. Per celebrare il sentimento speciale di avere una famiglia, la Provincia Nossa Senhora Aparecida ha organizzato la 41ª edizione del Pellegrinaggio e Incontro dei membri della Famiglia Redentorista, dal 2 al 4 dicembre.

Ogni anno, il pellegrinaggio che visita il Santuario Nazionale di Aparecida e l’incontro che riunisce le famiglie dei missionari redentoristi presso il Seminario Santo Afonso offrono un momento di grande gioia, convivialità, formazione e spiritualità. L’evento è stato organizzato da padre José Luis Queimado, che ha animato l’evento, e da fratel Marco Lucas, che ha organizzato le attività e accolto le famiglie.

Nel 2023 hanno partecipato all’incontro e al pellegrinaggio circa 200 persone. La tradizionale manifestazione riserva momenti speciali. Tra questi, il Rosario Vocazionale celebrato questo venerdì (01) che ha ricordato la vocazione di Padre Vítor Coelho. Sabato (02), l’incontro è stato caratterizzato da una formazione guidata da padre Pedro Cunha, che ha riflettuto sui valori e sulle realtà presenti nelle famiglie.

Il pomeriggio è proseguito con una rappresentazione teatrale e con le testimonianze delle famiglie sui loro familiari redentoristi. Alla fine della giornata, tutti si sono riuniti alle 18 per la Messa presso l’Altare Centrale del Santuario Nazionale.

L’oblata redentorista Maria Helena Malta ha affermato che la presentazione dell’opera teatrale intitolata “Esodo” è stata parte di tutto il secondo semestre di questo anno formativo dei seminaristi, attraverso il lavoro dell’insegnante di Espressione, Comunicazione e Vita.

“Tutti noi abbiamo fatto una sorta di ‘uscita’ in questa vita e, ispirandoci alle scene della storia delle persone che soffrirono la schiavitù a Babilonia e durante la colonizzazione del Brasile, così come alle tappe fondamentali dei problemi quotidiani, della siccità, la fame, le dipendenze che schiavizzano, la depressione, ecc., cerchiamo di ritrarre la sofferenza delle persone, con l’obiettivo di promuovere l’importanza della vita sociale, dell’empatia e dell’esercizio dei valori cristiani”, afferma il seminarista Euler da Imaculada.

A12.com