Spagna: una pastorale liberatrice

0
159

Prigionieri, incarcerati, privati della libertà, delinquenti, colpevoli, trasgressori …. I destinatari della pastorale carceraria sono chiamati con molti nomi: noi li chiamiamo semplicemente “fratelli” e, quando parliamo di loro, “fratelli detenuti”. Il Signore dice in Matteo 25, 36: “Ero in prigione e siete venuti a trovarmi”. Questo è ciò che facciamo nella Pastorale carceraria, visitare il Cristo sofferente nel fratello imprigionato.

Siamo fortunati di poterci occupare di una realtà dimenticata e veramente abbandonata. Molti di questi fratelli non vengono visitati nemmeno dalle loro famiglie. L’unica visita che ricevono è quella della Pastorale carceraria. Una visita che arriva in un momento chiave della loro vita: quando hanno toccato il fondo, quando l’unica cosa che gli rimane è il Signore che soffre la pena al loro fianco, che né nell’ora più buia, né nella solitudine più assoluta della cella, lascia la loro mano.

La comunità redentorista di Valencia, che vive nel quartiere di Nazareth, è una comunità molto significativa in Spagna perché è immersa in realtà sociali che richiedono un impegno costante. La comunità gestisce una scuola in questa zona alla periferia di Valencia, si occupa delle donne nel contesto della prostituzione e dell’esclusione nel quartiere, ma soprattutto è impegnata nella pastorale carceraria. I Redentoristi svolgono questo lavoro in collaborazione con diversi carismi che si occupano dei fratelli e delle sorelle detenuti. Inoltre, in momenti particolari partecipano i giovani della Pastorale Giovanile Vocazionale Redentorista, come durante la Settimana Santa con la Pasqua Sociale o il campo di missione sociale in estate.

La pastorale in questo contesto carcerario deve essere adattata. Non è possibile fare pastorale come in parrocchia o nel santuario, perché ci sono molte restrizioni in termini di materiale, spazio e persino di persone con cui formare gruppi. I “fratelli detenuti” sono separati per moduli. Alcuni moduli non possono essere messi insieme ad altri. Per qualsiasi attività si voglia fare, è necessario preparare un ordine che deve essere firmato dagli agenti di sicurezza. Come spiego ai volontari che collaborano con noi: “in carcere tutto va più lentamente”.

Grazie a Dio abbiamo una grande squadra di volontari che dedicano il loro tempo e le loro preghiere ai nostri fratelli e sorelle privati della libertà, fanno le prove con il coro per l’Eucaristia, fanno catechesi, fanno cineforum o club di lettura. Ogni scusa è buona per stare con i nostri fratelli e sorelle, perché è questo che facciamo davvero: stare con loro. E che grande benedizione è poter stare con persone in cui si vede il volto sofferente di Cristo. Che è meraviglioso fare ciò che il Redentore ci chiede e una volta poter dire: “Eri in prigione e siamo venuti a trovarti”.

P. Álvaro Ortiz Jiménez de Cisneros C.Ss.R
Cappellano del Centro Penitenziario di Picassent –
Missionari Redentoristi di Valencia